Immobili
Veicoli

STATI UNITIDramma migranti in Texas, il sospettato si spacciava per una vittima

30.06.22 - 11:49
L'autista del camion è stato arrestato dalla polizia mentre si nascondeva tra i sopravvissuti. Con lui anche un complice
Imago
Dramma migranti in Texas, il sospettato si spacciava per una vittima
L'autista del camion è stato arrestato dalla polizia mentre si nascondeva tra i sopravvissuti. Con lui anche un complice

SAN ANTONIO - Le indagini della polizia del Texas stanno facendo chiarezza sulle responsabilità della drammatica morte di 53 migranti nello stato californiano. Il primo sospettato è lo stesso autista del camion trovato abbandonato nella località di San Antonio con decine di corpi inermi all’interno. Identificato dagli inquirenti con il nome di Homero Zamorano, l'uomo è stato arrestato mentre si fingeva un migrante tra i sopravvissuti. Il sospettato, un 45enne, è ora accusato di traffico di esseri umani e di omicidio colposo. 

Aumenta il bilancio delle vittime - La tragedia si era consumata lunedì sera intorno alle 18 ora locale. I migranti erano stati rinchiusi all’interno del camion sotto un caldo torrido per ore. Le temperature insopportabili e la mancanza d’acqua avevano causato la morte di 46 persone. Il bilancio si è aggravato nelle ultime ore dopo che sette persone ricoverate in ospedale sono decedute. Il conteggio delle vittime ha consegnato all’incidente il triste record di tragedia di migranti più drammatica della storia degli Stati Uniti. 

Il sospettato, che viene dal Texas, aveva «cercato di spacciarsi per uno dei sopravvissuti» quando è stato trovato dalla polizia, secondo un alto funzionario messicano dell’immigrazione. Un secondo sospettato, Christian Martinez, è stato arrestato con l'accusa di cospirazione. I pubblici ministeri federali affermano che gli investigatori hanno individualizzato il complice grazie al tracciamento delle chiamate del telefono di Zamorano. 

La sentenza - Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato che i due uomini potrebbero essere condannati all'ergastolo. Rischiano inoltre anche la pena di morte. Lunedì sera i soccorritori sono arrivati ​​​​in una strada isolata vicino a San Antonio per trovare 46 cadaveri all'interno e intorno al veicolo abbandonato, che aveva ormai le porte spalancate.

Tutte le persone all’interno del camion sono state ritrovate dai soccorritori prive di sensi. Solo una dozzina di migranti sembrava respirare ancora.

Un memoriale è stato edificato sul luogo della tragedia, a circa 250 km a nord del confine tra Stati Uniti e Messico. Mercoledì i residenti della località texana si sono riuniti per commemorare le vittime.

Secondo i funzionari messicani dell'immigrazione, molto probabilmente i migranti hanno attraversato il confine in piccoli gruppi prima di radunarsi in un rifugio segreto, dove sarebbero poi stati stipati nel camion per la fase successiva del loro viaggio.

I migranti all'interno del veicolo sono stati trovati cosparsi di una sostanza pungente, hanno aggiunto i funzionari. Questo metodo è usato da alcuni trafficanti per smascherare l'odore di umano ed evitare di essere scoperti dalle pattuglie della polizia.

NOTIZIE PIÙ LETTE