tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
Mendrisio
8 ore
Mendrisiotto contro Ustra, anche il Plr si schiera
Il partito dice no alla corsia per la sosta dei camion lungo l'autostrada A2. «I camion vanno dosati prima»
LUGANO
10 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
10 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
Politica
12 ore
Partito comunista, eletto un nuovo Comitato Centrale di venti persone
Riconfermata la fiducia a Massimiliano Ay, rieletto segretario politico
CANTONE
13 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Il cuoco Diego Della Schiava è un nuovo talento
È attivo al The View di Lugano. È invece di Vals (GR) Mitja Birlo, il cuoco dell'anno
CADENAZZO
16 ore
Cento candeline per Carlo Giovanora
Il neo centenario è stato festeggiato dai famigliari e da una delegazione del Municipio di Cadenazzo.
CANTONE
16 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
16 ore
Roberta Pantani Tettamanti nel CdA di AET
Prenderà il posto di Ronald Ogna, membro del Consiglio d'Amministrazione dal 2009.
CANTONE
17 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
FOTO
CANTONE
18 ore
Il Pandamobil arriva in Ticino
Il WWF propone alle scuole la mostra itinerante “Plic, ploc... il ghiacciaio si scioglie!”
CANTONE
18 ore
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
19 ore
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
19 ore
Cambio ai vertici di Migros Ticino
Mattia Keller è il nuovo direttore dell'azienda. Subentra a Lorenzo Emma che andrà in pensione.
CANTONE
20 ore
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
CANTONE / SVIZZERA
22 ore
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
1 gior
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
11.09.2021 - 10:250
Aggiornamento : 12:37

Chiesa: «Lugano-parassita? Non la cambierei con nessun altra città»

L'UDC punta il dito contro le città «covi della sinistra». Ma il presidente Marco Chiesa mette i puntini sulle "i"

LUGANO - Le politica delle grandi città rossoverdi è parassitaria.  Le dichiarazioni di Marco Chiesa in occasione del 1 agosto hanno fatto scalpore: qualcuno ha anche chiesto le dimissioni del ticinese dalla presidenza dell'Udc.

Giovedì però in conferenza stampa il partito ha ribadito il concetto, per chi ancora non l'avesse capito: in una sorta di manifesto rurale, i democentristi dichiarano guerra «alla gauche à caviar» e propongono una serie di misure volte a espugnare le "roccaforti rosso-verdi" accusate di creare una classe di privilegiati sulle spalle dei contribuenti degli agglomerati.  

Tra le proposte: de-centralizzare i servizi delle amministrazioni cantonali fuori dai capoluoghi, a cominciare da Zurigo. Il titolo di tio.ch/20minuti "I democentristi vogliono decapitare Zurigo" non è però piaciuto a Chiesa, che tiene a mettere i puntini sulle i.

«In realtà non mettiamo in discussione il ruolo di Zurigo come capitale cantonale» precisa al telefono il consigliere agli Stati. «È vero che proponiamo di trasferire i servizi dell'amministrazione cantonale fuori dalla città, dove il costo degli immobili è alle stelle. Si tratta di far risparmiare dei soldi a tutti».

 Il suo partito sembra avere un problema con le grandi città.  
«Non è un problema dell’UDC, ma del Paese. Tra città e campagne si sta scavando un fossato molto pericoloso per la coesione nazionale. Lo notiamo e lo commentiamo spesso al termine delle votazioni popolari che mettono in luce due Svizzere differenti. Nel merito poi non condividiamo la politica dei clandestini messa in atto da Ginevra, le manifestazioni partigiane non autorizzate ma sempre tollerate di Berna, i privilegi di Zurigo che si permette di regalare buone uscite da 650’000 franchi a un direttore di scuola che decide lui stesso di cambiare funzione e la politica vessatoria di Losanna contro chi deve muoversi e lavorare con un’automobile.». 

Non è che, semplicemente, nelle città l'UDC fatica a raccogliere voti?
«È un fatto che le grandi città urbane svizzere sono gestite da maggioranze assolute rossoverdi. Tutti gli altri partiti a causa del sistema di elezione sono praticamente scomparsi dai Municipi o hanno ruoli marginali. In molti casi poi, come abbiamo dimostrato, queste maggioranze alimentano le loro clientele con soldi delle agglomerazioni come confermato da esperti indipendenti.»

Ma questi rappresentanti nei municipi sono eletti dal popolo.
«Certamente e questo bisogna rispettarlo, sempre. Inutile criticare la loro politica senza rimboccarsi le maniche per proporre delle alternative. Mi auguro che questo dibattito, che sta attraversando tutta la Svizzera, possa essere l‘inizio di un rilancio di una vera sinergia tra partiti con valori liberali e conservatori nei grandi centri».

L'UDC nasce come partito delle campagne. Non volete accettare punti di vista differenti?
«Non si tratta di punti di vista quando si parla di decisioni che non ti concernono come cittadino ma ti colpiscono come abitante delle periferie. Pensi alla legge sul CO2. Solo le città rossoverdi l‘hanno sostenuta e questo perché loro non sarebbero stati pesantemente chiamati alla cassa. Uno zurighese urbano non avrebbe subito le stesse conseguenze in caso accettazione di un ticinese. Lo stesso vale per la legge sulla caccia e sulle residenze secondarie. Si è persa a mio avviso la comprensione delle esigenze altrui e il pragmatismo mentre si sta facendo sempre più strada l‘imposizione di una ideologia».

Calcando la mano su queste fratture, qualcuno potrebbe accusarvi di amplificarle. 
«La frattura esiste già, solo chi ha interesse a non vederla fa finta che non ci sia o che non sia profonda. Le faccio un esempio: al di là delle scelte politiche delle città scendendo in aspetti amministrativi, i funzionari delle grandi città godono di privilegi che i normali lavoratori contribuenti non possono neanche sognare. Mi riferisco al posto sicuro e a un salario molto più alto della media, al pensionamento a 63 anni, a settimane supplementari di vacanze pagate, a generosi premi fedeltà, a contributi statali maggiorati per il secondo pilastro, a vini di proprietà cittadina a prezzi ridotti come pure abbonamenti telefonici, fitness e di trasporto. E tutto questo è finanziato da chi queste condizioni, anche nelle città, non può permettersele perché attivo nel settore privato».

Lei però vive in città. Perché non ha scelto la campagna?
«Io sono nato, cresciuto e vivo tutt’oggi a Lugano. Per meglio dire in un suo quartiere. Anche se molti ritengono che i tempi siano molto cambiati, è ancora oggi una città a misura d’uomo, dove le persone si conoscono e non sei semplicemente un numero».

Un luganese che critica le città: non è poco coerente?
«Lugano è l’unica città tra le dieci più grandi della Svizzera amministrata da una maggioranza di centrodestra. Lugano poi è un comprensorio che parte dalle rive del Ceresio e si estende fino alla Valcolla, da Gandria a Carona. Città, agglomerazioni e campagna si fondono in maniera piuttosto armoniosa in confronto a quanto si riscontra in altre realtà urbane. Il Municipio inoltre è eletto col sistema proporzionale, siamo gli unici ad averlo, e questo favorisce la valorizzazione delle differenti sensibilità politiche. Senza che nessuna prevarichi l’altra. Insomma Lugano non la cambierei con nessun‘altra».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:43:28 | 91.208.130.87