tipress
CANTONE
09.04.2021 - 17:310

Reati finanziari: prosciolto un agente

L'ispettore di polizia era accusato di favoreggiamento, abuso di autorità e violazione del segreto d'ufficio

BELLINZONA - Un ispettore di polizia coinvolto in un'inchiesta giudiziaria della Procura ticinese è stato prosciolto da ogni accusa, relativamente a una serie di reati finanziari. La Corte dei reclami penali (CRP) ha confermato il decreto di abbandono nei confronti dell'agente: lo rende noto la Polizia cantonale in un comunicato odierno. 

 

L'ispettore stato denunciato a seguito delle dichiarazioni rese alla giustizia da un 54enne, di professione fiduciario, a sua volta indagato. Quest'ultimo aveva messo in discussione l'operato dell'agente, per il quale si configuravano i reati di favoreggiamento, abuso di autorità e violazione del segreto d'ufficio. 

Per i giudici Mauro Mini, Raffaele Guffi e Giovan Maria Tattarletti invece l'agente ha agito nell'ambito delle sue competenze, senza travalicarle, e non sarebbero emersi indizi di colpevolezza. Il procedimento penale si è quindi concluso - non essendo stati presentati ricorsi - e la sentenza è stata accolta «con soddisfazione» dal Comando della Polizia. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 15:26:51 | 91.208.130.85