Immobili
Veicoli

SVIZZERAQueste aziende svizzere fanno ancora affari in Russia

10.05.22 - 14:59
Nestlé, Novartis, Roche e altre: l'università di Yale ha stilato una lista. Ecco le loro giustificazioni
reuters
SVIZZERA
10.05.22 - 14:59
Queste aziende svizzere fanno ancora affari in Russia
Nestlé, Novartis, Roche e altre: l'università di Yale ha stilato una lista. Ecco le loro giustificazioni

BERNA -"Shitstorm". Il termine inglese si potrebbe tradurre educatamente con"tempesta di fango", ed è quello che stanno vivendo le aziende occidentali ancora in affari con la Russia, dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Ritter-Sport e Henkel, ad esempio, sono oggetto di campagne di boicottaggio in Germania, e sono in buona compagnia. 

L'università di Yale ha stilato una lista di quasi mille multinazionali che hanno mantenuto rapporti commerciali con la Russia. Tra queste figura Nestlé, che è stata accusata da rappresentanti del governo ucraino di «partecipare ai crimini di guerra della Russia». Le azioni di protesta contro il colosso di Vevey si sono moltiplicate nelle ultime settimane. 

La multinazionale contattata da 20 Minuten ha precisato che si sta concentrando su prodotti di base come le linee alimentari per bambini, e non sul massimizzare i profitti. Questi ultimi vengono «donati a organizzazioni umanitarie» secondo un portavoce. 

Anche i giganti farmaceutici Novartis e Roche sono ancora attivi in Russia. Anche loro giustificano il mantenimento della presenza nel paese con prodotti vitali come le medicine indispensabili. «C'è una buona ragione per cui i farmaci sono esenti da sanzioni» dice un portavoce della Roche. 

Aziende industriali come ABB e OC Oerlikon non hanno questa scusante. Secondo un portavoce di ABB, la società non accetta nuovi ordini in Russia ma deve soddisfare i contratti esistenti. OC Oerlikon è in procinto di cedere le sue attività nel paese, secondo una portavoce.

Anche UBS e Credit Suisse sono ancora nel paese e sono criticate sui social per questo. Non commentano le critiche, ma sottolineano che dall'inizio della guerra hanno comunque visto ridurre la cifra d'affari.

La ginevrina Trafigura vuole ridurre i suoi acquisti di petrolio dalla società russa Rosneft a partire dalla prossima settimana, secondo un portavoce. Il colosso del trading di materie prime detiene ancora una quota di minoranza nella centrale pertolifera Vostok Oil con diversi campi petroliferi, ma sta ora rivedendo le sue opzioni. 

Nel dibattito c'è una grossa componente emotiva secondo l'esperta di reputazione Clarissa Haller di Dynamics Group: «La gente in Svizzera ha grandi aspettative morali nei confronti delle aziende. Si aspetta che facciano affari in modo etico e che agiscano come modelli» dice. Se un'azienda rimane attiva nel paese, deve avere buone ragioni per farlo e comunicarle chiaramente. È anche importante che le aziende «non balbettino» e prendano una posizione chiara sulla guerra. Ma per l'esperta di marketing Adrienne Suvada della ZHAW «le aziende che resistono alla pressione dell'opinione pubblica possono ottenere buoni risultati sul lungo termine, specialmente se forniscono medicinali o prodotti simili». Il profitto fine a sé stesso, in un contesto come quello attuale, non è più un argomento sufficiente.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA