reuters
BERNA
06.05.2021 - 20:010
Aggiornamento : 22:06

Esplode la richiesta di voli nei Balcani

Ad oggi, i rimpatriati dalla maggior parte dei paesi balcanici non devono più essere in quarantena.

Questa è una notizia particolarmente positiva per le compagnie aeree che coprono quelle tratte

BERNA - L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) toglie a sorpresa metà dei Balcani dalla lista di quarantena a partire da giovedì. Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Bosnia-Erzegovina non vengono più considerati paesi a rischio.

Un'occasione ghiotta per chi intende riabbracciare la propria famiglia. Le prenotazioni per i voli per i Balcani, infatti, sono aumentate rapidamente già da ieri. «Decolleremo questo pomeriggio con un aereo al completo in direzione di Pristina», commenta su Blick.ch il boss di Air Prishtina, Leyla Ibrahimi. La Ceo della compagnia aerea balcanica, non è sorpresa dell'impennata delle richieste: «Molte persone aspettano da tempo di poter volare in Kosovo senza grosse restrizioni».

L'«impressionante aumento delle prenotazioni», secondo Ibrahimi, è giustificato dal desiderio, condiviso da molti, di riabbracciare i propri cari, ma anche da faccende lavorative lasciate in sospeso per non dover sottostare alla quarantena.

Sono 16 i paesi europei ancora considerati a rischio. Questi sono Andorra, Belgio, Estonia, Croazia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Svezia, Serbia, Slovenia, Turchia, Ungheria e Cipro sono ancora nell'elenco di quarantena. Dal 17 maggio si uniranno a loro Lettonia e Georgia.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 00:37:55 | 91.208.130.89