Tio/20Minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
18 min
I molinari “faranno ricorso” (ma non giuridico)
Ieri è scattato l'ultimo ultimatum del Municipio. Ma il mantra resta «Qui siamo e qui restiamo. Ci vediamo nelle strade»
RIVA SAN VITALE
39 min
Dopo 25 anni, Riva saluta il suo storico sindaco
Omaggiata anche la vice-sindaco Luisa Vassalli Zorzi, eletta nell’Esecutivo nel 2004.
BELLINZONA
53 min
Rubavano biciclette e le nascondevano in cantina
La polizia ne ha rinvenute 12, oltre a un miniquad. Accusati di furto e ricettazione una 53enne e un uomo di 32 anni
BELLINZONA
1 ora
Spacciava cocaina, arrestato un 22enne
Il giovane è accusato d'infrazione aggravata (subordinatamente semplice) e contravvenzione alla Legge sugli stupefacenti
CANTONE
1 ora
Sempre tra i migliori d'Europa sui traumi della mano
L'Unità di ortopedia e traumatologia dell'EOC farà parte anche per il prossimo quinquennio dei migliori centri di cura.
VERNATE
1 ora
Lo strano caso del sindaco Cossi
Si dimette. Poi ci ripensa. Ora chiede una specie di commissariamento da parte del Cantone.
ACQUAROSSA
1 ora
Al via i lavori sul ponte
Traffico su una sola corsia tra lunedì e venerdì, fino a fine luglio
CANTONE
2 ore
Covid: 67 positivi, ma nessuna nuova vittima
Sono 6 le persone contagiate che nelle ultime 24 ore hanno necessitato un ricovero nei nosocomi ticinesi
LUGANO
2 ore
Si è spento Rocco Filippini
Il violoncellista luganese è morto negli scorsi giorni. Aveva 77 anni.
CANTONE/SVIZZERA
4 ore
Tremano le discoteche: «Ci hanno dimenticati»
Dopo la chiusura dell’Hiltl club di Zurigo c’è apprensione nella movida ticinese. «Pesante anche sul piano morale».
BELLINZONA
17.02.2021 - 06:000
Aggiornamento : 16:32

«Le strade della collina sono curate male, la colpa di sicuro non è tutta nostra»

Smottamento di Daro e strada ancora chiusa. Lo sfogo del proprietario del fondo in cui sorge il cantiere "sotto accusa".

«Il Comune – sostiene – avrebbe potuto sistemare la situazione già negli scorsi mesi. In attesa di stabilire di chi fossero le responsabilità».

BELLINZONA - «Il Comune avrebbe potuto sistemare la strada già negli scorsi mesi». Lo sfogo è del proprietario del terreno su cui sorge il cantiere protagonista dello smottamento di via Ai Ronchi a Daro (Bellinzona). Tutto è fermo dopo il cedimento della strada comunale a fine agosto, eccezion fatta per la messa in sicurezza. E intanto, come riportato di recente da Tio/20Minuti, i residenti della zona reclamano. «Abbiamo in mano una convenzione che dimostra come da fine settembre il Municipio potesse già mettere a posto il cedimento. In attesa di stabilire di chi fossero le responsabilità». 

«Quelle quattro case le dovevamo consegnare adesso» – Sempre a Tio/20 Minuti, il sindaco Mario Branda ha dichiarato che la Città vuole risolvere la questione al più presto. La vicenda sta facendo parecchio discutere nella regione. Anche perché riguarda una zona bazzicata da escursionisti e “passeggiatori della domenica”. Al momento, lungo quel tratto non si può transitare né in auto, né a piedi. Il nostro interlocutore è seccato di fronte alla situazione. «Si stavano costruendo quattro abitazioni. Le avremmo dovute consegnare in questo periodo. Questo stop è un problema anche per noi. Abbiamo chiesto più accertamenti. Il Municipio intanto ha voluto una perizia. Non abbiamo più saputo nulla però».

«Lacune dal passato» – Il proprietario del fondo non ci sta a vestire i panni del boia. E precisa: «Il Comune su questo tratto di strada è intervenuto due volte, nel 2007 e nel 2015. Ma lo ha fatto in maniera, secondo noi, lacunosa. Può essere che il nostro progettista abbia sbagliato qualcosa, ma non vogliamo prenderci tutta la colpa noi. Non sarebbe giusto. D’altra parte una recente interpellanza del consigliere comunale Tiziano Zanetti evidenzia come la manutenzione delle strade collinari della Capitale sia piuttosto scarsa». 

«I camion pesanti? Abbiamo sempre rispettato le regole» – Il Comune avrebbe però ricevuto più di una telefonata in cui si evidenziava come durante i lavori del cantiere “sotto accusa” lungo quella strada sarebbero transitati camion con una capienza ben superiore al consentito. «Uno di quei camion con la betoniera piena può arrivare alle 30 tonnellate, è vero. Nessuno dei nostri camion, però, ha mai superato il peso di 18 tonnellate autorizzato dal Comune. Li facevamo viaggiare con una capienza ridotta, proprio per restare nella norma. Non è sicuramente colpa dei nostri camion se la strada ha avuto un cedimento».  

Interpellanza dei Verdi

I Verdi del Ticino (primo firmatario Marco Noi) hanno inoltrato oggi una nuova interpellanza al Municipio su Via dei Ronchi e dintorni. «Le risposte alle nostre precedenti interrogazioni ci hanno lasciato alquanto perplessi, poiché rileviamo parecchia leggerezza nella modalità con la quale il Comune, e in particolare il Municipio, si assume le proprie responsabilità». Segue una lunga lista di 16 domande sulle quali l'Esecutivo cittadino dovrà chinarsi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-15 12:13:17 | 91.208.130.85