Fotolia
CINA
26.11.2017 - 12:070

«Condizioni disumane» per produrre i regali di Natale

In Svizzera due giocattoli su tre vengono dalla Cina, che secondo Solidar Suisse calpesta i diritti dei lavoratori

BERNA - Le fabbriche cinesi che smerciano giocattoli anche in Svizzera non rispettano i diritti dei lavoratori. I dipendenti accumulano gli straordinari e sono a volte esposti a prodotti tossici, denuncia l'organizzazione non governativa Solidar Suisse.

Due giocattoli su tre venduti in Svizzera provengono dalla Cina. L'inchiesta 2017 condotta sul posto dall'organizzazione China Labor Watch, ha dimostrato che i dipendenti effettuano da 80 a 140 ore di straordinario al mese e che lavorano in cattive condizioni igieniche.

Simone Wasmann, direttrice della campagna di Solidar Suisse, citata nel comunicato, afferma che la pressione a cui sono sottoposti i fabbricanti cinesi per ridurre i costi è in parte responsabile dello sfruttamento dei lavoratori. Le foto scattate dall'organizzazione cinese nelle fabbriche mostrano condizioni di vita "catastrofiche": gli operai sono ammassati in piccoli dormitori, il cibo è di cattiva qualità e istallazioni sanitarie insufficienti. Ci sono anche stati tentativi di suicidio.

Solidar Suisse sottolinea che vi sono stati anche alcuni miglioramenti negli ultimi anni: la settimana lavorativa è stata ridotta da sei a cinque giorni e il numero di operai è aumentato.

Per sensibilizzare l'opinione pubblica durante le feste natalizie, l'ONG distribuirà nei prossimi giorni nelle principali città la rivista Fair Toys nella quale vengono descritte le condizioni dei lavoratori.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Potrebbe interessarti anche
Tags
condizioni
lavoratori
solidar suisse
suisse
giocattoli
svizzera
organizzazione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-18 20:31:20 | 91.208.130.86