keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Vaccino nell'orario di lavoro, le aziende fanno le difficili
Per recarsi all'appuntamento è necessario prendere delle ore libere o, per chi può, fare uno scambio di turno.
FOTO
MENDRISIO
1 ora
L’osservatorio non c’è più: «La montagna ora è un po' più povera»
La smantellamento del telescopio aperto al pubblico più grande del Ticino è terminato. Verrà trasferito nel Canton Berna.
BOSCO GURIN
8 ore
Un (prestigioso) premio europeo per il Museo Walser
La struttura ha ricevuto il Meyvaert per l'impegno dimostrato nella sostenibilità sociale, economica e ambientale.
ORIGLIO
8 ore
Test a tappeto alla scuola Steiner
Negli scorsi giorni presso l'istituto di Origlio sono stati riscontrati diversi casi di coronavirus.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
10 ore
Un rimorchio si ribalta a Camorino
L'incidente è avvenuto questa sera nei pressi della rotonda degli svincoli autostradali. Nessuno è rimasto ferito.
LUGANO
12 ore
Ex Macello: la Città prosegue sulla via dello sgombero
La municipale Valenzano Rossi: «Aspettiamo l'inizio della prossima settimana per essere certi che non ci siano ricorsi»
CANTONE
12 ore
Il Caffè verrà chiuso quest'estate
La notizia è stata anticipata da LeTemps che raccoglie giudizi preoccupati per la decisione
GNOSCA
13 ore
«La polizia ha stufato con questi spari»
Al poligono di Gnosca è una "sparatoria continua" per i residenti. Che puntano il dito contro la Comunale di Bellinzona
CANTONE
13 ore
Diversi cantieri, un centinaio di lavoratori controllati
Operazione di controllo nel Locarnese: «Nessuna infrazione di carattere penale è stata rilevata».
LUGANO
14 ore
Piazza Molino Nuovo, primo incontro per l'avvio della riqualifica
Presentati ai 4 team di progettazione il programma del mandato e le tempistiche per la presentazione dei progetti
CANTONE
04.03.2021 - 06:000

Pediatra evitato per paura, e ora per assenza d'influenze

Bambini portati tardi dal dottore o non portati per niente.

L'allarme in Svizzera. In Ticino situazione meno grave: «Ma non trascuriamo controlli che sono importanti».

LUGANO - Molti genitori si rivelano restii nel portare i figli dal medico. A volte arrivano persino a farlo tardi. Tutto ciò a causa dei timori legati alla situazione pandemica. Un dato allarmante che ha spinto alcuni pediatri oltre Gottardo a lanciare l'allarme. 

Visite spostate dopo il lockdown - «Durante la prima ondata e il lockdown della primavera scorsa si invitava ripetutamente a rimanere a casa e a recarsi dal medico solo in caso di urgenza. Misure, queste, sicuramente giustificate dal punto di vista sanitario per contrastare la pandemia» spiega il dott. Giacomo Nobile, specialista in medicina dell'infanzia e dell'adolescenza e Presidente dell'Associazione dei Pediatri della Svizzera Italiana (APSI). «Dopo qualche settimana si è però precisato che, per quanto riguardava i bambini e giovani, oltre alle urgenze andavano effettuate anche le visite di crescita, i cosiddetti bilanci della salute, assieme ai vaccini previsti dal piano vaccinale. Tuttavia molte famiglie hanno preferito spostare queste visite per recuperarle in gran parte dopo il lockdown in estate».

 Aumentati consulti telefonici - Se le consultazioni in presenza durante la prima ondata sono diminuite, le consultazioni telefoniche o per mail sono aumentate nettamente. «Per quanto mi riguarda - sottolinea Nobile - è stato dunque possibile consigliare i pazienti al telefono e invitarli a effettuare una visita quando la situazione lo richiedeva».

Insomma, almeno in Ticino non ci sarebbero state situazioni drammatiche di malattie gravi non individuate per tempo. «Ciò è però accaduto a livello nazionale, come confermato in alcuni casi dai grandi ospedali universitari», aggiunge il medico.

Nuovo calo dovuto a meno malattie - La situazione è nuovamente cambiata negli ultimi mesi. Si registra infatti un nuovo calo delle consultazioni, ma secondo il pediatra ciò è dovuto in quanto «sono diminuite tutte quelle infezioni delle vie respiratorie che vediamo di solito in inverno. Questo per merito delle misure di igiene aumentate con la pandemia».

I timori, in sostanza, sarebbero in buona parte rientrati: «La ritrosia era causata dalle misure sanitarie necessarie, si è però riconosciuto il problema e oggi le famiglie, almeno nella mia esperienza, non spostano più i controlli di crescita, le visite "di rito", e portano in consultazione come prima il proprio figlio o figlia che ha un problema».

Controlli da non trascurare - I controlli più trascurati?  «Ogni età ha particolarità e specificità diverse sia a livello fisico che di sviluppo del bambino, così come diverse sono le tematiche legate all'educazione che interessano i genitori. Il pediatra può essere un punto di riferimento, un consulente per le famiglie. Le visite "di rito" seguono un programma ben definito dalla società Svizzera di Pediatria - conclude Nobile -. Nei primi anni sono previste visite frequenti che poi diventano più rare. Ogni visita è importante e ha le sue peculiarità. Ma se devo proprio citarne una che a volte viene dimenticate, è quella dei 4 anni o dei 5 anni. Lì si manifestano spesso problemi di vista, difficili da individuare da parte dei genitori, ma che se non riconosciuti e trattati per tempo possono avere conseguenze importanti. Questo però è solo un esempio fra i tanti. Inoltre in queste visite "di rito" vengono vaccinati i bambini secondo il calendario vaccinale. Se non si porta il bambino in visita ed era prevista una vaccinazione, questi rischia di rimanere scoperto per una determinata malattia per anni».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 07:07:51 | 91.208.130.87