AUTOSTRADE PER L'ITALIA
L'autostrada A9 è chiusa in direzione sud ai mezzi pesanti.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
3 ore
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
3 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
5 ore
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
5 ore
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
5 ore
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
5 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
5 ore
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
6 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
CANTONE
6 ore
Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale
L'esercizio LEGIONE 21 era volto a migliorare la preparazione degli agenti di fronte a una minaccia puntuale.
VERZASCA
7 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
MESOCCO (GR)
7 ore
È morto Romano Fasani
L'ex sindaco di Mesocco è stato l'ultimo presidente del Gran Consiglio retico proveniente dalla Mesolcina.
CANTONE
8 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
CANTONE
10 ore
Nuovi armadietti nelle stazioni di Lugano e Bellinzona
A disposizione da ieri, i moderni vani portaborse saranno disponibili in cinque diverse dimensioni.
CANTONE
11 ore
Indicazioni tattiche con un bastone bianco per Pierre Tami
Testimonial d'eccezione per la Giornata internazionale del bastone bianco, che ricorre oggi.
BELLINZONA
12 ore
Brenno Martignoni Polti prende in mano l'UDC di Bellinzona
L'ex sindaco della Capitale succede al dimissionario Simone Orlandi, travolto dallo scandalo delle targhe.
ITALIA
02.08.2021 - 12:230
Aggiornamento : 15:39

Autostrada A9 chiusa per pullman e Tir, la viabilità di Como è a rischio collasso

Le prossime settimane saranno di sofferenza per chi viaggia, sia in direzione sud che nord.

I disagi rischiano di essere enormi per i residenti, specialmente di Ponte Chiasso e dei quartieri vicini alla frontiera.

COMO - Nel primo tratto dell'autostrada A9 Lainate-Como-Chiasso, subito dopo la dogana di Brogeda, da parecchie settimane è presente un cantiere che sta creando forti disagi sia per chi circola in direzione di Milano, che della Svizzera. Chiunque si sia trovato a percorrere quel tratto (per lavoro, turismo o per qualsiasi altra ragione) se ne sarà sicuramente reso conto. Bene, quello che si è vissuto fino a oggi rischia di essere stato solo l'antipasto dei disagi che i viaggiatori potrebbero affrontare nelle settimane a venire.

Rischio caos a Como - Un quadro della situazione è stato tracciato oggi da La Provincia di Como. «Automobilisti comaschi preparatevi a due settimane di convivenza difficile con colonne di Tir e di pullman turistici per le vie della città». Già, perché da queste ore - il cantiere è stato ridefinito con le nuove modifiche a partire dalle 5 di questa mattina - l'autostrada dei Laghi sarà percorribile su carreggiata ridotta per i soli veicoli leggeri, mentre camion con massa superiore alle 3,5 tonnellate e pullman turistici provenienti dalla Svizzera e diretti verso sud sono costretti ad affrontare la viabilità ordinaria. A questo si sommano le chiusure delle entrate di Ponte Chiasso e Lago di Como in direzione di Milano. In entrambi i casi l'entrata consigliata è a Como centro, ovvero dall'altra parte della città. I cartelli che indicano il tragitto che camion e autobus devono seguire per poter riguadagnare l'autostrada a Como Centro sono stati piazzati in città nelle scorse ore: un itinerario piuttosto lungo e tortuoso, che cerca dove possibile di non incrociare le vie di maggior traffico.

I punti critici (e Ponte Chiasso in difficoltà) - Proseguiranno poi fino alla notte tra venerdì e sabato le chiusure notturne dell'A9 in entrambe le direzioni, che già hanno creato gravi disagi nelle scorse settimane e che nella scorsa settimana sono stati sospesi, dopo che le martoriate strade di Como e dintorni hanno dovuto affrontare frane, smottamenti e allagamenti causati dal maltempo. Il quotidiano comasco indica alcuni punti particolarmente critici: il semaforo di Ponte Chiasso, via Bellinzona e l'intersezione con via Borgovico. Una situazione particolarmente difficile è quella che sta vivendo il quartiere di frontiera di Ponte Chiasso, con gli ingorghi notturni causati dai camion che non possono percorrere l'autostrada che si "spalmano" sull'intero arco della giornata. I media comaschi raccontano da giorni delle difficoltà dei residenti, che vedono le strade di quartiere riempirsi di Tir e che devono fare i conti con una circolazione che, nei momenti peggiori, procede a passo d'uomo.

Un fragile equilibrio - Per dare un'idea delle conseguenze che il cantiere - già nella sua conformazione precedente - crea sul traffico comasco: lo scorso 19 luglio il Comune ha dovuto sospendere un cantiere per l'acquedotto che aveva comportato la chiusura di via Borgovico, dopo che la viabilità cittadina è andata completamente in tilt. A riprova del fragile equilibrio che regola le vie di Como, se vengono sovraccaricate con il traffico che non può sfruttare la "valvola di sfogo" costituita dall'A9.

Problemi per il rientro di tedeschi, olandesi e svizzeri - Per garantire la bidirezionalità è stata ridotta la carreggiata in direzione nord, subito dopo il piazzale doganale a Brogeda. Risultato: un imbuto che chiunque è diretto in Svizzera deve affrontare e che non tiene conto delle possibili code di mezzi pesanti che spesso si formano alla dogana commerciale. Una situazione estremamente delicata, considerando il previsto rientro di migliaia di vacanzieri olandesi, belgi, tedeschi e svizzero-tedeschi nei prossimi giorni. Si rischia un autentico caos, specialmente nei fine settimana. 

I lavori - Sono attualmente in corso i lavori di manutenzione sui rivestimenti delle gallerie Monte Quarcino (in entrambe le direzioni), Monte Olimpino sud e San Fermo sud (in direzione di Milano). Stando ai documenti pubblicati sul sito di Autostrade per l'Italia, uno dei cantieri attualmente in opera sull'A9 - in direzione della Svizzera - "accompagnerà" i viaggiatori per l'intero 2021. Mentre quello che preoccupa maggiormente in queste ore sarà tolto solamente alle cinque del mattino di domenica 22 agosto. In altri due tratti la circolazione dovrebbe tornare alla normalità a partire dal 5 settembre. Questi interventi rientrano del più ampio programma di ammodernamento e messa in sicurezza dell'intera rete autostradale italiana, partito con slancio all'indomani della tragedia del Ponte Morandi a Genova. 

«Si arriva alla chiusura solo perché assolutamente necessario e con l’obiettivo di ridurre i disagi al minimo» aveva dichiarato nelle scorse settimane, sempre a La Provincia di Como, il direttore di Tronco autostradale Luca Beccaccini.

Code in Ticino - Da tempo ormai le code in direzione della Svizzera "debuttano" già dalla barriera di Como Grandate. Ma il posizionamento del cantiere, per come è stato modificato oggi, rende praticamente certa la formazione di code e rallentamenti in territorio ticinese. Ormai è una consuetudine che ci sia almeno un chilometro di coda in attesa di superare la dogana di Brogeda (che hanno superato i due chilometri in mattinata), ma nel weekend il serpentone ha toccato gli otto-nove chilometri, raggiungendo Mendrisio. L'esodo di turisti verso sud dovrebbe aver superato il picco, ma resta da vedere come la ridotta capacità dell'A9 sarà in grado di assorbire la situazione.

WEBCAM TI
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-15 23:22:11 | 91.208.130.87