keystone-sda.ch / STF (Burhan Ozbilici)
SVIZZERA
29.05.2021 - 13:580

«Un "no" alle urne avrebbe avuto conseguenze più gravi»

Ignazio Cassis ha commentato le motivazioni che hanno spinto il Governo ad abbandonare i negoziati sull'Accordo quadro

Per il Consiglio federale era chiaro che la proposta «non sarebbe mai passata davanti al popolo»

BERNA - Un voto popolare contro l'accordo quadro avrebbe avuto conseguenze molto più gravi della decisione del Consiglio federale di interrompere i negoziati con l'Unione europea.

È quanto ha dichiarato Ignazio Cassis ai microfoni della "Samstagsrundschau" dell'emittente SRF.

A causa delle «differenze sostanziali» con l'Ue, alla fine era chiaro per il Consiglio federale che la proposta «non sarebbe mai passata davanti al popolo», ha detto Cassis, confermando in parte quanto dichiarato dallo storico Thomas Maissen

Questo è stato uno dei motivi per cui il governo si è preso la sua responsabilità e ha deciso di interrompere le trattative. Secondo il Consigliere federale ticinese non sarebbe stato opportuno, in termini di politica interna, consultare il popolo su una proposta che lo stesso Consiglio federale non appoggiava.

Il Governo non ha mai perso un voto sulla politica europea, ha precisato Cassis. Un "no" alle urne avrebbe quindi avuto conseguenze più gravi per le relazioni della Svizzera con l'Ue. Il capo del Dipartimento degli affari esteri (DFAE) ha inoltre spiegato che un progetto di legge può essere presentato al Parlamento solo se approvato dallo stesso Consiglio federale.

In definitiva, il governo è giunto alla conclusione che le conseguenze politiche dell'Accordo quadro in discussione sarebbero state in ogni caso più gravi - per la Svizzera - rispetto all'interruzione dei negoziati.

La decisione, ha aggiunto Cassis, è stata presa in conformità con le regole della Costituzione svizzera e delle leggi vigenti. 

Precisando di avere dovuto spiegare i contenuti dell'Accordo quadro con l'Ue in decine di occasioni, Cassis si è peraltro detto sollevato dal fatto che il Consiglio federale abbia raggiunto una decisione dopo tanti anni di tira e molla e «dopo tante fasi che hanno reso necessari continui chiarimenti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MrBlack 3 mesi fa su tio
Bravo Cassis. Ottimo risultato come tutto quanto hai fatto per il paese da quando sei stato eletto. Ma…esattamente cosa hai fatto? A me personalmente, oltre a questo completo fallimento, non viene in mente nulla di nulla.
seo56 3 mesi fa su tio
Ahahah... e questo è il nostro ministro degli esteri 😂😂😂😂😂
Princi 3 mesi fa su tio
@seo56 la penso come té
Wunder-Baum 3 mesi fa su tio
Quindi ? Tutto finisce qui ? Non sono d'accordo con tutto il rispetto. Significa quindi che gli accordi che sono stati siglati all'epoca erano blindati senza possibiità di negoziazione ? Ora cosa facciamo ? Gli scenari economici sono cambiati ! Hanno paura per un referendum ? Beh, posso capire la loro paura !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 10:44:27 | 91.208.130.85