tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
26 min
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
SVIZZERA
35 min
Mobility pricing: i partiti sostengono i progetti pilota
Per il modello proposto dal Governo federale c'è però il malcontento di UDC e TCS
BERNA
41 min
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
BERNA 
1 ora
Casse malattia: nel 2020 calo dei reclami
Complessivamente sono stati inoltrati 4457 dossier, rispetto ai 4968 del 2019.
SAN GALLO
1 ora
Bandiere arcobaleno distrutte, l'ira della comunità LGBTQ+
Sconosciuti al momento gli autori del gesto
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera altri 2650 casi nel weekend
Sono 8 i decessi confermati in laboratorio. I dati dell'UFSP
GRIGIONI
2 ore
Abbonamenti sciistici offerti ai politici, al via l'inchiesta
Le possibili imputazioni sarebbero concessione e accettazione di vantaggi. Si tratterebbe di un segreto ormai arcinoto.
FOTO
ZURIGO
3 ore
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel settimo distretto della Città di Zurigo.
SVIZZERA
3 ore
Tratta di essere umani da record in Svizzera
I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.
SVIZZERA
4 ore
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
BERNA
18.11.2020 - 14:300

Coronavirus, tornano in servizio protezione civile ed esercito

La responsabilità operativa della chiamata e degli interventi è assunta dai Cantoni.

La protezione civile interverrà soltanto a titolo sussidiario, mentre l'esercito si occuperà di sostenere le strutture ospedaliere civili.

BERNA - Per affrontare la seconda ondata di coronavirus, il Consiglio federale ha deciso oggi di richiamare in servizio i militi della protezione civile. Parallelamente, l'esecutivo ha anche formalmente chiesto al Parlamento di autorizzare l'impiego dell'esercito a supporto dei Cantoni.

Il contingente della protezione civile comprenderà un massimo di 500'000 giorni di servizio. Sarà disponibile fino al 31 marzo 2021. Dato che la Confederazione verserà ai Cantoni un'indennità forfetaria di 27,50 franchi per giorno prestato, i costi per Berna ammonteranno al massimo a 13,75 milioni di franchi.

La responsabilità operativa della chiamata in servizio e degli interventi è assunta dai Cantoni. La protezione civile interviene soltanto a titolo sussidiario, vale a dire quando gli altri mezzi di supporto non sono più sufficienti o quando è necessario intervenire con urgenza. Con questa chiamata in servizio, si tiene conto di una richiesta dei Cantoni «le cui strutture sanitarie richiedono sempre più frequentemente un appoggio urgente da parte della protezione civile», spiega l'esecutivo in una nota.

Nelle scorse settimane i numeri dell'epidemia hanno segnato una forte impennata. Nelle strutture del sistema sanitario, tra cui case di riposo e istituti di cura, il personale rischia di raggiungere i limiti di capacità e a livello cantonale queste strutture richiedono sempre più spesso aiuto alla protezione civile.

L'intervento della protezione civile consente in particolare di sgravare il personale curante, anch'esso sempre più spesso contagiato e costretto a mettersi in quarantena o in isolamento. Consente inoltre di dare man forte al contact tracing e alle organizzazioni che effettuano i test.

La protezione civile fornisce anche un supporto a livello logistico e di condotta. Si occupa ad esempio dei trasporti di pazienti e dell'installazione e gestione di centri di accoglienza presso gli ospedali, assiste gli stati maggiori di crisi o gestisce le linee telefoniche d'emergenza. L'ordine di priorità nell'adempimento di questi compiti è deciso dai Cantoni.

Chiesto l'impiego dell'esercito - Oggi il governo ha peraltro anche licenziato il messaggio nel quale chiede al Parlamento di autorizzare l'impiego dell'esercito a favore del sistema sanitario civile. Per potervi far capo, i Cantoni dovranno dimostrare di aver esaurito tutti i mezzi di cui dispongono.

La decisione di principio sull'impiego fino al 31 marzo 2021 di un massimo di 2500 militari era stata presa due settimane fa. In tal modo l'esecutivo aveva dato seguito a una esplicita richiesta dei Cantoni.

Trattandosi di un impiego di durata superiore a tre settimane e di un contingente di oltre 2000 militari, la missione deve essere approvata dal Parlamento, che si esprimerà nella sessione invernale. I maggiori costi, generati soprattutto dai giorni di servizio supplementari, dovrebbero essere coperti dal budget ordinario del Dipartimento della difesa (DDPS) già approvato dal Parlamento.

I compiti dell'esercito consistono nel sostenere le strutture ospedaliere civili nel settore delle cure di base e delle terapie, nell'aiutare gli ospedali cantonali ad accrescere le capacità delle loro unità di cure intense e nel trasportare pazienti contagiosi. I soldati sanitari e d'ospedale, che dispongono di una formazione militare riconosciuta dalla Croce Rossa, potranno in particolare sgravare il personale infermieristico da alcuni compiti per consentire loro di concentrarsi sui casi gravi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 16:02:23 | 91.208.130.89