Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Berna
4 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
BERNA 
5 ore
L'esercito inasprisce le regole per uscite e congedo
La libera uscita verrà limitata all'area della piazza d'armi e all'accantonamento della truppa.
SVIZZERA
5 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
7 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
NEUCHÂTEL
8 ore
Visite limitate in ospedale
Ogni paziente potrà accogliere solo una persona al giorno, con appuntamento e convalida dell'autorizzazione per SMS
SVIZZERA
8 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
8 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
SVIZZERA
9 ore
Vaccino gratuito anche per un altro virus
L'UFSP annuncia oggi che dal primo gennaio l'Assicurazione malattia pagherà il vaccino contro questo virus.
LUCERNA
9 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
10 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
VAUD
12 ore
Il boss della 'ndrangheta non può entrare
Leo Caridi era stato estradato in Italia dove è stato condannato a 9 anni e 6 mesi
LUCERNA
12 ore
Lucerna rifiuta il diritto di voto ai sedicenni
L'iniziativa dei Verdi è stata respinta dal Parlamento con 61 voti contro 58. Glarona rimane un'eccezione.
ZURIGO
13 ore
Il caffè al bar si fa sempre più salato
La bevanda energizzante aumenta di prezzo, i ristoratori si sentono a rischio
BERNA
13 ore
Droghe, la lista si allunga
L'elenco degli stupefacenti viene integrato con delle "new entry"
APPENZELLO INTERNO
15 ore
Auto distrutta, occupanti illesi
Nonostante gli ingenti danni al veicolo, l'autista e il passeggero non hanno riportato ferite
SVIZZERA
16 ore
Roche prepara il test antigenico per Covid e influenza
Il kit combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti
SVIZZERA
1 gior
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
FOTO
GINEVRA
1 gior
«Tasso di defezione record» per la corsa dell'Escalade
Gli organizzatori dell'evento ginevrino sono comunque felici che si sia potuto svolgere
SVIZZERA
1 gior
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
1 gior
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
1 gior
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
1 gior
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ZURIGO
1 gior
Incidente fatale, la vittima è una 28enne
Prima dell'impatto, avvenuto in strada, la vittima si trovava sul marciapiede ed era accompagnata.
SVIZZERA
1 gior
Danni ai binari, disagi fra Olten e Basilea
I treni possono circolare solo in misura limitata. La durata delle restrizioni è al momento indeterminata
ARGOVIA
1 gior
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
1 gior
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
FOTO
ZURIGO
1 gior
Tamponamento nel Gubrist, quattro feriti
Il 33enne che ha causato l'incidente viaggiava a una velocità eccessiva, informa la polizia.
SVIZZERA
1 gior
Una serie di guasti per l'aereo del Consiglio federale
Il velivolo che trasporta i membri del Governo ha avuto una serie di problemi negli ultimi mesi.
SVIZZERA
1 gior
«Progressi per le donne e per il clima»
Il bilancio personale di Viola Amherd dopo tre anni in Consiglio federale
SVIZZERA
1 gior
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
1 gior
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
1 gior
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
2 gior
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
2 gior
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
2 gior
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
2 gior
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
2 gior
Venti tempestosi a nord delle Alpi
Sono quelli della tempesta Frank, che questo fine settimana interesserà Svizzera tedesca e Svizzera francese
SVIZZERA
2 gior
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
2 gior
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
2 gior
Allergene non dichiarato, Migros ritira un lotto di funghi secchi
Il prodotto era in vendita nella Svizzera tedesca, nei supermercati Alnatura bio
VAUD
2 gior
Il CHUV corre ai ripari: «L'ospedale è pieno»
Travolto dai casi di Covid, il Centro ospedaliero vodese potenzierà la prossima settimana le terapie intensive
SVIZZERA
2 gior
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
12.03.2021 - 14:300
Aggiornamento : 21:41

I ristoranti possono tornare a brindare, ma solo all'aperto

Seconda fase di riaperture: saranno possibili gli eventi con pubblico (150 persone all'esterno, 50 all'interno).

Cantoni permettendo, ecco cosa si potrà tornare a fare dal 22 marzo. Incontri privati all'interno fino a 10 persone. Attività sportive e culturali in gruppo di nuovo consentite. Riaprono le università. Ancora chiusi impianti wellness e piscine pubbliche.

BERNA - Non è chiaro come evolverà l’epidemia nei prossimi mesi. Da alcuni giorni i contagi hanno ripreso a crescere, analogamente a quanto si registra in diversi Paesi limitrofi. Numerosi indizi fanno supporre l’inizio di una terza ondata. Come annunciato il 24 febbraio scorso, nella seduta odierna il Consiglio federale ha deciso di porre in consultazione le sue proposte per la seconda fase di riapertura.

Cosa cambia il 22 marzo - Se la situazione epidemiologica lo permetterà, il 22 marzo saranno nuovamente consentite, con determinate limitazioni, le manifestazioni in presenza di pubblico, gli incontri privati in casa con 10 persone e le attività sportive e culturali in gruppo. Ai ristoranti sarà inoltre permesso riaprire le terrazze. Quando e in che forma questi allentamenti saranno possibili non è però ancora chiaro. Il Consiglio federale - che ha inoltre stabilito in via definitiva che la Confederazione assumerà i costi di tutti i test rapidi, anche delle persone che non presentano sintomi - deciderà sui prossimi passi nella seduta del 19 marzo. 

L'incertezza rimane - Per il Consiglio federale, l’incertezza della situazione epidemiologica non permette comunque ancora di sbilanciarsi su un’eventuale seconda fase di riapertura dal 22 marzo. I prossimi giorni serviranno a fare chiarezza sull’andamento dell’epidemia. Per la sua decisione, il Collegio governativo si fonderà su una serie d'indicatori: attualmente, tre su quattro superano i valori limite stabiliti (solo i letti in cure intense non hanno superato tale limite). In considerazione della fragilità della situazione epidemiologica, il Consiglio federale non ha ancora stabilito quando e in che forma si potrà eventualmente procedere a una terza fase di riapertura.

«Non sappiamo spiegare l'aumento dei contagi» - Alain Berset, precisando che tutte quelle elencate non sono ancora decisioni ma proposte messe in consultazione, ha aperto la conferenza stampa sottolineando che la situazione epidemiologica resta parecchio incerta: «Non siamo in grado di spiegare il perché di questo leggero aumento di contagi registrato negli ultimi giorni. Potrebbe essere dovuto alle riaperture avvenute il primo marzo o le nuove varianti, più contagiose», ha spiegato.

Strategia basata sui rischi - «È la prima volta che riapriamo delle attività anche se le cifre sono in aumento», ha aggiunto ancora Alain Berset. «Possiamo farlo solo perché ora abbiamo a disposizione molti più test e la campagna di vaccinazione sta proseguendo». Insomma, queste misure sono state messe in consultazione con la consapevolezza che la situazione resta estremamente fragile.

Manifestazioni con pubblico: 150 persone all’aperto, 50 al chiuso - Come annunciato, il Consiglio federale invita i Cantoni a esprimersi sulle sue proposte per la seconda fase di riapertura. Fra queste vi sono allentamenti per le manifestazioni in presenza di pubblico: il Collegio governativo propone di limitare a 150 il numero massimo di partecipanti per gli eventi all’aperto (p. es. partite di calcio o concerti open air) e a 50 per quelli al chiuso (p. es. in cinema, teatri, sale concerto). Gli allentamenti dovranno essere accompagnati dalla limitazione a un terzo al massimo della capienza dei locali e dall’obbligo di stare seduti e d’indossare sempre la mascherina. Tra uno spettatore e l’altro dovrà inoltre essere mantenuta la distanza di 1,5 metri o lasciato libero un sedile; infine, resteranno vietate le consumazioni e sconsigliati gli intervalli durante gli spettacoli.

