Immobili
Veicoli

ZURIGOOltre 13 anni per omicidio e atti sessuali con un cadavere

11.05.22 - 19:30
L'avvocato difensore chiedeva l'assoluzione: «Ha agito per legittima difesa»
deposit
Fonte ats
Oltre 13 anni per omicidio e atti sessuali con un cadavere
L'avvocato difensore chiedeva l'assoluzione: «Ha agito per legittima difesa»
La corte però lo ha ritenuto colpevole di omicidio intenzionale e turbamento della pace dei defunti.

ZURIGO - Uno svizzero di 38 anni che nel settembre 2016 strangolò a Zurigo la sua coinquilina e commise atti sessuali con il cadavere è stato condannato a 13,5 anni di carcere. Il tribunale distrettuale ha invece rinunciato all'internamento a vita dell'imputato.

La corte lo ha ritenuto colpevole di omicidio intenzionale e turbamento della pace dei defunti. Ha concesso alla madre e alle tre sorelle della vittima un risarcimento danni di complessivamente quasi 17'000 franchi e alla madre anche una riparazione morale di 20'000 franchi. Si aggiungono costi procedurali. La sentenza non è ancora passata in giudicato.

Il ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 18,5 anni e l'internamento dell'uomo, mentre l'avvocato difensore voleva l'assoluzione: il suo mandante ha agito per legittima difesa perché la donna lo aveva attaccato.

L'imputato, nato in Colombia e cresciuto in Romandia presso una famiglia adottiva, beneficiario dell'Assicurazione invalidità, consumatore di eroina e affetto da gravi disturbi psichici, aveva subaffittato da tre mesi una camera del suo appartamento alla 28enne specialista di informatica trasferitasi per lavoro a Zurigo dalla Francia. I due hanno litigato a più riprese.

Nel 2018 il Tribunale distrettuale aveva dichiarato l'uomo penalmente incapace in relazione all'omicidio e deciso una misura terapeutica stazionaria. Per gli atti sessuali con il cadavere aveva ritenuto una scemata imputabilità e gli aveva inflitto 22 mesi di carcere. Il Tribunale cantonale ha confermato la sentenza, ma il Tribunale federale ha constatato gravi errori procedurali; così il caso è ritornato al ministero pubblico e ha dovuto essere nuovamente giudicato. Questa volta la corte ha ritenuto l'imputato penalmente capace.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA