keystone-sda.ch / STR (Bob Edme)
UNIONE EUROPEA
16.03.2021 - 17:450

L'effetto domino di AstraZeneca

L'Ema rinvia di 48 ore la propria valutazione sul vaccino. E le campagne vaccinali si inceppano

In Italia e in Germania alcuni centri vaccinali sono stati chiusi in attesa di giovedì. Cancellati migliaia di appuntamenti.

AMSTERDAM - «Il rapporto tra rischi e benefici rimane al momento positivo». L'Agenzia europea per i medicinali ha così ribadito, almeno per il momento, la propria posizione in merito alla sicurezza del vaccino di AstraZeneca - confrontato con una serie di sospensioni a catena delle somministrazioni in larga parte dell'Unione europea -, rinviando a giovedì la valutazione definitiva sul caso.

L'effetto domino di questo "congelamento" precauzionale delle vaccinazioni con AstraZeneca - che, lo ricordiamo, è dovuto ad alcuni casi di trombosi verificatisi dopo la somministrazione del preparato - si è fatto rapidamente sentire in Italia e in Germania, dove diversi centri vaccinali hanno dovuto nel frattempo chiudere le proprie porte e cancellare migliaia di appuntamenti già fissati. Tra i quali anche quelli di chi era in attesa del richiamo.

L'Ema: «Un colpo alla fiducia nei vaccini»
Ma oltre all'incepparsi (temporaneo) delle campagne vaccinali, lo stop "politico" ad AstraZeneca assesta pure una stilettata alla fiducia collettiva nei confronti dei vaccini. E questo non può che alimentare le preoccupazioni dell'Ema. Una fiducia che «è di fondamentale importanza per noi», ha detto oggi la direttrice dell'ente, Emer Cooke, rimarcando l'importanza di «valutare solo in base alla scienza» per poter «arrivare a una conclusione chiara». E già ieri, in occasione dell'annuncio della sospensione in Francia, il ministro della Salute Olivier Véran si era affrettato nel rassicurare i cittadini francesi, avvisando che «chi ha ricevuto la prima dose non corre alcun pericolo».

«Campagne di vaccinazione di massa come quella del Covid-19, possono portare all'emergere di fenomeni imprevisti», ha detto Cooke. La questione è semmai stabilire se via sia un effettivo collegamento tra questi casi di trombosi - che sono in tutto 30 su circa 5 milioni di dosi di vaccino somministrate - e la vaccinazione.

Questi legami al momento non risultano. Ma se giovedì - giorno in cui gli esperti mobilitati dall'ente regolatore europeo presenteranno il proprio rapporto - il divieto dovesse essere confermato si tratterebbe di un'altra pesante tegola sulle campagne di vaccinazione del Vecchio continente, che hanno nel preparato di Oxford - con 400 milioni di dosi acquistate dall'Unione europea - uno dei propri pilastri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 6 mesi fa su tio
Assolutamente NO a quel vaccino
ciapp 6 mesi fa su tio
@seo56 e non solo a quello
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 12:01:47 | 91.208.130.85