Immobili
Veicoli

SVIZZERASospeso (per ora) il processo contro un ex deputato ucraino

27.06.22 - 19:40
La Corte d'appello del Tribunale penale federale ha bloccato il procedimento in attesa di una decisione da Losanna.
Ti-Press
Sospeso (per ora) il processo contro un ex deputato ucraino
La Corte d'appello del Tribunale penale federale ha bloccato il procedimento in attesa di una decisione da Losanna.
Mykola Martynenko e un suo connazionale sono sospettati di aver riciclato circa 2,9 milioni di euro sulla piazza finanziaria elvetica.

BELLINZONA - La Corte d'appello del Tribunale penale federale di Bellinzona ha sospeso il processo contro l'ex deputato ucraino Nikolai (o Mykola) Martynenko e un altro imputato. Il coimputato ha chiesto un nuovo processo di primo grado, che è stato respinto. Il caso è ora pendente davanti al Tribunale federale.

Poiché il Tribunale federale, nella sua decisione, avrebbe dovuto affrontare la questione di un'eventuale ripetizione dell'udienza principale davanti alla Corte penale, la Corte d'appello ha sospeso la prosecuzione della procedura fino a quando non arriverà una decisione da Losanna. È quanto emerge da una decisione della Corte d'appello pubblicata questa sera.

Il coimputato di Martynenko sostiene di non essere stato difeso efficacemente dal suo precedente avvocato difensore e di aver riscontrato carenze sostanziali. Per questo motivo, chiede di rifare il processo di primo grado. Originariamente, il processo d'appello avrebbe dovuto svolgersi all'inizio di giugno di quest'anno.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha avviato l'indagine contro Martynenko e il coimputato sulla base di una segnalazione di attività sospetta presentata da una banca all'Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS) nel luglio 2013, che riguardava vari conti, tra cui quello di una società panamense. Martynenko è stato registrato come titolare effettivo e il coimputato come rappresentante autorizzato. In base all'accusa i due avrebbero riciclato circa 2,9 milioni di euro attraverso una banca svizzera.

Pezzi per reattori nucleari
Martynenko è stato presidente della commissione parlamentare ucraina per l'energia e la politica nucleare. In questa funzione ha aggiudicato un contratto per l'ammodernamento delle centrali elettriche ucraine alla società ceca Skoda JS senza bando di gara. In cambio, la società ha versato diversi milioni di euro alle società di proprietà di Martynenko. Queste società avevano i loro conti presso l'ex banca Hottinger.

Si sospettava che le somme fossero state versate dall'azienda ceca per i supplementi del contratto per la fornitura di reattori nucleari e componenti per le centrali nucleari ucraine.

Martynenko è stato condannato dalla Corte penale del Tribunale penale federale nel giugno 2020 a 28 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare. Il tribunale lo ha pure condannato a una pena pecuniaria di 250 aliquote giornaliere da 1000 franchi, sospesa con la condizionale. È inoltre stato condannato a versare alla Confederazione un risarcimento di circa 3,8 milioni di franchi.

Il coimputato è stato condannato a 24 mesi di reclusione e a una pena pecuniari di 180 aliquote giornaliere da 200 franchi, entrambe con la condizionale.

COMMENTI
 
Sara788 1 mese fa su tio
vedrete che gli daranno l'assoluzione solo perché è un povero criminale ucraino! e in regalo anche il passaporto!
Andy 82 1 mese fa su tio
andrà di sicuro così... dovremo proteggerlo"poverino"...
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA