Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Ecco come hanno scovato il “fabbricante di bombe”
Si tratta del diciassettenne della Svizzera orientale che sui social aveva annunciato di voler compiere una strage
SVIZZERA
7 ore
Berna chiede la liberazione immediata di Alexei Navalny
Per il DFAE la Russia viola le convenzioni che si è impegnata a rispettare.
SVIZZERA/ITALIA
8 ore
«L'Italia meglio della Svizzera nella gestione della pandemia»
Il neuropatologo dell'Università di Zurigo Adriano Aguzzi critica l’approccio di Berna nel contenimento del virus.
URI
8 ore
Il Böögg predice una bella estate
Il fantoccio zurighese è esploso dopo 12 minuti e 57 secondi, un buon segno secondo la tradizione
GLARONA
9 ore
Oltre 25mila mascherine false: scatta la denuncia
Nel pieno dell'emergenza pandemica il canton Glarona è stato vittima di un raggiro
SCIAFFUSA
10 ore
Occupati tutti i posti in terapia intensiva
Ciò fa seguito alla manifestazione non autorizzata che sabato ha riunito migliaia di persone in piazza
SVIZZERA
11 ore
Docente fa dormire due allieve nella sua stanza, ritornerà a insegnare
L'insegnante era uscito con le due studentesse per una notte brava durante un viaggio di studio a Barcellona.
SVIZZERA
12 ore
Voleva uccidere «tutti i musulmani»: giovane in fuga
Si tratta di un diciannovenne residente nella Svizzera orientale che aveva annunciato una strage sui social
URI
12 ore
Il "Böögg" è pronto per essere bruciato
Quest'anno la cerimonia non avrà luogo come di consueto a Zurigo.
SVIZZERA
13 ore
Università, tra chi torna in aula e chi resta davanti al PC
Da oggi può ripartire l'insegnamento in presenza con non più di 50 studenti. Gli istituti si stanno preparando
SVIZZERA
19.01.2021 - 23:450

In caso di problemi, le responsabilità sono tutt'altro che evidenti

In Norvegia ci si interroga sul decesso di 23 anziani associati alla vaccinazione anti-Covid.

In Svizzera non è semplice capire chi dovrà rispondere in caso di problemi

Fonte 20minutes/YannickWeber
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

BERNA - Tra le critiche più comuni nei confronti dei vaccini autorizzati contro il Covid-19, spesso ne emerge una: non abbiamo abbastanza informazioni sugli effetti collaterali a lungo termine. Ma se dovessero essercene, chi sarà ritenuto responsabile? Il fabbricante del prodotto? Il medico o il farmacista che ha somministrato la dose? Le autorità che hanno autorizzato e raccomandato la vaccinazione? O il paziente stesso, a cui spetta la decisione finale di ricevere o meno l'iniezione? Mettiamo subito le cose in chiaro (si fa per dire): ad eccezione di pochi casi ben definiti, la risposta rischia di essere sempre la stessa: quasi nessuno.
 
L'UFSP, nel suo bollettino settimanale pubblicato ogni lunedì mattina, ha ricordato ieri le norme giuridiche in vigore in Svizzera. Tre entità potrebbero essere ritenute responsabili in caso di problemi "gravi" derivanti dalla vaccinazione, casi ritenuti «molto rari» dall'UFSP.

Il produttore? - In primo luogo, il produttore. In Internet circolano informazioni secondo le quali le aziende che hanno creato questi vaccini hanno firmato accordi per liberarsi da «ogni responsabilità» in caso di danno. Questo è solo parzialmente vero. In caso di conseguenze negative dovute a un difetto di fabbricazione del prodotto, il produttore sarà ritenuto responsabile.

Come ha rilevato la professoressa e vaccinologa dell'HUG Claire-Anne Siegrist su L'Illustré, «l'unica trasmissione (parziale) di responsabilità che i governi hanno deciso di assumersi, in cambio del rapido sviluppo di un vaccino, è il risarcimento che risulterebbe da gravi effetti indesiderabili troppo rari per poter essere identificati durante gli studi clinici». In altre parole, le conseguenze collegate al vaccino non renderebbero responsabile il suo produttore se, prima dell'autorizzazione, non potevano essere previste.

Chi somministra la dose? - Per medici e farmacisti, a meno che non vi sia un errore evidente come un dosaggio sbagliato, le responsabilità si concentrano principalmente sulle informazioni da fornire alle persone vaccinate, affinché possano dare il loro «consenso informato». Ad esempio, «va sottolineato che tutti i rischi non sono ancora noti (ad esempio, possibili danni a lungo termine)», riconosce l'UFSP. Il medico, il centro di vaccinazione o la farmacia possono essere ritenuti responsabili solo in caso di «violazione del dovere di diligenza».

L'UFSP? - Infine, una possibile responsabilità spetta alle autorità, poiché raccomandano la vaccinazione e mettono in atto una campagna di vaccinazione. L'UFSP ricorda che la legge sulle epidemie prevede un risarcimento in caso di problemi, ma sembra sottrarsi un po' alla sua possibile responsabilità. «Il fatto che l'UFSP elabori e pubblichi raccomandazioni sulle vaccinazioni non giustifica una responsabilità dell'UFSP, perché il personale medico non sempre rispetta queste raccomandazioni e direttive. La decisione di effettuare ogni vaccinazione spetta quindi sempre alla persona interessata e alla persona che somministra la dose», si legge nel bollettino settimanale.

Una risposta che non rassicura chi aveva intenzione, in caso di gravi problemi, di chiamare qualcuno a risponderne davanti alla giustizia. «Non sarà comunque necessario: la legge sulle epidemie prevede sostegno e assistenza a chi dovesse subire un grave effetto negativo generato da un vaccino», sottolinea Claire-Anne Siegrist.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-20 03:27:09 | 91.208.130.87