Keystone
Al-Jalaa tower a Gaza City, sede dell'Associated Press e del giornale Al Jazeera,
ISRAELE
15.05.2021 - 18:380

L'Onu: «Il coinvolgimento di civili equivale a crimini di guerra»

L'Alto Commissario per i diritti umani Bachelet si è appellato a Israele e Hamas per una de-esclation delle violenze.

La situazione «si è deteriorata a un ritmo allarmante» e sarebbe stata alimentata dai leader di entrambe le parti.

GAZA - L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha rivolto oggi un appello al rispetto rigoroso del diritto internazionale e ha invitato tutte le parti a prendere provvedimenti per allentare la situazione sempre più allarmante in Israele e nei Territori palestinesi occupati, denunciando possibili crimini di guerra.

Una situazione esasperata dalle parti - «Negli ultimi 10 giorni, la situazione nei Territori Palestinesi Occupati e in Israele si è deteriorata a un ritmo allarmante» e «invece di cercare di placare le tensioni, la retorica infiammatoria dei leader di tutte le parti sembra cercare di accrescere le tensioni», ha denunciato Bachelet.

Il coinvolgimento di civili - L'Alto commissario Onu ha ammonito che il lancio indiscriminato di un gran numero di razzi da parte di gruppi armati palestinesi su Israele, comprese aree densamente popolate, è in chiara violazione del diritto internazionale umanitario ed equivale a crimini di guerra. A Gaza, dove si sono verificati estesi attacchi aerei israeliani e bombardamenti da terra e mare in aree densamente popolate, c'è timore che alcuni attacchi delle forze israeliane abbiano preso di mira oggetti civili.

Crimini di guerra - «Il mancato rispetto dei principi di distinzione, proporzionalità e precauzione nella conduzione delle operazioni militari costituisce una grave violazione del diritto internazionale umanitario e può costituire crimini di guerra», ha affermato Bachelet, esortando il governo israeliano ad adottare misure per arginare l'inquietante esplosione di violenza tra gruppi di estrema destra, compresi i coloni israeliani, e i cittadini palestinesi di Israele, in città come Lod, Jaffa, Ramle e Haifa.

Conseguenze catastrofiche - Violenti attacchi sono stati perpetrati anche da alcuni cittadini palestinesi di Israele, aggiunge il comunicato. Bachelet ha chiesto infine indagini indipendenti, trasparenti e approfondite su tutte le presunte violazioni del Diritto internazionale dei diritti umani e del Diritto internazionale umanitario. «Sappiamo dalla storia recente come una situazione così grave possa progredire con conseguenze assolutamente catastrofiche per migliaia di civili», ha concluso Bachelet.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 23:45:58 | 91.208.130.85