Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Sospendere i brevetti? La Svizzera è contraria
Per la SECO la sospensione non garantirà un accesso «equo e rapido» a vaccini e ad altre tecnologie contro la pandemia.
ITALIA / SVIZZERA
7 ore
In treno dalla Svizzera, ma con i documenti di un altro
L'uomo, un 47enne originario del Benin, è stato denunciato per sostituzione di persona
SVIZZERA
8 ore
Coop anticipa i tempi e importa la nuova Coca Cola Zero
Il lancio ufficiale in Svizzera è previsto per luglio, ma il dettagliante lo venderà questo weekend
BERNA
9 ore
Esplode la richiesta di voli nei Balcani
Ad oggi, i rimpatriati dalla maggior parte dei paesi balcanici non devono più essere in quarantena.
FOTOGALLERY
CITTÀ DEL VATICANO 
9 ore
Le 34 nuove Guardie svizzere hanno giurato
L'"esercito più piccolo del mondo" hanno promesso lealtà eterna a papa Francesco.
BERNA
11 ore
Gelate d'aprile: fino a 5 milioni di franchi di danni
A soffrire di più sono state le coltivazioni di albicocche, prugne e ciliegie.
SVIZZERA
12 ore
«Il peggio deve ancora venire»
I vertici di Swiss si aspettano una continua riduzione della domanda: «Registreremo altre perdite nel secondo trimestre»
ZURIGO
12 ore
Cambiamenti climatici, animali troppo lenti ad adeguarsi
Dal 1970, le temperature nelle montagne elvetiche si sono alzate di 1,8 gradi Celsius.
FOTO
GINEVRA
12 ore
Il personale sanitario vuole l'aumento
Infermieri, assistenti di cura, fisioterapisti, tecnici di radiologia e addetti alle pulizie sono scesi in piazza.
SOLETTA
12 ore
Bebè morto soffocato, il padre assolto «per mancanza di prove»
Non colpevole: questo il verdetto per il 35enne sospettato di aver ucciso il figlio di sole otto settimane nel 2010.
SVIZZERA
13 ore
Netta diminuzione del numero dei contagi da una settimana all'altra
I numeri degli scorsi sette giorni nel tradizionale rapporto dell'UFSP.
FOTO
BASILEA CITTÀ
13 ore
Davanti agli uffici del Basilea spunta una testa di maiale
Sgradevole sorpresa, questa mattina, all'ingresso della sede del club calcistico renano.
SVIZZERA
13 ore
Un carico di materiale medico per l'India
È il contributo elvetico alla lotta contro la pandemia nel paese dell'Asia meridionale
ZURIGO
14 ore
Misure Covid esagerate: il Tribunale accoglie il reclamo
Oggetto della diatriba il limite di 15 persone per le manifestazioni ancora di recente in vigore nel Canton Zurigo.
FRIBURGO
15 ore
Ubriaco e con targhe sbagliate blocca l'entrata dell'A1
L'auto, in panne, ostruiva completamente l'accesso autostradale.
BERNA
15 ore
Covid: l'Ufsp comunica 41 "nuovi" decessi
Il dato va però preso con le pinze, 33 di questi infatti corrispondono alle dichiarazioni tardive dal novembre 2020
CITTÀ DEL VATICANO / SVIZZERA
15 ore
Parmelin in Vaticano per il giuramento delle guardie svizzere
Il presidente della Confederazione è stato ricevuto stamani da Papa Francesco
ZURIGO
16 ore
Strada chiusa a causa di un camion sul fianco
L'incidente si è verificato giovedì mattina nel Canton Zurigo. Non si registrano feriti
SVIZZERA
15.12.2020 - 09:000
Aggiornamento : 13:21

Giovani attaccati allo smartphone a causa del lockdown

È in aumento l'impiego del dispositivo, come pure di fenomeni come cyber mobbing e molestie sessuali online

Ecco i risultati dello studio JAMES 2020, che analizza il comportamento dei giovani svizzeri in relazione ai media

BERNA - I giovani svizzeri sono sempre più connessi. Soprattutto a causa dello smartphone, che è ormai il dispositivo per eccellenza impiegato per mantenere i contatti col resto del mondo. E infatti il tempo di utilizzo del cellulare è aumentato notevolmente negli ultimi due anni: nel weekend è stato pari a circa cinque ore (quasi due ore in più rispetto al 2018), mentre durante la settimana si parla di oltre tre ore al giorno (quaranta minuti in più). È quanto emerge dallo studio JAMES 2020 dell'Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) e di Swisscom.

Si tratta dell'anno della pandemia. E questo ha verosimilmente avuto un peso sul risultato dell'indagine, secondo i ricercatori della ZHAW. «Durante il lockdown i giovani sono stati costretti a casa per lungo tempo e per questo motivo hanno utilizzato il cellulare in modo ancora più intenso» spiega il direttore dello studio Daniel Süss.

