Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
STATI UNITI/CINA
2 ore
«Se Taiwan viene invasa interverremo militarmente»
Il presidente americano Biden ha lanciato un messaggio a Pechino. Che risponde per le rime
SAN GALLO
6 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
6 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
6 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
BERNA
8 ore
Sommozzatore scomparso ritrovato privo di vita
Il sommozzatore era dichiarato disperso da metà maggio, il corpo è stato recuperato venerdì pomeriggio nel lago di Thun.
GRIGIONI
8 ore
Appartamento in fiamme: un morto
La polizia grigionese ha trovato il corpo di un 50enne nella sua abitazione a Lenzerheide.
FOTO
ZURIGO
9 ore
Incendio su un camion carico di merci pericolose
Il conducente ha notato le fiamme mentre stava circolando e si è messo in salvo.
GINEVRA
9 ore
Tentano la rapina in una boutique, arriva la polizia
Gli agenti, intervenuti nella lussuosa Rue du Rhône, hanno arrestato uno dei presunti autori.
ARGOVIA
10 ore
Frontale sul confine: un morto e quattro feriti
Questa mattina un'auto ha perso il controllo colpendo un pedone e un veicolo che viaggiava in senso opposto.
SVIZZERA
10 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
16.01.2022 - 23:010
Aggiornamento : 17.01.2022 - 01:23

Violenza in aeroporto: «Polizia? Viene chiamata in media una volta al giorno»

Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo

Il motivo principale? Il cambio frequente e complesso dei regolamenti d'entrata nei vari Paesi

ZURIGO - «Temo che il certificato del suo test PCR non sia valido, e quindi non sono autorizzato a registrarla».

Questa è una di alcune delle frasi che nell'ultimo anno (e poco più) hanno portato al respingimento di molte persone ai check-in degli aeroporti. Purtroppo, è anche una delle frasi che hanno presumibilmente portato all'aumento degli episodi violenti ai banconi o ai gate.

«Le aggressioni verbali e fisiche contro il personale del check-in e dei gate negli aeroporti svizzeri sono fortemente aumentate» ha confermato una portavoce di Swissport al portale specializzato Aerotelegraph. La ragione principale - anche secondo Swissport - è l'aumento di viaggiatori respinti perché irrispettosi delle norme di viaggio legate al Covid.

«Ha rotto il plexiglas per arrivare dietro al bancone»
La prima frase, relativa al rifiuto di un test PCR, è parte di una vicenda realmente accaduta all'aeroporto di Zurigo.

In seguito all'imbarco negato, è iniziata un’accesa discussione tra il personale della compagnia aerea e il passeggero, furente di non poter intraprendere il suo viaggio. I toni si sono alzati sempre più, finché l'uomo non ha rotto il plexiglas per cercare di arrivare dietro al bancone e forzare il check-in. A quel punto è dovuta intervenire la polizia, e solo gli agenti sono riusciti a riportare la calma.

Solo all'aeroporto di Zurigo, le forze dell'ordine devono essere chiamate in media una volta al giorno per risolvere casi del genere, ha poi aggiunto la portavoce di Swissport.

Una tendenza internazionale
Visto il trend, sono quindi stati recentemente allocati più agenti agli aeroporti e nella zona del check-in. Oltre a ciò, sono stati anche aggiunti degli adesivi e delle scritte d’avvertimento: «Insulti, minacce, e aggressioni nei confronti dei dipendenti dell'aeroporto sono reati che possono essere perseguiti». Da metà 2020, è poi diventato più facile per le compagnie aeree intraprendere azioni legali contro i passeggeri che violano le regole di condotta, grazie all'entrata in vigore di un accordo a livello internazionale. 

Come l'accordo, anche il problema non è chiaramente una prerogativa Svizzera: il trend è rilevabile anche in Germania, come confermato all'Aerotelegraph dalla società AHS, attiva in diversi aeroporti tedeschi. «Il numero di casi in cui i collaboratori sono esposti all'ira o all'incomprensione dei passeggeri è aumentato». La ragione principale? «Il cambio frequente e complesso dei regolamenti d'entrata nei vari Paesi». Per non parlare degli USA: la Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha ricevuto quasi 6'000 segnalazioni di questo tipo nel 2021: più di sette volte tanto quanto prima della pandemia.

Prima del Covid: alcol e droghe
Seppur non siano ancora disponibili cifre ufficiali per la Svizzera nel 2021, le testimonianze indicano una tendenza chiaramente verso l'alto. L'Ufficio federale dell’aviazione civile ha riportato che nel 2019 gli incidenti di questo tipo sono stati 1'357, nel 2020 molti meno, ma anche perché l'aviazione si è quasi completamente fermata per un lungo periodo. 

Ma quali erano, allora, i motivi principali dell'escandescenza dei passeggeri? Secondo i dati dell’UFAC, l'abuso di alcool, di droghe e di farmaci. A volte, sono stati persino litigi tra i passeggeri a far scattare una denuncia. I motivi già presenti, uniti all'ingarbugliata rete di norme d'ingresso relativa alle restrizioni Covid hanno quindi esacerbato parecchio la situazione, portando a sempre più casi come quello descritto all'aeroporto zurighese. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 01:33:14 | 91.208.130.87