Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
25 min
«Il mio obiettivo? Mille supermercati in Svizzera»
È in carica da due settimane: il nuovo CEO di Coop, Philipp Wyss
GINEVRA
9 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
14 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
FRIBURGO
15 ore
Incidente al passaggio a livello, 26enne in ospedale
La donna è finita contro il palo della barriera del passaggio, che in quel momento era alzata.
SVIZZERA
16 ore
Sicurezza rafforzata tra le comunità israelite svizzere
Non c'è un particolare timore d'incidenti legati al conflitto in Medio Oriente
BERNA
16 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
VALLESE
17 ore
Capannone agricolo in fiamme
Nell'incendio che si è verificato in Vallese non si registrano feriti
SVIZZERA
18 ore
Positivi anche dopo il vaccino, 129 in Svizzera
Per l'UFSP questo numero sarebbe in parte imputabile all'efficacia non totale dei preparati.
BASILEA CAMPAGNA
22 ore
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
1 gior
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
SVIZZERA
1 gior
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
1 gior
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
GINEVRA / BASILEA
1 gior
Solidarietà con i palestinesi, in 500 a manifestare
300 persone si sono ritrovate a Ginevra, altre 200 a Basilea.
ZERMATT
1 gior
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
NEUCHÂTEL
1 gior
A Neuchâtel un nuovo salone internazionale di orologeria
Si chiama "Imagination" e dall'1 al 6 settembre dovrebbe ospitare un centinaio di espositori.
PORTOGALLO / SVIZZERA
1 gior
Il Portogallo apre al turismo, anche alla Svizzera
Tutti i viaggiatori dovranno però presentare un test PCR negativo effettuato nelle 72 ore precedenti l'ingresso
SVIZZERA
1 gior
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
1 gior
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
ZURIGO
1 gior
Donna spinta sui binari, «Ho tenuto a terra il responsabile»
Arrestato un 27enne di origini eritree. Il testimone: «Lui si è comportato come se non fosse successo niente».
SVIZZERA
09.01.2021 - 18:020
Aggiornamento : 10.01.2021 - 11:00

Nuovo giro di vite per frenare il virus: l'UDC non ci sta

La reazione dei partiti al pacchetto di misure proposto e messo in consultazione dal Consiglio federale

Sul tavolo il telelavoro obbligatorio e una chiusura dei negozi che non vendono prodotti di prima necessità. Una decisione potrebbe arrivare già mercoledì.

BERNA - La maggioranza dei partiti sostiene l'inasprimento delle misure di lotta alla pandemia poste in consultazione mercoledì scorso dal Consiglio federale. Solo l'UDC si oppone fermamente al giro di vite, definendolo un «secondo confinamento».

In una nota odierna, la formazione politica critica in particolare una possibile chiusura di negozi che non offrono articoli di prima necessità. Nel suo comunicato, l'UDC si oppone pure all'obbligo di telelavoro, a quello di indossare mascherine in luoghi chiusi quando è possibile mantenere le distanze, alla limitazione degli incontri a due famiglie e alla regola delle 10 persone.

Per combattere le nuove varianti britannica e sudafricana del virus, l'UDC chiede al Consiglio federale di prendere misure alle frontiere, con l'imposizione di test rapidi o quarantene alle persone provenienti da regioni a rischio. Auspica che non si mettano a repentaglio le competenze federaliste dei Cantoni e chiede al Governo di revocare immediatamente le misure adottate contro i ristoranti e le strutture sportive, ricreative e culturali.

Il sostegno "critico" del PLR - Anche il PLR è abbastanza critico sulla gestione della pandemia da parte del Governo. Mercoledì ha descritto la politica di Berna come poco chiara e mutevole. Ritiene per esempio che la campagna di vaccinazione sia iniziata troppo lentamente e si oppone all'obbligo del telelavoro.

Interpellato oggi dall'agenzia Keystone-ATS, il portavoce del PLR Arnaud Bonvin ha però sostenuto ulteriori chiusure se la situazione lo dovesse richiedere. La cosa più importante, ha detto, è che gli aiuti raggiungano rapidamente le imprese colpite. Spetta agli esperti consigliare il Governo su quante persone possano incontrarsi, ha aggiunto. Il PLR chiede al Consiglio federale di essere più chiaro su questo punto, mentre finora sembra navigare a vista, ha detto Bonvin.

Misure sanitarie ma anche aiuti - Da parte sua, il PS sostiene complessivamente le misure previste dal Consiglio federale. La priorità è ridurre il numero di infezioni, ha indicato oggi la sua co-presidente, Mattea Meyer, all'agenzia Keystone-ATS. Il partito sostiene chiaramente l'obbligo del telelavoro e, come ultima risorsa, la chiusura delle imprese.

Le misure sanitarie devono però andare di pari passo con il sostegno finanziario per chi è colpito, ha aggiunto Meyer, sostenendo che il Consiglio federale lascia queste persone nell'incertezza.

Gli altri partiti avevano già reagito dopo l'annuncio del Consiglio federale di mercoledì. Il PPD sostiene l'approccio dell'Esecutivo e le ulteriori restrizioni. Ha sottolineato che il sostegno finanziario deve però essere convogliato rapidamente verso tutti i settori interessati.

I Verdi liberali sostengono l'inasprimento delle misure, ma vorrebbero che si spingessero oltre. Considerano la riduzione del numero dei casi e dei decessi una priorità, ha affermato il suo segretario generale, Michael Köpfli.