Altre manifestazioni: non più di 15 persone - Nella seconda fase di riapertura è previsto di rendere nuovamente possibili – oltre agli eventi privati e alle attività sportive e culturali già consentite – anche altre manifestazioni con non più di 15 persone, quali le visite guidate nei musei, le riunioni dei membri di associazioni o altri eventi nel settore ricreativo e del tempo libero.

Incontri privati in casa con 10 persone - Per gli incontri privati tra familiari e amici in locali al chiuso, il Consiglio federale propone di innalzare il numero massimo di partecipanti dagli attuali 5 a 10, ma con la raccomandazione di limitare gli incontri ai membri di poche economie domestiche. Per gli incontri privati all’aperto continuerà a vigere l’attuale limitazione a 15 persone.

Riapertura delle terrazze dei ristoranti - Tra gli allentamenti possibili vi è inoltre la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti, accompagnata da regole quali l’obbligo di consumare stando seduti e d’indossare la mascherina finché non arrivano le consumazioni, la limitazione a quattro ospiti al massimo per tavolo, l’obbligo di registrare i dati di contatto di tutti gli avventori e l’obbligo di mantenere una distanza di 1,5 metri fra i tavoli o di installare tra loro pareti divisorie. Le discoteche e i locali da ballo resteranno invece chiusi. Il sostegno finanziario alle strutture della ristorazione continua a essere garantito a prescindere da un’eventuale apertura delle terrazze.

Ognuno faccia i suoi calcoli - «Ci saranno ristoranti che apriranno solo la terrazza e avranno comunque diritto al lavoro ridotto in funzione dell'occupazione del personale, altri che decideranno di rimanere completamente chiusi», ha spiegato Guy Parmelin. Insomma, i ristoratori e i gestori dei bar dovranno fare i loro calcoli e capire sa val la pena riaprire o se tenere chiuso e beneficiare degli aiuti per intero.

Strutture accessibili al pubblico - Anche le strutture ricreative e del tempo libero dovranno poter riaprire analogamente ai negozi e ai musei. Il Consiglio federale propone la riapertura integrale dei giardini zoologici e botanici: nei locali al chiuso dovrà però sempre essere indossata la mascherina e mantenuta la distanza necessaria. Gli spazi interni degli impianti wellness e delle piscine pubbliche dovranno invece restare chiusi.

Sport e cultura per adulti fino a 15 persone - Tra le proposte del Consiglio federale vi è quella di allentare le disposizioni per le attività sportive e culturali anche per gli adulti nel settore amatoriale, per le singole persone e per i gruppi con fino a 15 persone. Per il loro svolgimento all’aperto occorrerà indossare la mascherina o mantenere la distanza necessaria di 1,5 metri, mentre al chiuso sarà generalmente obbligatorio sia portare la mascherina che rispettare il distanziamento. Sono tuttavia previste deroghe per attività che non possono essere praticate indossando la mascherina, ad esempio gli allenamenti della resistenza in palestra o il canto in coro. Prima di svolgere queste attività sarà perciò raccomandato di sottoporsi a un test.

No allo sport con contatto all'interno - Continuerà a non essere permesso praticare al chiuso sport con contatto fisico; questi sport possono invece essere praticati all’aria aperta se viene indossata la mascherina. Saranno inoltre vietate le competizioni di qualsiasi disciplina sportiva e resterà di attualità la raccomandazione di prediligere attività sportive e culturali che possono essere svolte all’aperto.

Università e formazione continua - Il Consiglio federale propone di consentire nuovamente l’insegnamento presenziale anche al di fuori della scuola dell’obbligo se non vi prenderanno parte più di 15 persone. Dovrà inoltre essere prevista una limitazione a un terzo al massimo della capienza dei locali d’insegnamento e dovranno essere rispettati l’obbligo della mascherina e del distanziamento.

Revoca della mascherina nelle case anziani - Per i residenti delle case per anziani e di cura che si sono fatti vaccinare è prevista la revoca dell’obbligo della mascherina. I dipendenti delle imprese che fanno testare almeno una volta alla settimana l’80% del proprio organico presente in sede e le persone vaccinate non dovranno più mettersi in quarantena se hanno avuto un contatto stretto con una persona risultata positiva al test.

