Lettrice Tio/20 Minuti
Una scena che si ripete ogni mattina davanti alla stazione di Lugano.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
3 ore
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
3 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
4 ore
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
5 ore
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
5 ore
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
5 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
5 ore
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
5 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
CANTONE
6 ore
Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale
L'esercizio LEGIONE 21 era volto a migliorare la preparazione degli agenti di fronte a una minaccia puntuale.
LUGANO
27.09.2021 - 06:000
Aggiornamento : 22:41

È ancora allarme per gli studenti ammassati sui bus

Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.

La testimonianza di una studentessa solleva interrogativi importanti: «Che senso ha il Covid Pass per quattro persone al ristorante, quando poi sui mezzi pubblici si è stipati come sardine?»

LUGANO - Situazione sempre più caotica e paradossale sui mezzi pubblici delle aree urbane ticinesi. A ribadirlo è una studentessa che ogni mattina a Lugano deve prendere il bus della linea 4 alla stazione per poi recarsi in una scuola professionale di Canobbio. La sua è una testimonianza emblematica: «Più passano i giorni e più la situazione degenera. Ci sono tantissime persone e pochi bus, prendere il bus diventa un'impresa titanica. È sempre pienissimo di persone e sono tutte ammucchiate come sardine». 

La contraddizione – Ed è chiaro che il riferimento polemico è al Covid Pass. «Reputo sia scandaloso non poter andare al ristorante in quattro al tavolo senza Covid Pass, quando poi ogni mattina la situazione sui bus è questa. L'ultima volta ho dovuto attendere e prendere il quarto bus a causa della massa di gente che c’era... E così sono arrivata in ritardo a scuola». La testimonianza della giovane si unisce a un coro di lamentele partito da quando sono riprese le scuole. 

La preoccupazione delle TPL – Anche Roberto Ferroni, direttore della Trasporti Pubblici Luganesi (TPL), sembra piuttosto preoccupato. «Noi monitoriamo tutti i giorni la situazione sulle varie linee. In merito alla linea 4 finora non avevamo ricevuto particolari reclami. La linea più problematica ci risultava essere la 6, quella che dalla stazione porta all'USI, alla SUPSI e poi allo CSIA. E infatti siamo appena corsi ai ripari, introducendo un nuovo veicolo da 130-140 posti con una corsa supplementare». 

La stilettata al Cantone – Il problema del sovraffollamento dei bus di Lugano si fa sentire in particolare tra le 7.30 e le 8.15 di mattina. «Gli studenti in circolazione – sottolinea Ferroni – sono davvero tanti. Il Cantone dovrebbe fare di più per differenziare l'entrata degli studenti a scuola. Finora qualcosa è stato fatto. Ma non a sufficienza. Alcune classi dovrebbero iniziare le lezioni alle 8, altre alle 9. Differenziare di un quarto d'ora serve a poco». Sulla questione del Pass Covid, Ferroni si limita a constatare come la decisione debba arrivare dall'alto. «Non spetta a noi stabilire determinate regole. Noi possiamo solo adeguarci. Come è stato fatto per l'obbligo di mascherina». 

Il medico: «Il Pass sui mezzi pubblici sarebbe coerente» – Il Consiglio federale non vuole il Covid Pass sui mezzi pubblici. Anche perché deve considerare pure le ripercussioni economiche che un simile provvedimento comporterebbe. Basti pensare al forte deficit delle FFS dovuto proprio alla pandemia. «È chiaro che per la gente sarebbe una soluzione più logica e coerente – sostiene Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici ticinesi –. A molti in effetti certe disparità risultano incomprensibili. Magari potrebbe tornare d'attualità con l'arrivo del freddo. Attualmente, coi contagi in calo, è un tema che non sarà ritirato in ballo».

«Restrizioni da sopportare e poi...» – Denti sembra raccogliere consensi quando parla di coerenza. La gente continua a non capire perché ci sono più pesi e più misure. «Teoricamente – riprende la studentessa che ha sollevato la questione – il bus passa ogni 15 minuti. Nonostante abbiano già aggiunto due bus, nell’orario di punta mattutino gli studenti sono ancora troppi ed è sempre un casino. La cosa scioccante è dovere sopportare le restrizioni per poi ritrovarsi tutti ammucchiati sul bus. Non ci si riesce a muovere». 

Lettrice Tio/20 Minuti
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-15 23:01:05 | 91.208.130.89