Ignazio Cassis/Twitter
SVIZZERA
15.10.2021 - 18:420

Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima

La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.

BERNA - La Svizzera è il primo Paese donatore a firmare la Carta del clima e dell'ambiente per le organizzazioni umanitarie. Lancia così un segnale per un aiuto umanitario più sostenibile e rispettoso del clima, ha detto il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis.

I temi ambientali diventano sempre più importanti nell'ambito dell'aiuto umanitario, indica un comunicato odierno del DFAE, aggiungendo che questo passo è in linea con la tradizione umanitaria della Svizzera.

In questa carta, le organizzazioni umanitarie si impegnano, tra l'altro, a prendere in considerazione i bisogni crescenti delle persone colpite dal cambiamento climatico. Si impegnano anche a ridurre la loro produzione di gas a effetto serra.

La Carta è un documento elaborato dal Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) e dalla Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, in collaborazione con le Ong locali e internazionali. La Svizzera l'ha firmata in qualità di sostenitrice.

Ignazio Cassis/Twitter
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Il catastrofismo è oramai un dogma praticato da tanti. Al giorno d'oggi tutto viene esasperato al massimo senza più alcun riferimento alla situazione reale: se pensiamo al nuovo allarmismo sulla disponibilità di energia elettrica, polemica innescata da una dichiarazione di una persona probabilmente autoincensatasi. Le trasmissioni e le interviste si sprecano, ambiente, energia, distruzioni ambientali, oramai ce nè per tutti. Tutti vogliono un mondo migliore , ma ce l'abbiamo . Quale misura l'uomo potrebbe intrapprendere per affrontare la penuria ipotizzata? Il risparmio nei consumi ? Ridicolo: non si rinuncia a nulla, anzi si incrementa il consumo.Ora è di moda l'energia elettrica per trasporto pubblico e privato. Non vogliamo più l'energia fossile e quella atomica? Non siamo sciocchi: ai livelli attuali di consumo è improponibile. I paesi emergenti e del terzo mondo non rinunceranno mai alle fonti energetiche a buon mercato . Se poi arrivano iniziative per migliorare le fonti idriche , solari oppure eoliche piovono opposizioni da ecologisti e affini. NOn vogliamo più l'energia fossile perchè inquina: ma le altre sono veramente esenti da forme di inquinamento, forse anche maggiori?
Aargauer 1 mese fa su tio
Bravo Ignazio!
Princi 1 mese fa su tio
ma toglieteli la penna prima che vende del tutto la SVIZZERA
Suissefarmer 1 mese fa su tio
con il sistema economico attuale, anche modificandone il contenuto non aiuteremo il clima. il pianeta muore, mancano pochi anni e vedrete quanti immigrati climatici ci saranno(italiani compresi). le possibilità ci sono, ma i grossi non potranno essere più ricchi.ecco perché alla fine sarà terribile per tutti i poveri. sveglia
Don Quijote 1 mese fa su tio
@Suissefarmer È tutta religione propagandata per accelerare il business economico dell'usa e getta, francamente i cambiamenti climatici ciclici sono regolati dalla variabilità dei diversi parametri orbitali e non esiste nessuna evidenza scientifica che quelle poche molecole di CO2 antropiche abbiano il forcing necessario per considerarle una variabile certa nell’equazione. Se da una parte il cambiamento climatico può rendere più difficili le condizioni di vita in una zona del pianeta, è altresì vero che migliora le condizioni ambientali in altri luoghi, ad esempio, il nord-ovest della Spagna, grande quanto la svizzera, 50 anni fa soffriva di siccità, grandine ed inverni rigidi, oggi invece è un paradiso fertile. Preoccupiamoci piuttosto dei rifiuti e dei pesticidi che dipendono al 100% dell’azione dell’uomo e sono molto più dannosi di un ipotetico cambiamento climatico antropico (sostenuto dalla stupidità umana ed ignoranza scientifica).
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Suissefarmer Mi sembra un analisi confusa e un misciuzz di vari argomenti.
seo56 1 mese fa su tio
Ecoisterici 😏
M70 1 mese fa su tio
la Svizzera sostiene tutti ad eccezione degli Svizzeri...e i Ticinesi sono pure presi a "calci"...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 16:46:34 | 91.208.130.86