Keystone (archivio)
La missionaria basilese in una fotografia del 2012, quando fu liberata per la prima volta.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
La speranza di vita è scesa di 7,5 mesi
L'impatto del coronavirus analizzato da Unisanté: nel 2020 è morto l'8,8% di persone in più rispetto al 2019.
GRIGIONI
1 ora
Vaccino: via libera alle iscrizioni per gli over 35
Da giovedì prossimo sarà possibile annunciarsi anche per gli over 16.
SVIZZERA
2 ore
Aumentano i reati economici
Nel 2020 i tribunali svizzeri hanno trattato 52 dossier. Venti coinvolgevano istituzioni pubbliche
SVIZZERA
2 ore
«Un rischio indispensabile»
Ieri il Consiglio federale ha deciso di effettuare alcuni allentamenti alle misure per contenere la pandemia.
ZURIGO
2 ore
Uno spacciatore di cocaina in manette
Un 38enne russo è stato arrestato due giorni fa nella sua casa di Winterthur.
FOTO E VIDEO
VAUD
4 ore
Nestlé nel mirino degli attivisti
Esponenti di Greenpeace hanno proiettato diversi messaggi di protesta sugli edifici a La Tour-de-Peilz.
SVIZZERA
5 ore
Ventum di poesia sui social
Per alcuni sono semplici parole, per altri qualcosa di più.
SVIZZERA
5 ore
Ora si cercano collaboratori “comunicativi”
Con la pandemia in Svizzera gli annunci di lavoro hanno raggiunto i livelli del 2016
SVIZZERA
6 ore
I fattorini DPD «meritano rispetto»
Il sindacato Unia torna all'attacco con una lettera sottoscritta da quasi novanta rappresentanti della società civile
SVIZZERA
13 ore
Ristoranti, manifestazioni e sport: ecco le risposte alle domande più frequenti
Fino a che ora possono rimanere aperte le terrazze? Quali eventi è possibile seguire? Quante persone possono esserci?
SVIZZERA / MALI
31.03.2021 - 12:570

«Abbiamo la triste certezza della morte di Beatrice Stöckli»

Gli esami hanno confermato che le spoglie ritrovate in Mali sono quelle della missionaria basilese.

Il corpo della donna svizzera sarà riportato in patria non appena le autorità maliane lo consentiranno e sarà in seguito consegnato alla famiglia.

BERNA - I resti della donna svizzera presa in ostaggio e uccisa in Mali nel 2020 sono stati trovati e identificati. Il corpo sarà trasferito in Svizzera appena possibile, ha comunicato oggi il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

«Abbiamo ormai la triste certezza della morte di Beatrix Stöckli», ha scritto su Twitter il consigliere federale Ignazio Cassis, aggiungendo che «i miei pensieri vanno alla famiglia della nostra connazionale». Cassis si è detto anche sollevato dal fatto che la vicenda abbia potuto essere risolta poco dopo la sua visita in Mali.

Beatrice Stöckli, missionaria di Basilea che operava da anni a Timbuctù, era stata rapita a inizio del 2016, per la seconda volta, dopo che un'analoga sorte le era toccata nell'aprile del 2012. Nell'ottobre del 2020 era stato reso noto che a uccidere la donna era stata l'organizzazione terroristica jihadista Jama’at Nusrat Al-Islam wa’l-Muslimin (JNIM).

Da quel momento, le autorità svizzere hanno cercato di ottenere maggiori informazioni sulle circostanze della morte e sul luogo in cui si trovava il corpo. Durante la visita in Mali delllo scorso febbraio, il consigliere federale Ignazio Cassis era intervenuto ai più alti livelli per risolvere la vicenda, sottolinea il DFAE.

Alcuni giorni fa, le autorità del Mali hanno informato la Confederazione che erano stati consegnati loro i resti di una persona, presumibilmente quelli dell'ostaggio svizzero, e hanno quindi ordinato il prelievo di materiale biologico per effettuare un test del DNA. I campioni di DNA sono stati poi inviati in Svizzera, per effettuare ulteriori analisi. L'Istituto di medicina legale dell'Università di Zurigo ha ora confermato che il DNA corrisponde a quello della donna presa in ostaggio.

Rientro delle spoglie in Svizzera - Il corpo della donna svizzera sarà riportato in patria non appena le autorità maliane lo consentiranno e sarà in seguito consegnato alla famiglia. Per rispetto delle disposizioni sulla protezione dei dati e a causa del procedimento in corso, il DFAE non si esprime sui dettagli del caso.

La task force interdipartimentale, che comprende rappresentanti del DFAE, dell'Ufficio federale di polizia (fedpol), del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) e del Ministero pubblico, è ancora al lavoro e si tiene costantemente in contatto con la famiglia e con le autorità del Mali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-15 12:40:29 | 91.208.130.89