Immobili
Veicoli

UCRAINAIryna era nella sua casa con i figli, quando è stata bombardata

21.05.22 - 09:50
Una madre ucraina con tre figli ha raccontato il momento in cui la loro casa è stata raggiunta dai missili
keystone-sda.ch / STF (Francisco Seco)
UCRAINA
21.05.22 - 09:50
Iryna era nella sua casa con i figli, quando è stata bombardata
Una madre ucraina con tre figli ha raccontato il momento in cui la loro casa è stata raggiunta dai missili
La famiglia ha avuto la fortuna di sopravvivere, una sorte che purtroppo non è destinata a molti che si trovano nella stessa situazione

VELYKA KOSTROMKA - Era piena notte quando una prima esplosione ha fatto spalancare gli occhi ad Iryna Martsyniuk e ai suoi tre figli, con le fondamenta della loro casa che hanno vibrato fortemente.

Non era la prima volta che il villaggio ucraino di Velyka Kostromka - a pochi chilometri dalla linea del fronte meridionale della guerra - veniva colpito da un bombardamento, ma questa volta il tutto era particolarmente vicino.

Il primo boato ha fatto scoppiare in lacrime a Maksym, di sette anni, che si è nascosto sotto le coperte. Dal canto loro, Karyna e Sasha (di sei anni) si sono stretti terrorizzati alla madre, che cercava di calmarli, seppur non sapesse cosa avesse colpito la loro abitazione.

«Lampi, fumo, boati»
Era solo l'inizio, però: «È in quel momento che è iniziato tutto», ha detto Martsyniuk all'Associated Press, raccontando di quella mattina da incubo. «All'improvviso c'erano dei lampi dappertutto, e fumo ovunque, le finestre sono andate in frantumi».

Le travi del tetto hanno iniziato ad incrinarsi, e le schegge di vetro della finestra sono volate sopra i tre bambini, che sono schizzati verso la parete opposta.

Poco dopo, il tetto è crollato. Fortunatamente, il soffitto è riuscito parzialmente a reggere e la famiglia è immediatamente corsa verso la porta principale, per cercare di uscire. «Ma il corridoio non c'era più». Purtroppo, nonostante cinque tentativi di uscire dalla casa, i tre non sono riusciti a trovare uno spiraglio sicuro. In mezzo al suono di numerose esplosioni, si sono allora nascosti, immobili, all'interno della loro abitazione, fino al termine degli scoppi.

Via, dalla finestra
Quando è sopraggiunto un silenzio quasi surreale, sono riusciti ad arrampicarsi fino ad una finestra presente sul retro dell'edificio, e a correre fino alla casa di un vicino, dove si sono nascosti nel seminterrato: tutti e tre, al contrario di molte persone che si trovano nella stessa situazione, erano sopravvissuti.

L'attacco di quel giorno, il 19 maggio, è stato il più intenso e il più diffuso a Velyka Kostromka, e ha danneggiato o distrutto circa 20 case. La casa della famiglia Martsyniuk è ormai probabilmente irrecuperabile, uno scheletro di muri attorno a numerosi cumuli di macerie. Cosa faranno Iryna e i suoi figli? Sono al momento ospitati da parenti, ma stanno valutando di spostarsi nella vicina città di Kryvyi Rih, per affittare un appartamento mentre decidono cosa fare.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO