Immobili
Veicoli
Semisvincolo di Bellinzona Centro: al via i lavori

BELLINZONASemisvincolo di Bellinzona Centro: al via i lavori

10.03.22 - 14:54
Il cantiere di competenza federale è iniziato il 1° marzo, mentre il Cantone entrerà in ballo lunedì.
Cantone Ticino
Semisvincolo di Bellinzona Centro: al via i lavori
Il cantiere di competenza federale è iniziato il 1° marzo, mentre il Cantone entrerà in ballo lunedì.
Il lavori dovrebbero terminare entro la fine del 2024.

BELLINZONA - Si passa all'azione per il semisvincolo di Bellinzona Centro. I lavori per la costruzione dell'infrastruttura, per quanto è di competenza federale, sono iniziati il primo marzo, mentre da lunedì interverrà anche il Cantone. L'opera, che dovrebbe essere terminata entro la fine del 2024, avrà un costo complessivo di 65 milioni di franchi.

In breve - Concretamente, ci sarà una nuova entrata e uscita autostradale da e per la città tra gli svincoli di Bellinzona nord e Bellinzona sud. Lo scopo è quello di sgravare il traffico in entrata e in uscita da Bellinzona e ridurre in maniera importante il traffico delle strade di Arbedo e Galbisio a nord e di Camorino, Giubiasco, Sementina, Monte Carasso e le Semine a sud. Il semisvincolo, si legge nel comunicato stampa odierno, «permetterà di sgravare in modo sensibile il traffico dalle strade cantonali di penetrazione verso e dal centro dell’agglomerato, deviandolo sull’autostrada, a beneficio della qualità di vita dei residenti, nonché della fruizione, da parte del traffico veicolare, di una nuova infrastruttura».

Chi paga cosa - I costi per la realizzazione del semisvincolo sono suddivisi tra Confederazione (25%, 16,2 milioni di franchi), Cantone (56,25%, 36,5 milioni di franchi) e Comuni della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese (18,75%, 12,2 milioni di franchi).

Nel dettaglio - I lavori prevedono da un lato la costruzione di rampe d’accesso all’autostrada A2 da e verso sud, nonché la realizzazione di una rotonda sopraelevata in struttura mista acciaio-calcestruzzo, la quale andrà a sostituire l’attuale ponte della strada cantonale. Verranno inoltre eseguiti diversi adeguamenti alle infrastrutture adiacenti. Su via Tatti verrà realizzata una doppia corsia per senso di marcia, così come una corsia preferenziale per i bus con l’integrazione di nuovi ripari fonici in calcestruzzo con una parte vetrata per una migliore protezione dai rumori del traffico. L’attuale parcheggio di via Tatti verrà adeguato a cinquecento posti, il trasporto pubblico vedrà la posa di nuovi impianti semaforici dedicati e la rete ciclabile nuovi raccordi ciclopedonali attorno a via Tatti con, in particolare, la passerella tra Bellinzona e Monte Carasso, già realizzata nel 2011, e quella nuova tra Bellinzona e Carasso in corrispondenza dell’ex ponte della Torretta, la cui costruzione è iniziata lo scorso autunno.

Chi fa cosa - La realizzazione della rotonda, delle bretelle, delle corsie di accelerazione e decelerazione in autostrada nonché l’adeguamento della viabilità dell’Area di Servizio Bellinzona Sud sono di competenza dell'Ufficio federale delle strade USTRA (Settore B). I raccordi alla strada cantonale e la passerella ex-Torretta saranno invece realizzati dalla Divisione delle costruzioni del Dipartimento del territorio (Settore A e C).

USTRA

Ecco cosa aspettarsi - Durante le fasi di cantiere, indica il depliant informativo dell'USTRA, il traffico veicolare sarà gestito con una corsia per direzione, al fine di garantire un transito veicolare fluido. Nel corso della realizzazione del nuovo ponte di via Tatti, il traffico verrà dapprima disposto su due corsie nella parte centrale del ponte. Una volta realizzate le due nuove parti esterne del ponte, il traffico verrà spostato sui nuovi manufatti. In seguito si procederà alla demolizione e ricostruzione della parte centrale, così da ottenere un’unica struttura omogenea e con le larghezze necessarie. Durante il cantiere, il traffico veicolare sul ponte di via Tatti dovrà subire alcune interruzioni notturne e brevi interruzioni diurne fuori dagli orari di punta.

USTRA

Per bici e pedoni - Dal 15 aprile, il traffico lento (ciclistico e pedonale) non potrà più usufruire del ponte di via Tatti. Durante tutta la durata del cantiere sarà sempre possibile il passaggio dalla passerella esistente Bellinzona-Monte Carasso e a partire da giugno dalla nuova passerella della Torretta. Il trasporto pubblico rimane garantito.

NOTIZIE PIÙ LETTE