Confermata la strategia di test - Dopo aver consultato i Cantoni, il Consiglio federale ha deciso in via definitiva di attuare senza sostanziali modifiche l’estensione della strategia di test. Rafforzare la prevenzione e il rilevamento tempestivo dei focolai locali può essere di supporto alla riapertura graduale della vita sociale ed economica. Dal 15 marzo la Confederazione assumerà i costi dei test rapidi effettuati nelle strutture riconosciute, anche delle persone che non presentano sintomi. Non appena saranno disponibili test fai da te affidabili, ogni persona potrà ritirarne cinque al mese. Alle imprese e alle scuole sarà inoltre consentito effettuare test di gruppo.

Interoperabilità con l’app tedesca - Il Consiglio federale ha infine approvato la modifica dell’ordinanza sul sistema di tracciamento della prossimità e l’accordo con l’istituto tedesco Robert Koch. Con la modifica sono create le basi legali necessarie per garantire l’interoperabilità tra l’app SwissCovid e l’app di segnalazione tedesca (Corona-Warn-App). Attualmente i frontalieri devono installare sul loro telefono cellulare entrambe le app e attivarne l’una o l’altra, a seconda che si trovino in Svizzera o in Germania. Non è tecnicamente possibile attivarle entrambe. Non appena le due app saranno interoperabili, non sarà più necessario installarle entrambe. Gli utenti dell’app svizzera saranno informati se sono entrati in contatto con una persona risultata positiva al test che utilizza l’app di segnalazione tedesca.

I problemi con Moderna - Negli ultimi giorni sono stati annunciati ritardi nella fornitura di vaccini da parte di Moderna. Berset ha confermato di avere avuto dei contatti con Lonza, il subappaltatore in Svizzera di Moderna. «Tuttavia il problema è a monte, perché i vaccini sono al 100 per cento di proprietà di Moderna, è quindi inutile trattare con il subappaltatore». Berset ha smentito di avere avviato trattative con Lonza per creare una linea separata di produzione del vaccino in Svizzera.  

