Laura Ferrari
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
Maltempo: in vista un pomeriggio e una serata di allerta 3
Su tutto il territorio si prevedono temporali stazionari con possibile grandine, forte vento e caduta di fulmini.
CHIASSO
7 ore
La lenta (e congestionata) marcia verso sud
Lunghe colonne tra Mendrisio e Chiasso e verso il Ticino in questo inizio di fine settimana.
LOCARNO
21 ore
Clinica Santa Chiara: Swiss Medical Network estromesso dal CdA
Fuori il CEO del gruppo Dino Cauzza. Lo comunica la parte lesa stessa.
PONTO VALENTINO
22 ore
Il dottor Ostinelli invita sull'Arca: «Non sarà un ritrovo di "no vax"» promette
L'associazione organizza domani il primo evento pubblico e gratuito: «Il tempo delle polemiche è finito» dice il medico
CANTONE
23 ore
Pochi radar, ma un po' ovunque
Controlli in tutti e gli otto distretti ticinesi tra il 26 luglio e il primo agosto.
CANTONE
23 ore
Ticinesi diretti a sud: «Dopo la prima dose, su richiesta, un certificato parziale»
Il Cantone reagisce ai cambiamenti annunciati ieri dal Governo italiano. Le spiegazioni del Sic
CANTONE
23 ore
Moody's conferma il rating Aa2
L'agenzia ha evidenziato diversi punti di forza, ma anche l'alto livello di debito del Canton Ticino.
CANTONE
1 gior
Case anziani: visite giornaliere di nuovo possibili
Il Medico cantonale ha deciso di allentare le direttive che riguardano alcune strutture sociosanitarie ticinesi.
LUGANO
1 gior
Spurghi a lago, ma che cos’è quest’odorino qui?
L'ultimo inquinamento spinge i consiglieri leghisti a chiedere lumi sulle acque poco chiare che finiscono nel Ceresio
BELLINZONA
1 gior
«Così proviamo a far vivere (e sorridere) Bellinzona»
Non solo Castle On Air. Da qualche settimana al Parco Urbano c'è il lounge garden B'easy.
BELLINZONA
1 gior
«Non si poteva trovare una soluzione che tenesse conto degli interessi di tutte le parti?»
L'MPS ha inoltrato un'interpellanza sul tema dei parcheggi in zona ponte tibetano
CANTONE
1 gior
Legge cantonale sulla polizia: Losanna respinge il ricorso
I giudici del Tribunale federale hanno confermato la legittimità delle misure introdotte nel 2018.
BELLINZONA
1 gior
«Quel bus navetta ha distrutto la nostra felicità»
Un pensionato è sul piede di guerra per la cancellazione dei parcheggi lungo la via che porta al popolare ponte tibetano
GAMBAROGNO
1 gior
Si inaugura il Lido di Gerra... un anno dopo
La cerimonia, rinviata lo scorso anno a causa del Covid-19, si terrà il 1° di agosto
CAMORINO
22.06.2020 - 10:060
Aggiornamento : 14:35

Voglio andare a vivere in capanna e lavorare a 2500 metri

Natura e semplicità: è questo che desidera Laura Ferrari, aspirante capannara che ha vissuto un’esperienza unica

di Redazione
Gaia Nannini

CAMORINO - Laura Ferrari ha 24 anni e ha frequentato la Scuola specializzata superiore alberghiera e del turismo di Bellinzona. Dopo essersi diplomata, a differenza di molti suoi compagni, non ha cercato lavoro in hotel lussuosi, ma è andata a lavorare a 2.500 metri di altitudine.

Qual è stato il suo percorso scolastico?
«Ho iniziato il liceo pensando di diventare veterinaria o studiare zoologia. Un’estate, però, ho lavorato come cameriera-barista in un albergo e così mi sono interessata alla SSSAT. L’idea di rimanere in Ticino non mi entusiasmava, ma ho svolto diverse esperienze all’estero – in Austria, in Germania e in Belgio – che mi hanno fatto conoscere luoghi e culture diversi. Poi, ho scoperto la possibilità di gestire le capanne del nostro territorio».

