«Ho passato attimi di terrore»
foto rescue media
L'incidente del 17 luglio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
58 min
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
1 ora
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
FOTO
CANTONE
2 ore
Gobbi in Vallemaggia per discutere (anche) di aggregazioni
Il direttore del DI ha incontrato gli esecutivi di Cevio, Bosco Gurin, Campo Vallemaggia, Cerentino e Linescio.
CHIASSO
2 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
16 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
Lugano
17 ore
Due auto coinvolte in un incidente sulla A2 in direzione Chiasso
Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'entrata autostradale Lugano Sud
LOCARNO
18 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
18 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
19 ore
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
CADENAZZO/GIUBIASCO
20 ore
Compleanno da 101 candeline alla Casa Aranda di Giubiasco
La festeggiata è la Signora Erminia Addor di Cadenazzo.
CANTONE
20 ore
Il Governo a Berna per sostenere Cassis presidente
Una delegazione ufficiale del Canton Ticino sarà domani presente a Palazzo Federale
FOTO
CANTONE
21 ore
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
LUGANO
14.09.2020 - 08:020
Aggiornamento : 13:08

«Ho passato attimi di terrore»

Il passaggio a livello di Lugano quest'anno ha "intrappolato" diversi automobilisti. Il racconto di uno di loro

Quattro auto tra le sbarre quest'estate. Le FFS: «Questo sarà l'ultimo anno. Chiusura prevista a luglio prossimo».

LUGANO - La sbarra si abbassa. La Ford fa marcia indietro, ma la strada è bloccata. Due passeggeri intrappolati, tra poco arriva il treno. Panico. «Ho colpito la sbarra in retromarcia – racconta il conducente – si è staccata subito e ci siamo messi in salvo». 

La sbarra da incubo - È successo l'ennesima volta il 4 agosto scorso sui binari all'ingresso della stazione di Lugano. Il protagonista, un 54enne della regione, è stato denunciato alla Procura, ma non è la prima né l'ultima vittima del passaggio a livello più problematico del Ticino. Il 17 luglio un'auto è stata travolta da un treno merci. Un mese dopo, il 4 settembre, un'altra. 


foto rescue media
L'incidente del 17 luglio

Trenta sbarre in Ticino - I passaggi a livello sono un cruccio per le Ferrovie federali. In Ticino l'ex regia federale ne gestisce quattro (Lugano, Muralto, due a Contone) più uno pedonale (Muralto). A questi se ne aggiungono tredici sulla Centovallina e altrettanti sulla Ferrovia Lugano Ponte Tresa (Flp). Anche qui gli incidenti non sono mancati negli ultimi anni, come nemmeno le polemiche legate ai semafori e al traffico. 

Punto problematico - Ma nessun passaggio dà tanto da pensare quanto quello in via Basilea a Lugano, prima della stazione. A dicembre un incidente ha paralizzato la viabilità nel Sottoceneri. Quest'estate quattro auto sono rimaste bloccate tra le sbarre, e solo in due casi gli automobilisti hanno avuto la prontezza del 54enne. Gli è ancora andata bene.

Inchiesta in corso - «Ho agito d'istinto, poi la polizia mi ha spiegato che colpire la sbarra è la soluzione giusta. Ma un altro cosa avrebbe fatto? In quel punto c'è un problema». Sarà l'inchiesta ad accertare la dinamica dell'incidente – e la sanzione – ma tutto fa pensare che sia sempre la stessa: gli automobilisti non si accorgono della segnaletica che annuncia un treno imminente, o tentano di passare per il rotto della cuffia. 


foto Giordano
L'incidente del 5 dicembre scorso

L'ultimo anno - Le Ffs raccomandano di «rispettare scrupolosamente la segnaletica visiva e sonora, anche se le barriere sono progettate apposta per rompersi se vengono forzate». Nell'ultimo anno in Ticino non si è registrato nessun incidente, del resto, tranne a Lugano. «Qui abbiamo il passaggio più trafficato» spiega il portavoce Patrick Walser. «Il progetto è comunque di chiudere il passaggio entro luglio prossimo. Questa misura si rende necessaria per ragioni di sicurezza, operative e di piano viario, legate alla sempre maggior frequenza di treni sulla linea».

Cantiere-stazione - Su via Basilea sorgerà una nuova rotonda e un lift per collegare pedoni e ciclisti al sottopasso principale. Questo «in attesa della risistemazione viaria definitiva dell'anello stradale attorno alla stazione» precisa Walser. Nel frattempo agli automobilisti non resta che drizzare le antenne. E al 54enne intrappolato, sperare nella clemenza del Procuratore. 

foto rescue media
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 12:43:14 | 91.208.130.85