Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
La missionaria basilese in una fotografia del 2012, quando fu liberata per la prima volta.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
ZURIGO
5 ore
«Il 2021 fondamentale per l'indipendenza svizzera»
Le parole dell'ex consigliere federale Christoph Blocher durante il raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli
SVIZZERA
9 ore
La Svizzera estende le sanzioni contro il Nicaragua
Le nuove disposizioni colpiscono sette persone e tre organizzazioni che sostengono il presidente Daniel Ortega.
SVIZZERA
9 ore
«Una nuova crisi in Europa sarebbe disastrosa»
Da Ginevra Ignazio Cassis esprime preoccupazione per un eventuale deterioramento della situazione in Ucraina.
BERNA
10 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
11 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
FRIBURGO
12 ore
Le truffe con i falsi poliziotti si moltiplicano
I tentativi di fronde si stanno registrando in diversi cantoni.
BERNA
12 ore
Deduzione più elevata per la cura dei figli da parte di terzi
In futuro sarà possibile dedurre annualmente fino a 25 mila franchi per ogni figlio.
SVIZZERA
13 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA / MALI
31.03.2021 - 12:570

«Abbiamo la triste certezza della morte di Beatrice Stöckli»

Gli esami hanno confermato che le spoglie ritrovate in Mali sono quelle della missionaria basilese.

Il corpo della donna svizzera sarà riportato in patria non appena le autorità maliane lo consentiranno e sarà in seguito consegnato alla famiglia.

BERNA - I resti della donna svizzera presa in ostaggio e uccisa in Mali nel 2020 sono stati trovati e identificati. Il corpo sarà trasferito in Svizzera appena possibile, ha comunicato oggi il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

«Abbiamo ormai la triste certezza della morte di Beatrix Stöckli», ha scritto su Twitter il consigliere federale Ignazio Cassis, aggiungendo che «i miei pensieri vanno alla famiglia della nostra connazionale». Cassis si è detto anche sollevato dal fatto che la vicenda abbia potuto essere risolta poco dopo la sua visita in Mali.

Beatrice Stöckli, missionaria di Basilea che operava da anni a Timbuctù, era stata rapita a inizio del 2016, per la seconda volta, dopo che un'analoga sorte le era toccata nell'aprile del 2012. Nell'ottobre del 2020 era stato reso noto che a uccidere la donna era stata l'organizzazione terroristica jihadista Jama’at Nusrat Al-Islam wa’l-Muslimin (JNIM).

Da quel momento, le autorità svizzere hanno cercato di ottenere maggiori informazioni sulle circostanze della morte e sul luogo in cui si trovava il corpo. Durante la visita in Mali delllo scorso febbraio, il consigliere federale Ignazio Cassis era intervenuto ai più alti livelli per risolvere la vicenda, sottolinea il DFAE.

Alcuni giorni fa, le autorità del Mali hanno informato la Confederazione che erano stati consegnati loro i resti di una persona, presumibilmente quelli dell'ostaggio svizzero, e hanno quindi ordinato il prelievo di materiale biologico per effettuare un test del DNA. I campioni di DNA sono stati poi inviati in Svizzera, per effettuare ulteriori analisi. L'Istituto di medicina legale dell'Università di Zurigo ha ora confermato che il DNA corrisponde a quello della donna presa in ostaggio.

Rientro delle spoglie in Svizzera - Il corpo della donna svizzera sarà riportato in patria non appena le autorità maliane lo consentiranno e sarà in seguito consegnato alla famiglia. Per rispetto delle disposizioni sulla protezione dei dati e a causa del procedimento in corso, il DFAE non si esprime sui dettagli del caso.

La task force interdipartimentale, che comprende rappresentanti del DFAE, dell'Ufficio federale di polizia (fedpol), del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) e del Ministero pubblico, è ancora al lavoro e si tiene costantemente in contatto con la famiglia e con le autorità del Mali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 03:01:07 | 91.208.130.86