Immobili
Veicoli

CANTONEVaxbus e vaccinazioni nelle scuole anche in Ticino?

22.08.21 - 19:16
A chiederlo, tramite un interrogazione, è il deputato socialista Raoul Ghisletta.
tipress
CANTONE
22.08.21 - 19:16
Vaxbus e vaccinazioni nelle scuole anche in Ticino?
A chiederlo, tramite un interrogazione, è il deputato socialista Raoul Ghisletta.
Per il granconsigliere, visto l'aumento dei contagi, implementare questi strumento «potrebbe essere interessante» per far crescere il numero di vaccinati.

Bus dei vaccini e inoculazioni a scuola. A proporli, sulla scorta di esempi anche oltre confine, è il deputato socialista Raoul Ghisletta in un'interrogazione rivolta al Governo ticinese. «Nella Regione autonoma del Trentino-Alto Adige da mercoledì 25 agosto 2021 il personale scolastico, gli alunni e i loro genitori potranno vaccinarsi nelle scuole di Bolzano, Merano, Bressanone, Brunico, Vipiteno, Val Gardena e Val Badia - sottolinea il granconsigliere -. A tal fine, sono stati creati degli appositi centri e la prenotazione non è necessaria».

Anche i minorenni a partire da 12 anni, fa notare Ghisletta, possono immunizzarsi in questi nuovi punti vaccinali, ma devono essere accompagnati da un genitore o da un tutore. In alternativa, un accompagnatore diverso deve consegnare un’autocertificazione firmata dai genitori del minorenne o dal tutore affinché si possa poi procedere con l’iniezione.

Oltre a questi centri, le giornate vaccinali continuano a tenersi in tutto l’Alto Adige e per aderire non serve prenotarsi. In altre zone della Provincia, invece, hanno luogo gli Open Vax Days. Inoltre, ci sono i quattro Vaxbus che fungono da centri di immunizzazione mobili, lungo le strade di tutto il territorio altoatesino. Anche in questo caso, non è necessaria alcuna prenotazione.

«Alla luce dell’incremento di contagi e ricoveri che si delinea in Svizzera - prosegue il deputato socialista -l’adozione di due di questi strumenti anche in Ticino potrebbe essere interessante per incrementare le vaccinazioni attraverso l’informazione e la sensibilizzazione delle persone, nel pieno rispetto della loro libertà individuale».

Al Consiglio di Stato viene quindi chiesto se intenda allestire dei Vaxbus anche in Ticino e se si stia pensando di offrire la possibilità di vaccinarsi nelle scuole.

COMMENTI
 
vulpus 10 mesi fa su tio
Idea non tanto peregrina, ma che probabilmente non tiene conto delle complicazioni per realizzarla. Siamo in presenza di minorenni , e sicuramente la presenza o compartecipazione dei genitori p auspicabile in questo marasma generale, nonostante la legge dice che... Sarebbe senz'altro auspicabile che tutti i medici siano autorizzati a vaccinare, come pure l'iniziativa di autorizzare alcune farmacie venga esteso a tutte. Oramai è dimostrato che la vaccinazione è il mezzo per contenere la diffusione. E sebbene l'obbligatorietà non è ancora effettiva, o con la carota o con il bastone, di fatto si arriverà a quel punto. Nei prossimi mesi , sempre più sarà richiesto il pass, per partecipare a molte attività, culturali, sportive, esercizi pubblici.Per cui prima si procede prima sarà meglio per tutti. Assistiamo purtroppo però, da parte di certi politici a contradittorietà a riguardo al vaccino. Politici che da una parte spingono per la prevenzione e dall'altra la ignorano crassamente. Gente che oramai ha stufato e che non è più al posto giusto. Non hanno più nulla da dire e da fare , ed allora cercano la presa sui cittadini con queste estemporaneità.
vulpus 10 mesi fa su tio
L'idea non è così malvagia, ma da enunciare un desiderio a concretizzarlo ci possono essere molte difficoltà: se pensiamo che la maggioranza sono dei minorenni , questo comporterebbe anche la consultazione dei genitori e formalismi indispensabili. Più interessante che i medici tutti potessero eseguire le vaccinazioni e che l'iniziativa di autorizzare le farmacie, venga estesa a tutto il Ticino. Oramai è evidente ed inevitabile che senza la vaccinazione, nei prossimi mesi sempre meno attività e frequentazioni saranno possibili.E del resto il contenimento della diffusione è oramai dimostrato che può avvenire solo con l'antidoto. Inutile continuare con queste fisime di libertà individuali, privacy ecc ecc. Siamo tutti stati vaccionati da piccoli contro questo o quel malanno e nessuno mai si è sognato di contestare qualcosa. Il problema non stà nella medicina , ma in certi politici oramai non più credibili e non più al loro posto. Non hanno più niente da proporre o da fare ed allora si lanciano su argomentazioni infantili e deleterie, creando solo confusione ,oltre al batage mediatico a loro tanto congeniale.
Fkevin 10 mesi fa su tio
Avete rotto....
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO