Keystone
SVIZZERA
08.07.2020 - 14:380

Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata

Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.

ZURIGO - Le piccole e medie imprese (Pmi) svizzere temono una seconda ondata della pandemia: il rischio è considerato molto grande (11%) o grande (48%) dal 59% delle imprese interpellate nell'ambito di un sondaggio, mentre per il 29% è piccolo o molto piccolo e il 13% non dà indicazioni.

La maggioranza delle Pmi non si aspetta per contro un nuovo confinamento, afferma una ricerca realizzata dalla Scuola universitaria professionale di Zurigo (ZHAW). Gli specialisti hanno interrogato 480 realtà aziendali fra il 23 e il 29 giugno, periodo in cui il numero di casi di coronavirus è tornato ad aumentare in Svizzera.

Al di là di queste incertezze, il giudizio delle Pmi sull'andamento degli affari e sulla loro situazione finanziaria è nettamente migliorato: il 54% ritiene che la domanda dei suoi prodotti o servizi sia buona o molto buona, contro il dato inferiore al 30% rilevato in aprile. La quota di imprese che temono di essere a corto di denaro è scesa da circa un terzo al 21%. Il 54% (-16 punti rispetto ad aprile) prevede tuttora un'evoluzione negativa dell'attività nei successivi dodici mesi e un'azienda su quattro stima che dovrà procedere a licenziamenti: nel precedente rilevamento la percentuale era del 36%.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 09:48:43 | 91.208.130.89