Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
1 ora
Contratti collettivi di lavoro: nel 2021 i salari sono cresciuti
Lo conferma un rapporto dell'Ufficio federale di statistica che parla di un aumento per quelli minimi e quelli effettivi
SVIZZERA
17 ore
L'aeroporto di Zurigo è il migliore in Europa
Clienti soddisfatti e servizi di qualità: lo scalo ha ottenuto (di nuovo) il World Travel Award
STATI UNITI
20 ore
Undici Picasso all'asta per 110 milioni di dollari
Si tratta di opere che ornavano il noto Bellagio Hotel, a Las Vegas
NIGERIA
22 ore
eNaira, la Nigeria lancia la sua moneta virtuale
Si tratta della forma digitale della Naira, la moneta fisica nazionale
MONDO
1 gior
Mai così tante persone sui social media
Spicca la crescita di TikTok, che è riuscita a raggiungere più di un miliardo di utenti in soli cinque anni
REGNO UNITO
1 gior
«Siamo alla fine dell'esame, e il tempo sta per scadere»
Riguardo al clima rimangono le domande più difficili, e non c'è tempo. Lo sostiene il deputato Alok Sharma
SVIZZERA / MONDO
2 gior
Il (breve) sorpasso del bitcoin sul franco svizzero
Il traguardo, in termini di capitalizzazione di mercato, è stato raggiunto durante il recente scatto della criptovaluta
SVIZZERA
2 gior
Frutta svizzera, il 2021 è da dimenticare
Le gelate e il maltempo estivo hanno flagellato i raccolti. Il colpo più duro lo hanno subito albicocche e prugne
DANIMARCA
2 gior
La casa di "Mamma ho perso l'aereo" in versione LEGO
Il set, in vendita da novembre, comprende ben 3'995 pezzi, e cinque personaggi
Francese
3 gior
Big John è stato battuto all'asta per 6,6 milioni di euro
È il più grande triceratopo mai rinvenuto. Vissuto 66 milioni di anni fa, oggi ha trovato la sua nuova casa
STATI UNITI
3 gior
Elon Musk potrebbe essere il primo “trilionario” della storia
A permettere al magnate americano di superare la soglia dei dodici zeri la crescente fortuna della sua SpaceX
STATI UNITI
3 gior
Più di Instagram e WhatsApp, l'offerta "monstre" è per Pinterest
PayPal starebbe valutando l'acquisizione del social network fotografico per circa 39 miliardi di dollari.
SVIZZERA
17.09.2021 - 10:320

Meno tosse (per via del Covid), e meno vendite: Ricola si reinventa

Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle

Attenzione ai rischi, però. «È importante rimanere fedeli alla visione di fondo» secondo un'esperta

ZURIGO - Ricola deve reinventarsi: il produttore di caramelle e tisane balsamiche usate contro la tosse e il mal di gola ha visto le vendite calare sulla scia del Covid, complice la diminuzione - legata alle misure di protezione - dei piccoli disturbi come i raffreddori.

L'impresa familiare e di lunga tradizione - si è ormai alla quarta generazione - non fornisce cifre relative all'evoluzione del fatturato, ma stando a un articolo odierno del Tages-Anzeiger e testate consorelle il calo dei ricavi l'anno scorso dovrebbe essere stato dell'ordine del 10%. Con la pandemia è arrivata la mascherina e con essa si sono potuti far strada meno virus e meno raffreddori, con conseguente minor bisogno di caramelle. Anche il calo dei pendolari ha inciso, con una flessione delle vendite nei chioschi delle stazioni.

La scorsa primavera il giro d'affari è tornato a salire. «Non siamo però ancora ai livelli pre-crisi», afferma il presidente della direzione Thomas Meier in dichiarazioni riportate dal quotidiano. Sino alla fine di agosto un terzo delle maestranze era ancora in regime di lavoro ridotto: per la dirigenza si tratta quindi di agire.

Ricola parte da una posizione di assoluto rispetto. Una recente indagine ha mostrato che il marchio in Germania è noto al 98% della popolazione: un valore enorme, raggiunto solo da aziende grandissime e da politici di punta come Angela Merkel. Anche in Svizzera l'impresa con sede a Laufen (BL) gode di un'immagine eccellente: Ricola è il marchio con la migliore reputazione (davanti a Migros e TCS), stando a un'inchiesta pubblicata in maggio.

Una nuova immagine
Meier vuole però trasformare la caramella Ricola in qualcosa di più di un semplice rimedio per il raffreddore. Al centro dell'attenzione vi sono le erbe svizzere per le quali l'azienda è tanto nota: «non si tratta di dare loro una nuova immagine, bensì di metterle maggiormente sotto i riflettori, per liberare il loro potenziale latente».

Le linee strategiche per farlo sono due: introdurre nuovi prodotti - in queste settimane arriveranno sul mercato nuove caramelle - e puntare su una campagna pubblicitaria, in televisione e sui media sociali, che nelle intenzioni dei promotori vorrebbe raggiungere i fasti del passato.

I filmati sono già stati girati. «Sono divertenti come la leggendaria campagna 'Chi le ha inventate?' e crediamo che faranno anche il botto"» si dice convinto il numero uno della società. Il nuovo slogan è ancora un segreto: l'unica cosa che si sa è che stato ideato dallo stesso esperto pubblicitario all'origine del motto (nella versione tedesca) "Wer hats erfunden?", cioè Jean-Remy von Matt. Che era già in pensione, ma che si è riattivato per Ricola.

Occhio ai pericoli
Non mancano peraltro i rischi, segnalati da chi si muove in questi ambiti. «È importante per un'azienda rimanere fedele alla sua visione di fondo», afferma Nikolina Fuduric, professoressa di competitività e comunicazione alla Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (FHNW), in dichiarazioni riportate dal Tages-Anzeiger. A suo avviso è essenziale non agire precipitosamente in una crisi. «Perché una nuova immagine modella il marchio per un periodo di tempo più lungo e deve davvero adattarsi ad esso».

A far discutere potrebbe per esempio essere lo zenzero, che figurerà fra gli ingredienti delle nuove caramelle. Ma c'è chi trova lo zenzero ancora troppo poco esotico. Un altro esperto di marketing interpellato dalla testata zurighese, Cary Steinmann, vorrebbe vedere i prodotti allontanarsi ancora di più dalle Alpi svizzere. «La menta giapponese sarebbe stata più cool, una varietà con un'erba del Nepal super-cool», afferma. Il consulente di strategia dei marchi pensa che un'azienda come Ricola deve sorprendere per rimanere forte: «diventa interessante quando il marchio si contraddice, perché il rompere le regole genera attenzione», sostiene.

Difficilmente però Ricola si allontanerà troppo dalle erbe svizzere che hanno fatto la sua fortuna sin dal 1930, data di fondazione della società. Anche perché coltiva relazioni pluriennali con i contadini di montagna che forniscono la materia prima. Si tratterà insomma ancora una volta di mediare fra tradizione e modernità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 10:20:47 | 91.208.130.87