keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
+18
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Cina
30 min
Non era un missile ipersonico, ma comunque nessuno lo ha visto
La conferma dal Ministero degli esteri: «Era la prova di routine di un veicolo spaziale»
NORVEGIA
1 ora
Niente arco e frecce, il killer di Kongsberg ha pugnalato le 5 vittime
Gli omicidi non sono avvenuti con l'arco, ma con «un'arma bianca».
UNIVERSO
1 ora
Scoperta una stella che «si accende e si spegne»
Si tratta di una nana bianca a 1'400 anni luce di distanza
CINA
2 ore
Perché in tantissimi facevano il tifo per un pluriomicida cinese in fuga
Aveva accoltellato un'intera famiglia ma tutti speravano che potesse farla franca, la tragica storia di Ou Jinzhong
RUSSIA
4 ore
Dal 1 novembre la Russia taglierà i ponti con la NATO
La decisione, esplicitata oggi da Mosca ha motivazioni espressamente politiche
STATI UNITI
4 ore
Colin Powell è morto di Covid 19
L'ex Segretario di Stato americano aveva 84 anni lottava da tempo con la malattia
Svezia
4 ore
Aggressione con ascia e piede di porco, tra i feriti anche due bambini
L'uomo, sulla cinquantina, è già stato arrestato dalle autorità
LE IMMAGINI
ITALIA
5 ore
Idranti e lacrimogeni, manifestanti sgomberati con la forza
Le operazioni al porto potranno riprendere senza rallentamenti, ma i lavoratori annunciano che lo scioperò continuerà
MYANMAR
6 ore
Incarcerati dopo il golpe, saranno rilasciati in 5'000
Secondo i leader dell'esercito i motivi sono umanitari, ma c'è anche una questione geopolitica
ITALIA
8 ore
Lo sgombero del porto di Trieste, a suon di idranti
La polizia si è attivata questa mattina per rimuovere gli scioperanti e i manifestanti no-Pass
Stati Uniti
9 ore
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
FOTO
ISRAELE
10 ore
Nudi nel deserto, per il Mar Morto
Continua il progetto quinquennale del fotografo americano Spencer Tunick in Israele
STATI UNITI
07.11.2020 - 21:490

Una cittadina in festa per "zio Joe": «L'alba di una nuova America»

I cittadini di Wilmington nel Delaware sono scesi in piazza per festeggiare la vittoria di Biden.

La folla è un caleidoscopio di gente di tutte le età, le razze e gli orientamenti sessuali: famiglie con bambini sulle spalle, giovani e vecchi, gay e lesbiche, bianchi e afroamericanI. E tutti con la mascherina.

WILMINGTON - «Ce l'abbiamo fatta, zio Joe è presidente, è l'alba di una nuova America», grida Maurice, un afroamericano che presidia da giorni il perimetro del Chase center di Wilmington, il luogo simbolo della campagna di Joe Biden nella sua cittadina adottiva del Delaware.

Ha appena letto sul cellulare la breaking news della Cnn sulla vittoria del candidato democratico e lo annuncia a squarciagola con un grido liberatorio, dopo giorni di attesa «paziente», come aveva chiesto il «vecchio Joe». Ma intorno a lui c'è solo un piccolo drappello d'irriducibili che veglia sin dalla mattina sul «palco della vittoria», dove finalmente nelle prossime ore saliranno Joe Biden e Kamala Harris con i rispettivi coniugi per proclamarsi vincitori e unirsi a una festa in formato drive-in per rispettare le misure anti Covid.

Nella prima mezzora la placida Wilmington sembra ancora sprofondata nel torpore di lunghe notti insonni ad attendere il conteggio dei voti nella vicina Pennsylvania e in un'altra manciata di Stati chiave. Poco dopo l'annuncio della vittoria tutto tace anche di fronte alla irraggiungibile casa-bunker di Biden, un cottage in stile coloniale immerso nel verde della periferia e blindato da tre agenti del Secret Service. C'è una sola tv a presidiare e la reporter è ancora distesa sul prato a sonnecchiare in una luminosa e calda giornata autunnale. Ma in breve tempo la notizia fa il giro della città e la gioia esplode improvvisa al suono dei clacson.

Wilmington si scalda e si mette in marcia verso il Chase center, il centro congressi affacciato sul fiume Christina, alla destra di quel Westin Hotel scelto come quartier generale della campagna dem. La meta è il maxi parcheggio della imminente festa drive-in, sotto una maxi bandiera a stelle e strisce sostenuta da un paio di gru gialle. Colonne di gente e caroselli di auto, con bandiere, cartelli, t-shirt elettorali "Uncle Joe 2020", musica a tutto volume come 'We are the Champions", lo slogan 'nemesi' contro Trump 'You're fired'.

Ma è un entusiasmo misurato, senza gli eccessi di altre città o il fanatismo dei fan ai comizi di Trump. La folla in continua crescita è un caleidoscopio di gente di tutte le età, le razze e gli orientamenti sessuali: famiglie con bambini sulle spalle, giovani (tanti) e vecchi, gay e lesbiche, bianchi e afroamericani, quest'ultimi maggioranza nella cittadina. E tutti con la mascherina.

É il ritratto di un'America moderata, diversa e rispettosa delle regole, quella che vogliono incarnare Joe e Kamala. «È una vittoria ancora più importante di quella di Obama perché il rischio era di scivolare verso una dittatura», spiega Michael, studente di legge. «Joe sarà il presidente di tutti e Kamala la sua erede», assicura Katherina, insegnante di scuola superiore accompagnate dalle due figlie minorenni che sperano di vedere la Harris anche «come prima donna presidente». «L'America ha dimostrato di avere gli anticorpi, ora possiamo tornare a far vedere il nostro volto migliore», osserva un padre tenendo la figlioletta per mano.

I più entusiasti sono quelli che Biden lo conoscono da tempo, quando da giovane faceva il bagnino alla piscina ora a lui intitolata o da senatore prendeva ogni giorno il treno alla stazione - anche questa porta il suo nome - facendo la spola da Capitol Hill per tornare la sera dai due figli sopravvissuti all'incidente d'auto in cui perse la moglie e una figlia. O i parrocchiani della chiesa cattolica St. Joseph dove va a messa da una vita, le cassiere del supermercato Janssen's dove va a fare le spese con la moglie Jill, il gelataio dove Joe va a comprarsi l'ice cream (cioccolato e vaniglia i suoi gusti preferiti) di cui è così ghiotto da vantarsene sul profilo Twitter.

«Per noi, come per quasi tutti in città, è davvero come uno zio, ma da oggi sarà uno zio presidente», assicura Judith Baseden, cameriera del Characoal Pit, il diner preferito di "Joe", dove ha portato più volte Obama a mangiare un hamburger.

keystone-sda.ch / STF (Andrew Harnik)
Guarda tutte le 22 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Moga 11 mesi fa su tio
Breve aggiornamento per i PDioti: Biden non è più il presidente eletto avendo perso 2 stati ed essendo sceso a 258 voti contro i 233 di Trump!
F/A-19 11 mesi fa su tio
Il mondo non ha bisogno di dittatori come Trump, Putin, Lukaschenko, Berlusconi e quant’altro.
seo56 11 mesi fa su tio
Capirai!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 19:00:58 | 91.208.130.86