Getty Images
ISRAELE
12.05.2021 - 07:400
Aggiornamento : 09:15

«Stiamo andando verso una guerra su vasta scala»

Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas. Fuoco su Gaza, Tel Aviv e Beersheba.

Il Consiglio di sicurezza dell'Onu si ritroverà nuovamente oggi per discutere della grave crisi in corso.

TEL AVIV/GAZA - Non si fermano gli scontri tra Israele e il movimento islamista palestinese Hamas. Nella ultime ore sono state toccate Gaza, Tel Aviv e Beersheba. 

Ancora morti - Le due fazioni hanno continuato a combattere per tutta la notte, e il bilancio delle vittime dall’inizio dello scontro, iniziato martedì, sarebbe salito a 35-40 a Gaza, mentre è stimato a 6 in Israele, che è protetta dal sistema di intercettazione anti missili Iron dome. Hamas ha annunciato oggi di aver lanciato oltre un centinaio di razzi in territorio israeliano. Il gruppo avrebbe cercato di colpire anche l’aereoporto di Tel Aviv.

Il peggior scontro dal 2014 - Le Forze di difesa isreaeliane hanno annunciato stamattina, tramite Tweet, di «aver colpito un numero significativo di terroristi sulla striscia di Gaza», specificando che si tratta della loro più grande azione dal 2014. 

 
Un'escalation - Nel frattempo, l’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Tor Wennesland ha chiesto la cessazione delle ostilità, sottolineando che i conflitti «stanno intensificando verso una guerra su vasta scala». «Il costo della guerra a Gaza è devastante e viene pagato dalla gente comune», ha aggiunto. In giornata il Consiglio di sicurezza dell’Onu terrà un altro incontro urgente sul conflitto, il secondo da lunedì. A chiederlo, Tunisia, Norvegia e Cina.  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 13:26:29 | 91.208.130.87