Normalmente, però, il futuro è in un hotel…
«È vero, l’obiettivo è quello di condurre un ristorante o un albergo al termine della formazione. Io invece ho visto la scuola come una via che mi permettesse di approfondire servizio, cucina e rapporto con i clienti. Da qui il desiderio di una struttura semplice, alla mano, immersa nel verde e nella tranquillità, dove i compiti si concretizzano in un'atmosfera diversa. È così che ho iniziato a lavorare come spalla destra del nuovo guardiano Emanuele Vellati della Capanna Cristallina a 2.572 metri, raggiungibile solo a piedi dalla Val Bedretto, dalla Val Bavona e dalla Val Lavizzara».

Una scelta inusuale considerata la sua età.
«In realtà lavorare in capanna è piuttosto impegnativo ed essere giovani aiuta a mantenere il ritmo frenetico. Sono d’accordo, però, che il bisogno dei propri spazi e la vita sociale sono difficili da mantenere. Tuttavia, ho potuto acquisire competenze manuali e tecniche fondamentali. La flessibilità e l’improvvisazione sono stati aspetti importantissimi».

Ha avuto difficoltà a vivere in vetta?
«Bisogna avere un buono spirito di adattamento, soprattutto vista la convivenza prolungata con il gestore e gli altri collaboratori, ma fortunatamente sono una ragazza che si adatta facilmente. Anche se, devo ammettere, ogni tanto mi è mancata una pizza con gli amici…».

Cosa le ha tramandato questa esperienza?
«Una crescita diversa rispetto agli stage di formazione: più pratica, legata al vivere quotidiano, alla relazione tra lavoro, guadagno, investimenti per l’attività e risparmi per la vita privata. Inoltre, ho capito la bellezza del dialogo: da una semplice conversazione con il cliente sul sentiero da percorrere, allo scambio di opinioni con un collaboratore, fino alle trattative con i fornitori. Ma i due termini che sintetizzano la mia esperienza sono flessibilità e improvvisazione».

In futuro le piacerebbe gestire una capanna?
«Sì. Purtroppo però ho avuto l’impressione, e in alcuni casi anche la conferma, che la giovane età non è sempre ben vista. Per ora, sono contenta di tornare a lavorare al centro Pro Natura Lucomagno e quando possibile continuare ad aiutare in capanna».

Per quali motivi bisognerebbe provare un soggiorno in un rifugio?
«Perché l’atmosfera che si crea tra gli ospiti e il personale che ci lavora è speciale. Ogni sera si forma una famiglia diversa: gli escursionisti imparano a conoscersi e conoscerci, ci sfidiamo a carte e alcune volte iniziamo pure a cantare!».

Alla riscoperta delle meraviglie alpine della Svizzera
Quest’anno, con il Covid-19 o quel che ne rimane, molti confederati hanno deciso di trascorrere le loro vacanze in Svizzera. «Una possibilità per riscoprire il nostro territorio e la sua offerta naturalistica», secondo Laura Ferrari. «Consiglio di provare a soggiornare in una capanna, un’esperienza unica che permette di scoprire un’ospitalità diversa e relazionarsi maggiormente con gli altri ospiti e con il personale», afferma la giovane aspirante capannara, «ma anche un modo per visitare e rivalorizzare le bellezze alpine: per i principianti propongo il giro dei Laghi del Cristallina, mentre per gli avanzati la Via Idra con partenza dal passo della Nufenen. Anche la Cima del Cristallina e la Cima di Lago sono tappe interessanti, dalle quali si può godere di una vista a quasi 360° sull’intero arco alpino». Panorami mozzafiato e soggiorni speciali potrebbe essere il must di quest’estate e, magari, «il viaggio può proseguire con l’ospite dello stesso tavolo dopo averlo sfidato a carte la sera precedente», conclude Laura.
G.N.

 

Laura Ferrari
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 17:10:47 | 91.208.130.89