Rischio per gli ospedali - L'obiettivo, ha ricordato il consigliere federale, rimane quello di «attraversare la pandemia limitando al minimo i danni sia per la sanità che per l'economia e la società in generale». L'occupazione eccessiva degli ospedali «è assolutamente da evitare perché comporterebbe un blocco non solo degli interventi per i pazienti Covid ma anche per tutti gli altri interventi». Lo scenario «non è purtroppo ancora escluso, vedendo come la situazione si è evoluta in altri paesi nelle scorse settimane». 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 8 mesi fa su tio
Ma le scuole dove ci sono 500,700,1000 allievi restano aperte.. Ma perché c.... I ristoranti non possono. Perché I gruppi di 5 persone non vanno bene ma in aula in 20... Ma va la barlafüssss
Ziro 8 mesi fa su tio
ma se i primi a usufruire sono proprio quelli che dicono di chiudere più a lungo!!. inoltre se tutte le persone a rischio sono vaccinate il problema delle ospedalizzazione é risolto !!
ciapp 8 mesi fa su tio
c'é gente che gli aiuti non li hanno ancora ricevuti dopo 4mesi svizzera peggio dell'italia . i 7 puffi la paga la prendono al 100% fate schifo vergognatevi
Lore61 8 mesi fa su tio
@ciapp Ecco perché continuano a partorire imposizioni da galera al 90% della popolazione attiva, che di questa schifezza neanche se ne accorgono... Questi hanno intenzione di andare avanti tutto l'anno, lasciando finire sul lastrico un mucchio aziende e persone!!
seo56 8 mesi fa su tio
Assolutamente da incoscienti. Assurdo aprire prima di Pasqua. Considerato che tutta l’Italia sarà zona rossa già mi immagino l’invasione degli italici nei negozi, nelle città, ecc. ecc. A maggio ci sarà un’ennesima chiusura a causa un’impennata di contagi e ospedalizzazioni e tutto in nome del dio denaro
Axio 8 mesi fa su tio
@seo56 Seo più dell invasione italica devi preoccuparti delle feste con droghe che si organizzano nelle scuole, per quanto riguarda l italia con zona rossa non si può uscire del proprio comune di residenza
Gio58 8 mesi fa su tio
@seo56 Più che l'invasione degli italici ci sarà magari da preoccuparsi di quella dei nostri amici confederati. Personalmente però ritengo che le misure siano ponderate. D'altronde il discorso sull'assurdità di aprire lo si potrebbe fare per Pasqua, per la Pentecoste, per l'estate, ecc. ecc. Insomma, per ogni occasione.
briciola68 8 mesi fa su tio
@seo56 Ehm!...forse dimentichi che a maggio una buona fetta sarà vaccinata! Leggi l’articolo “Le richieste d’aiuto sono infinite” su Tio di oggi e riflettiamo così sull’incoscenza!
marco17 8 mesi fa su tio
@Axio Non raccontare sciocchezze: l'unica "festa con droga" in una scuola è stata opera di un cialtrone venuto dall'Italia.
Moga 8 mesi fa su tio
«Non sappiamo spiegare l'aumento dei contagi» Forse i tamponi che danno il 95% dei falsi positivi???
Gio58 8 mesi fa su tio
@Moga Concordo. Ed inoltre, malgrado questo aumento dei "contagi", il numero dei ricoverati in ospedale è in diminuzione.
Gandi81. 8 mesi fa su tio
Classico titolo CLICK BAIT di TIO...
Luca 68 8 mesi fa su tio
sé si riapre ristoranti e manifestazioni, allora significa che non abbiamo imparato nulla, è evidente che i casi stanno salendo, con ulteriori aperture, in aprile saremo nel pieno della terza ondata. forse sarebbe meglio avere ancora un po'di pazienza e riaprire, quando possiamo farlo in sicurezza
seo56 8 mesi fa su tio
@Luca 68 Esattamente
Donatofiorella 8 mesi fa su tio
@Luca 68 Concordo con te
MrBlack 8 mesi fa su tio
Quindi se nella mia ditta testano l’80% del personale, ma mia moglie ha il COVID, io posso andare in ditta a lavorare e passarlo agli altri. Beh mi sembra una idea geniale. E anche se sono vaccinato ma continuano a ripete che non è chiaro se i vaccinati asintomatici trasmettono meno il virus . Altra idea geniale. Poi mi raccomando venire a ripetere di nuovo tra un mese “non sappiamo spiegarci perché i casi sono saliti”. Ve lo spiegherà un bambino dell’asilo.
marco17 8 mesi fa su tio
@MrBlack Una cosa che non rischi di passare ad altri è l'intelligenza; con un po' di fortuna potresti fartela passare da qualcuno.
MrBlack 8 mesi fa su tio
@marco17 Evidentemente non sarò fortunato se incrocio proprio te. Esprimi il tuo punto di vista piuttosto di scrivere stupidaggini.
Talos63 8 mesi fa su tio
Il titolo è un po’ fuorviante ... queste soluzioni sono messe in consultazione coi cantoni e solo venerdì prossimo saranno prese delle decisioni... non illudiamo le persone
seo56 8 mesi fa su tio
@Talos63 Le persone responsabili si augurano che tutto rimanga com’è ... anzi richiuderei nuovamente per un mese tutte le attività non essenziali
briciola68 8 mesi fa su tio
@seo56 Bravo! Pensiamola così e nel frattempo cominciamo ad assumere psichiatri per risolvere l’ondata di depressi.. e magari potenziare il personale dell’ufficio fallimenti! Non usiamo il termine « responsabili » invano, per favore!!
Gio58 8 mesi fa su tio
@seo56 Certo. Chiudere tutto e che nessuno esca di casa. Uscire in macchina non sia mai, si potrebbe avere un incidente! A piedi nemmeno, si potrebbe venir investiti .... o magari colpiti da un asteroide! Ma pensandoci bene anche in casa non sarei al riparo, potrei avere un infarto. Ma fatemi un favore!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 00:33:21 | 91.208.130.86