TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
14 min
Castel San Pietro si fa più digitale
Il comune ha annunciato l'attivazione del servizio e-cittadino
MANNO/ LOCARNO
1 ora
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
2 ore
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
12 ore
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
13 ore
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
BELLINZONA
13 ore
Sfitto a Bellinzona, scatta l'interrogazione
A quanto ammontano le case vuote nella capitale? I Verdi lo chiedono al Municipio
AGNO
14 ore
Cento primavere per Bruna Bernasconi
È stata festeggiata oggi alla Casa Anziani Cigno Bianco, dove risiede la neocentenaria.
LUGANO
15 ore
Nuovo CdA alla guida delle AIL SA
La presidenza sarà assunta da Angelo Bernasconi. Vicepresidente Fabio Forrer, Lukas Bernasconi segretario.
CANTONE
15 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
16 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
LUGANO
16 ore
Quale futuro per lungolago e centro cittadino?
Sono stati resi pubblici oggi i risultati dei Mandati di studio paralleli commissionati dal Municipio.
CANTONE
03.02.2021 - 17:360

I disabili «grandi dimenticati» nella strategia vaccinale

Interrogazione di Henrik Bang e cofirmatari al Consiglio di Stato affinché vengano inseriti tra le priorità

BELLINZONA - Le persone con disabilità che vivono in case, istituti speciali e reparti medicalizzati non solo non hanno ancora potuto beneficiare della vaccinazione anti Covid-19, ma nemmeno sanno se e quando saranno inserite in una lista di priorità. Dell'argomento si è già parlato più volte ed è stato rilanciato da Danilo Forini, direttore cantonale di Pro Infirmis, quando sono emerse le "vaccinazioni improprie" nei consigli di fondazioni delle case anziani. La questione viene ora portata sul tavolo del Consiglio di Stato dal gruppo socialista, con un'interrogazione.

Stando ai firmatari (il primo è Henrik Bang) «in Ticino si è applicata la strategia nazionale di vaccinazione Covid-19 in maniera particolarmente dogmatica rispetto alla priorità assoluta del fattore età», nonostante l’UFSP abbia indicato che «è responsabilità dei cantoni definire correttamente i gruppi target e somministrare le dosi di vaccinazione disponibili a coloro che hanno più bisogno di essere protetti».

All'attenzione del Governo viene inoltre portata la testimonianza di una donna, madre di un 36enne affetto da tetraparesi spastica con grave disabilità e con spesso problematiche polmonari e neurologiche associate. «Forse non si capisce bene cosa vuol dire far rimanere in camera in isolamento una persona che non riesce ad esprimersi verbalmente», scrive la donna. Una testimonianza che si somma a quella di un'altra madre alle prese col figlio «che non sta mai fermo» e che non rispetta le misure anti Covid.

I socialisti definiscono le persone che vivono o frequentano istituti per invalidi Lispi come «i grandi dimenticati di questa strategia vaccinale, assimilati alle persone che scontano delle pene in carcere, in ultima posizione di priorità prima della popolazione sana».

Le domande poste al Consiglio di Stato:

1. Quali sono state le considerazioni che hanno portato a non inserire con priorità assoluta in Ticino la categoria “persone affette da malattie croniche ad altissimo rischio indipendentemente dall’età”?
2. Perché non si sono considerate le “case medicalizzate” e i “reparti medicalizzati” Lispi - sottoposte alla Legge sanitaria e a vigilanza dell’Ufficio del medico cantonale - come “Pflegeheimen”, assimilabili quindi alle case per anziani nella strategia nazionale?
3. È possibile procedere immediatamente alla vaccinazione del centinaio di ospiti con malattie croniche ad altissimo rischio ospitate in questi reparti?
4. Conferma che in generale le persone con malattie croniche, a prescindere dall’età, saranno le prossime persone (assieme agli over 80 anni) a poter accedere alla vaccinazione, non appena le forniture di vaccini lo permetteranno?
5. Come e quando si intende procedere con la vaccinazione delle persone disabili che vivono “segregati” nelle strutture residenziali e di coloro a domicilio che sono privati di buona parte dell’offerta ambulatoriale?
6. Il Consiglio di Stato non ritiene opportuno, se non dovesse ritenere di avere i margini di manovra per agire differentemente, di sollevare presso le autorità federali, come più volte fatto in questa pandemia, un’accorata richiesta di riconsiderare la priorità di vaccinazione delle persone con disabilità?
7. Come giudica il Consiglio di Stato queste somministrazioni “privilegiate” a categorie non previste nelle Case per anziani?
8. Quali misure di controllo sono in vigore e quali nuove misure sono previste per evitare somministrazioni non previste?

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 08:27:00 | 91.208.130.87