I pericoli della rete - L'utilizzo dello smartphone porta con sé anche dei pericoli. Infatti, un quarto dei giovani ha già avuto esperienze di cyber mobbing. Tra i dodicenni e i tredicenni, si parla di un ragazzo o una ragazza su dieci, con una frequenza leggermente maggior per le ragazze. Ancora più spesso del cyber mobbing, i giovani sono vittime di molestie sessuali su internet: quasi la metà dei giovani (44%) è già stata contattata online da una persona estranea con richieste sessuali indesiderate. Dal 2014 - osservano i ricercatori - questo numero è aumentato in modo significativo (2014: 19%). E riguarda soprattutto le ragazze (55%). «È necessario sensibilizzare i giovani, da un lato, e i genitori e gli insegnanti dall'altro» afferma Michael In Albon, incaricato di Swisscom della protezione dei giovani.

Con l'aumento dell'età dei ragazzi crescono anche le loro esperienze con la pornografia e il sexting. La metà dei diciottenni e diciannovenni intervistato dichiara, infatti, di aver già guardato contenuti pornografici sul cellulare o sul computer o di aver ricevuto immagini erotiche da altri. L'interesse per tali contenuti fa parte del processo di diventare adulti e dello sviluppo della propria sessualità, ma - lo dicono i ricercatori - può anche essere problematico, poiché possono trasmettere un'immagine falsa o unilaterale della sessualità e a volte possono essere inquietanti.

Il declino di Facebook - Ma cosa fanno i giovani online? Si parla di comunicazione e social network (soprattutto per le ragazze) e di videogiochi (in particolare per i ragazzi). Per quanto riguarda i social network, quelli che vanno per la maggiore sono Instagram e Snapchat. E negli ultimi due anni è diventato sempre più popolare anche TikTok. Facebook è invece in declino: se nel 2014 era ancora la piattaforma più utilizzata (79%), nel 2020 viene usato regolarmente soltanto dal 14% dei ragazzi tra i 12 e i 19 anni.

A caccia di like - Sono iscritti ai social, ma i giovani sono sempre meno attenti alla propria privacy. Se nel 2014 l'81% degli intervistati proteggeva ancora la propria sfera personale, ora la percentuale è scesa al 66%. Gli autori dello studio sospettano che il cambiamento sia dovuto al tipo di social network impiegato. «Con piattaforme come Instagram e Snapchat è importante raccogliere un numero considerevole di like» spiega Gregor Waller. «Limitando la loro privacy, i giovani sono meno visibili e restringono la platea di contatti. Tutto questo limita le possibilità di ottenere like».

Sempre più streaming - Si rileva un cambiamento significativo nell’uso dei servizi di streaming orientati all’intrattenimento: tre quarti delle famiglie con adolescenti ha ora un abbonamento come Netflix per lo streaming di film e serie televisive (2016: 38%). Sono aumentati anche gli abbonamenti flat per la musica in streaming (2016: 29%; 2020: 59%) e per il gaming (2016: 12%; 2020: 38%), continuando una tendenza che si era già manifestata nel 2016. Anche in questo caso, le restrizioni legate alla pandemia di Covid-19 potrebbero aver contribuito all’aumento della diffusione. «Il periodo di lockdown è stato stressante per i giovani» afferma Süss. «Probabilmente hanno fatto maggiore ricorso alle offerte di servizi di streaming per distrarsi o per sfuggire a una realtà che li opprimeva».

Non solo online - Un’ulteriore tendenza è riscontrabile nell’organizzazione del tempo libero non legata ai media. Rispetto al 2010, i ragazzi tra i 12 e i 19 anni fanno più spesso qualcosa in famiglia (2010: 16%; 2020: 29% quotidianamente/diverse volte a settimana), ma incontrano meno gli amici (2010: 81%; 2020: 62%). I ricercatori della ZHAW ipotizzano che la pandemia di Covid-19 abbia ulteriormente rafforzato la tendenza sociale chiamata «Social Cocooning». Al tempo stesso, però, tale sviluppo corrisponderebbe anche a una tendenza a più lungo termine che si è già manifestata negli ultimi quattro anni. Si registra tendenzialmente anche un aumento di attività creative come la musica, la pittura o il bricolage, che può essere parimenti ricondotto alle restrizioni legate al coronavirus. Come negli anni precedenti, molti giovani fanno regolarmente sport o amano anche non fare niente.

Lo studio JAMES fornisce un ritratto dell’utilizzo dei media da parte dei giovani in Svizzera. JAMES è l’acronimo di «Jugend, Aktivitäten, Medien – Erhebung Schweiz» (Giovani, attività, media - rilevamento Svizzera) e il relativo studio viene svolto ogni due anni. Dal 2010, su incarico di Swisscom, l’Università di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) intervista in questo studio rappresentativo oltre 1'000 giovani di età compresa tra i 12 e i 19 anni nelle tre principali regioni linguistiche della Svizzera riguardo alle loro abitudini di utilizzo dei media e del tempo libero.

La sesta edizione del 2020 consente di tracciare un quadro dell’utilizzo dei media lungo un intero decennio. Nel 2021 sarà pubblicata un’edizione speciale per l’anniversario, con le tendenze e i risultati degli ultimi 10 anni. Il sondaggio JAMES di quest’anno si è svolto durante il lockdown causato dall’emergenza di Covid-19 ed è stato condotto in modalità online a seguito della chiusura delle scuole. I risultati vanno, quindi, interpretati alla luce del contesto in cui sono stati raccolti i dati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-07 05:23:11 | 91.208.130.85