Per loro, come per i Verdi, che sono meno d'accordo con le proposte formulate mercoledì dal ministro della sanità Alain Berset, il telelavoro dovrebbe essere reso obbligatorio dove possibile: una semplice raccomandazione non è sufficiente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 4 mesi fa su tio
Vogliono far chiudere? Va bene... però poi tirano fuori i soldi per pagare gli affitti e le spese. Troppo bello ordinare di chiudere e lasciare tutti nella m**** .
Luca 68 4 mesi fa su tio
Vevere non sei capace a fare i compiti, siamo quelli con il più alto tasso di mortalità al mondo!! e in ogni caso prima la salute i bambini anno tutta la vita per studiare, non è certo qualche settimana in casa che fa la differenza. ma sé si ammalano i genitori li rovina per tutta la vita. smettiamola di fare i capricci e vediamo le cose come sono!!
8Paola3 4 mesi fa su tio
É l‘UDC che deve chiudere i battenti. Se le cifre e le persone che muoiono non sono veritiere.... Troppo facile parlare e non mettersi al fronte...
Nmemo 4 mesi fa su tio
Gli avvoltoi della politica, siano UDC, siano PLR, invadono un campo che non deve assolutamente governato dalla politica dei Partiti. L’emergenza CV è sanitaria e di protezione della popolazione; il riferimento prioritario deve restare la scienza.
don lurio 4 mesi fa su tio
Nuovo giro di vite ,hanno ragione dovevano farlo molto prima.L'epidemiologo Cristian Althaus ha ragione dando le dimissioni, perché non ascoltarlo. Adesso entra ancora l'UDC e altri partiti che non danno ascolto ai professionisti di Epidemiologia. I politici criticano solamente guardando al futuro raccogliere VOTI.
seo56 4 mesi fa su tio
Mai più voterò UDC 😡😡😡😡😡
Volpino. 4 mesi fa su tio
Mi sa che tutti mettono il carro davanti ai buoi, altro che la banca centrale cinese che ha pompato 700 miliardi di Yuan nelle banche. Qui i soliti piagnistei e lamenti senza una vera soluzione.
Fabio bianconero 4 mesi fa su tio
Difficile giudicare....certo la situazione attuale è drammatica....credo sia arrivato il momento di fare un profondo ma profondo ragionamento....L immunità di gregge non ha funzionato, L isolamento neppure....bisogna avere il coraggio di andare a fondo delle cause , ma questo è un problema che solo a livello mondiale si può risolvere e secondo me i cinesi la sanno lunga....la situazione è drammatica basta nascondere la verità!!!
Giulietto 4 mesi fa su tio
Auspico che arrivi un aiuto immediato anche per i disoccupati perché trovare un posto libero è davvero un’impresa impossibile di questi tempi se non sei medico o infermiere...
Volpino. 4 mesi fa su tio
@Giulietto Basta ordinare alla banca nazionale di stampare i soldi, almeno in America e altri paesi fanno così invece di mettere il carro davanti ai buoi come qua.
Equalizer 4 mesi fa su tio
La prossima chiusura farà molto male, lo sanno tutti, ma non è evitando di fare i test che ci salviamo, vedo gente che continua a dire che ce ne sono sempre di meno di infettati, si è vero se lo prendi come numero assoluto, ma qui fa stato la percentuale che da esattamente l'idea della penetrazione del problema, quindi non è il numero assoluto ma la percentuale proporzionale.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@Equalizer Infatti moriremo tutti. Di fame.
OrsoTI 4 mesi fa su tio
Udc!! Dopo aver bocciato gli aiuti per gli affitti e mandato sul lastrico i commercianti..... ora si oppongono al lokdown! Siete insopportabili
Veveve 4 mesi fa su tio
Chiudere i negozi🤣🤣🤣ma se sono sempre vuoti! Solo gli alimentari sono strapieni! Poi cosa fanno sigillano come a marzo le corsie dei supermercati dove vendono cose non prioritarie... neanche il COVID si trasmetta solo nel reparto mutande e piangiami ma non in quello frutta e verdura! 😤
Veveve 4 mesi fa su tio
@luca68...dimenticavo...perché non ti trasferisci in Cina? Ti troveresti benissimo🤣ti mettono anche i sigilli sulla porta d’entrata x essere sicuro che tu non esca!!!😤
Veveve 4 mesi fa su tio
@luca68...infatti si vede il resto dell’Europa sono stati chiusi in casa per quasi un anno con il risultato che hanno comunque un tasso di mortalità più altri del nostro! Ma stai te chiuso in casa se vuoi io NO GRAZIE! Le scuole poi DEVONO rimanere aperte e’ un diritto dei ragazzi studiare! Già gli stiamo rovinando la vita ora chiudiamoli pure in casa😤 ! La didattica a distanza non serve a NIENTE!
lollo68 4 mesi fa su tio
@Veveve Sono pienamente d'accordo! Hanno raddoppiato le persone con problemi psicologici e la fascia più colpita è quella dei giovani (14-24 anni). Io misurerei la temperatura delle persone alle frontiere, al lavoro e nei negozi come viene già fatto negli ospedali.
Luca 68 4 mesi fa su tio
non solo negozi, anche e soprattutto cantieri, e scuole anche elementari, con la nuova variante anche i bambini sono più contagiosi, un bambino contagiato anche se asintomatico può infettare un intera famiglia. basta con queste mezze misure, siamo gli zimbelli d'Europa!!
Duca72 4 mesi fa su tio
@Luca 68 Concordo completamente!!!!!!
#Cleo 4 mesi fa su tio
@Luca 68 vero!!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 06:25:24 | 91.208.130.87