Immobili
Veicoli

RUSSIAL'ex colonnello dell'intelligence: «Putin ha un piano sanguinario pragmatico e cinico molto chiaro»

02.10.22 - 14:12
Il leader russo «si sta salvando la pelle», essendo consapevole che «la guerra sarà persa», secondo Gennadiy Gudkov
IMAGO
Fonte Ats Ans
L'ex colonnello dell'intelligence: «Putin ha un piano sanguinario pragmatico e cinico molto chiaro»
Il leader russo «si sta salvando la pelle», essendo consapevole che «la guerra sarà persa», secondo Gennadiy Gudkov

MOSCA - «Putin ha annunciato un'altra annessione, questa volta di quattro regioni dell'Ucraina. L'Occidente non considererà questa come una campagna santa della Russia per le sue terre. Sarà difficile per i russi vendere anche questa idea, ora sono impegnati a salvarsi dalla mobilitazione». «Non lasciatevi ingannare, Putin non ha più così tante ambizioni e ossessioni. Si sta salvando la pelle, perché è ben consapevole che la guerra, se non ancora persa, sarà persa. E i primi cigni neri della sua sconfitta sono già volati». Considerazioni, queste, affidate al media ucraino Unian dal politico russo e colonnello del servizio di intelligence Fsb in pensione Gennadiy Gudkov.

«Putin come Stalin» - «Putin ha un piano sanguinario pragmatico e cinico molto chiaro. Sta creando le condizioni per un futuro ricatto nucleare. Gli piace manipolare la storia. Non credo che sia necessario prestare attenzione a tutto questo, serve a distrarci. Putin è un formalista patologico. Stalin era lo stesso».

«Non c'è stata una sola esecuzione, esilio nei campi od omicidio senza un pezzo di carta. Putin in questo senso è molto simile a lui, quindi ha bisogno di documenti formali su referendum, votazioni, decisioni», ha affermato Gudkov. «C'è una falsificazione completa, un falso, ma Putin ha bisogno di un pezzo di carta formale per coprire le prove del crimine. E ora minaccerà il mondo intero con questa dottrina. Ha già iniziato ad alludere. E la dottrina è pronta, Nikolai Patrushev, il potente segretario del Consiglio di sicurezza, l'ha scritta apposta».

«E se improvvisamente qualcuno attacca la Russia, se c'è una minaccia alla sua esistenza, una minaccia esistenziale, la Russia può usare le armi nucleari. E ora questo pazzo al Cremlino ricatterà il mondo con un attacco nucleare. Putin si lancia in un olocausto nucleare».

NOTIZIE PIÙ LETTE