Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
2 ore
Una giovane coppia muore sulle Prealpi bernesi
25 anni lei, 31 lui, sono caduti durante un'escursione nella zona del massiccio delle Sieben Hengste.
FOTO
ZURIGO
4 ore
«Il fumo si vede da chilometri di distanza»
Un gigantesco incendio è divampato questo pomeriggio in un'area aziendale di Hinwil.
SVIZZERA
4 ore
Riuscito il referendum contro la legge Covid-19 (più altri due)
Oltre 90'000 delle firme raccolte dal comitato sono state validate dalla Cancelleria federale.
ZURIGO
5 ore
Contro gli assembramenti, la polizia sfodera le telecamere
A Zurigo entra in funzione una videosorveglianza provvisoria per tenere sotto controllo la situazione nei weekend
BERNA
5 ore
Cassa malati: regole più chiare per la trasmissione dei dati
È quanto prevede un progetto adottato oggi dal Consiglio nazionale che ha appianato le ultime divergenze con gli Stati.
BERNA
5 ore
Lite in un appartamento, in tre con ferite da arma da taglio
Sconosciute al momento le cause che hanno portato all'alterco.
ZURIGO 
5 ore
Sorveglianza video per alcuni posti molto frequentati
La misura è inizialmente prevista per un mese e sarà attuata solo il venerdì e il sabato dalle 21 alle 5 del mattino.
SVIZZERA
6 ore
Riaperture: Maurer più prudente di quanto si pensasse?
Secondo il Tages-Anzeiger, il ministro UDC voleva mantenere la chiusura dei ristoranti fino al prossimo 19 aprile
BERNA
6 ore
Un minuto di silenzio per le vittime del Covid
Questo venerdì si rivolgerà loro un pensiero a un anno esatto dal primo decesso legato al virus.
GRIGIONI
7 ore
La carta igienica come simbolo dei nostri valori
L'artista grigionese Marc Bundi presenta una piramide realizzata con oltre 2'000 rotoli
SVIZZERA
19.01.2021 - 23:450

In caso di problemi, le responsabilità sono tutt'altro che evidenti

In Norvegia ci si interroga sul decesso di 23 anziani associati alla vaccinazione anti-Covid.

In Svizzera non è semplice capire chi dovrà rispondere in caso di problemi

Fonte 20minutes/YannickWeber
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

BERNA - Tra le critiche più comuni nei confronti dei vaccini autorizzati contro il Covid-19, spesso ne emerge una: non abbiamo abbastanza informazioni sugli effetti collaterali a lungo termine. Ma se dovessero essercene, chi sarà ritenuto responsabile? Il fabbricante del prodotto? Il medico o il farmacista che ha somministrato la dose? Le autorità che hanno autorizzato e raccomandato la vaccinazione? O il paziente stesso, a cui spetta la decisione finale di ricevere o meno l'iniezione? Mettiamo subito le cose in chiaro (si fa per dire): ad eccezione di pochi casi ben definiti, la risposta rischia di essere sempre la stessa: quasi nessuno.
 
L'UFSP, nel suo bollettino settimanale pubblicato ogni lunedì mattina, ha ricordato ieri le norme giuridiche in vigore in Svizzera. Tre entità potrebbero essere ritenute responsabili in caso di problemi "gravi" derivanti dalla vaccinazione, casi ritenuti «molto rari» dall'UFSP.

Il produttore? - In primo luogo, il produttore. In Internet circolano informazioni secondo le quali le aziende che hanno creato questi vaccini hanno firmato accordi per liberarsi da «ogni responsabilità» in caso di danno. Questo è solo parzialmente vero. In caso di conseguenze negative dovute a un difetto di fabbricazione del prodotto, il produttore sarà ritenuto responsabile.

Come ha rilevato la professoressa e vaccinologa dell'HUG Claire-Anne Siegrist su L'Illustré, «l'unica trasmissione (parziale) di responsabilità che i governi hanno deciso di assumersi, in cambio del rapido sviluppo di un vaccino, è il risarcimento che risulterebbe da gravi effetti indesiderabili troppo rari per poter essere identificati durante gli studi clinici». In altre parole, le conseguenze collegate al vaccino non renderebbero responsabile il suo produttore se, prima dell'autorizzazione, non potevano essere previste.

Chi somministra la dose? - Per medici e farmacisti, a meno che non vi sia un errore evidente come un dosaggio sbagliato, le responsabilità si concentrano principalmente sulle informazioni da fornire alle persone vaccinate, affinché possano dare il loro «consenso informato». Ad esempio, «va sottolineato che tutti i rischi non sono ancora noti (ad esempio, possibili danni a lungo termine)», riconosce l'UFSP. Il medico, il centro di vaccinazione o la farmacia possono essere ritenuti responsabili solo in caso di «violazione del dovere di diligenza».

L'UFSP? - Infine, una possibile responsabilità spetta alle autorità, poiché raccomandano la vaccinazione e mettono in atto una campagna di vaccinazione. L'UFSP ricorda che la legge sulle epidemie prevede un risarcimento in caso di problemi, ma sembra sottrarsi un po' alla sua possibile responsabilità. «Il fatto che l'UFSP elabori e pubblichi raccomandazioni sulle vaccinazioni non giustifica una responsabilità dell'UFSP, perché il personale medico non sempre rispetta queste raccomandazioni e direttive. La decisione di effettuare ogni vaccinazione spetta quindi sempre alla persona interessata e alla persona che somministra la dose», si legge nel bollettino settimanale.

Una risposta che non rassicura chi aveva intenzione, in caso di gravi problemi, di chiamare qualcuno a risponderne davanti alla giustizia. «Non sarà comunque necessario: la legge sulle epidemie prevede sostegno e assistenza a chi dovesse subire un grave effetto negativo generato da un vaccino», sottolinea Claire-Anne Siegrist.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 21:19:38 | 91.208.130.89