keystone-sda.ch / STF (RONALD WITTEK)
UNIONE EUROPEA
15.02.2021 - 16:580
Aggiornamento : 17:20

«Rischio alto» di diffusione a causa delle varianti

L'analisi aggiornata dello scenario europeo da parte del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie

E il passaporto vaccinale? L'ECDC è concorde sulla creazione di un certificato, ma per scopi medici. «Non ci sono ancora prove sufficienti per esonerare i viaggiatori vaccinati da misure di quarantena e di test».

BRUXELLES - Premere il piede sull'acceleratore nelle campagne vaccinali e mantenere in vigore le necessarie misure di sicurezza e i piani di protezione per evitare un aumento di casi di Covid-19 nel corso delle prossime settimane. Sono le raccomandazioni del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) che ha oggi aggiornato la propria analisi di rischio sull'evoluzione della pandemia.

Nel nuovo bollettino, il rischio associato a un'ulteriore diffusione del virus nell'Ue è valutato tra "alto" e "molto alto", soprattutto a causa della presenza di diverse varianti, che stanno circolando in modo sempre più deciso tra i Paesi del Vecchio continente.

Nel dettaglio, il giudizio formulato dall'ECDC è dovuto a fattori quali la «maggiore trasmissibilità», il rischio che possano causare «forme più gravi della malattia» e il fatto che «i vaccini attualmente autorizzati possano essere», in parte o in modo sostanziale, «meno efficaci» contro le mutazioni.

L'emergere di queste forme di virus mutate «continuerà probabilmente anche in futuro», scrive l'agenzia, che insiste sull'importanza di aggiornare i preparati.

«Un certificato, non un passaporto»
Nella sua valutazione, l'ECDC ha indicato di essere a favore di un certificato per il Covid-19, su cui venga registrato se una persona è stata vaccinata, con quante dosi e con quale vaccino. Questo documento però avrebbe rilevanza da un punto di vista medico e non dovrebbe essere considerato una sorta di passaporto.

«È importante distinguere tra un certificato e un passaporto vaccinale, utilizzato per viaggiare», scrive l'agenzia, spiegando che in questa fase «non abbiamo prove a sufficienza sul fatto che una persona completamente vaccinata possa non essere infettata dal virus e quindi trasmetterlo». E di conseguenza «non ci sono prove sufficienti per esonerare i viaggiatori vaccinati da misure di quarantena e di test». Almeno per il momento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 00:59:22 | 91.208.130.87