Immobili
Veicoli

ZURIGOPunte da aghi durante la Street Parade: «Erano spaventate»

15.08.22 - 13:13
Sono stati segnalati otto casi di "needle spiking" nel corso della manifestazione zurighese.
20Minuten
Punte da aghi durante la Street Parade: «Erano spaventate»
Sono stati segnalati otto casi di "needle spiking" nel corso della manifestazione zurighese.
I motivi degli attacchi sono avvolti dal mistero. Le vittime sono perlopiù giovani ragazze.

ZURIGO - All'estero il fenomeno è soprannominato "needle spiking". Comparso inizialmente nel Regno Unito e in Irlanda, riguarda di solito giovani donne apparentemente sottoposte (senza il loro consenso) a iniezioni di sedativi non ben identificati.

Qualcosa del genere si è verificato ora a Zurigo, durante la Street Parade. Sono otto, al momento, le segnalazioni di "punture con ago" registrate dalla Protezione & Salvataggio Zurigo. «Abbiamo dovuto fare i conti con questa nuova realtà», ammette Urs Eberle, portavoce dell'organizzazione di soccorso civile.

«Avevano paura» - Secondo Eberle, le otto persone che hanno chiesto il loro aiuto erano perlopiù giovani donne. «Hanno sentito l'ago, hanno visto la ferita e hanno contattato i paramedici per paura di contrarre malattie trasmissibili, come l'AIDS».

I paramedici esperti hanno subito realizzato che si trattava di punture d'ago e non d'insetto. Le ferite sono state disinfettate e trattate in loco. Per fortuna, viene aggiunto, non si sono riscontrati problemi di salute immediatamente rilevabili: «Non sono stati rilevati né arrossamenti, né eruzioni cutanee. Nessuno ha riferito di nausee o vomito».

Decisamente meno chiaro è il contesto e le motivazioni dietro questa vicenda: «Le ipotesi sono diverse. E non è nemmeno chiaro se sia stato iniettato qualcosa e quale fosse lo scopo di queste punture».

Prelievi e indagini - Dopo il trattamento in loco, gli operatori di Protezione & Salvataggio Zurigo hanno consigliato ai diretti interessati di recarsi in ospedale. «In cinque casi li abbiamo condotti noi per dei prelievi di sangue e urine», prosegue dice Eberle. «Abbiamo anche consigliato loro di sporgere denuncia per permettere così l'avvio delle indagini».

La polizia della città di Zurigo ha confermato l'accaduto riferendo di una mezza dozzina di casi sospetti di "puntura da aghi" denunciati durante la Street Parade. A parte ciò, l'evento, che ha accolto circa 900'000 partecipanti, si sarebbe svolto senza particolari problemi. Bene, ma non benissimo, insomma. Gli organizzatori della manifestazione non nascondono la propria rabbia per l'accaduto. «Ogni caso di "needle spiking" è uno di troppo», afferma Stefan Epli dell'associazione Street Parade di Zurigo.

COMMENTI
 
Evry 1 mese fa su tio
Manifestazione dei sinistroidi e frustrati !
emibr 1 mese fa su tio
Il tipo di commento lascia trasparire che sia lei il frustrato, ma certamente non sinistrorso.
volabas56 1 mese fa su tio
Certo che mi procurerebbe molto fastidio e molta rabbia ( anche una certa apprensione) sapendo di essere punto cosi ignobilmente. Spero non mi capiti mai, ma se dovesse capitare vorrei poter beccare chi mi punge. Sarebbe l'ultima cosa che fa nella vita il deficente.
RobediK71 1 mese fa su tio
Beh nessuno è morto
Mgbc 1 mese fa su tio
cari commentatori...mi auguro vivamente che i vostri commenti siano solo uno sfogo...se applicate alla vostra quotidianità la cattiveria che trasuda....beh capisco che il mondo tutto va a rotoli....carpe diem e cünta fina a des prima da parlà......così m'insegnarono....
Boss 1 mese fa su tio
non c’è + rispetto per nessuno e per niente . dobbiamo rieducare le nuove generazioni e le prima cosa da fare è tornare a delle regole rigide
Mattiatr 1 mese fa su tio
Prendiamo esempio dagli anni '70-'80-'90, droghe inesistenti, non c'erano bande armate, nessun problema, tutto perfetto. (oppure vuoi regole rigide da trentennio?)
emibr 1 mese fa su tio
Ma tu c'eri negli anni 70 e 80? Perché di overdose sono morti molti giovani, anche persone apparentemente "normali" e integrate nella società.
Minho 1 mese fa su tio
Buonasera, io da ragazzo sono andato alla street per 7 anni. L’ho trovata sempre una parata bellissima, un anno eravamo 1,5 milioni non ricordo bene che anno ma tra il 98 è il 2001 credo. Comunque pensare che tutte quelle persone non hanno creato alcun tipo di problema allora è incredibile. Purtroppo i tempi sono cambiati, ci sono delle brutte realtà che ci circondano. Però ricordiamoci che i giovani hanno bisogno di sfogarsi, altrimenti possono succedere cose come alla foce di Lugano durante il covid. Con 800/900 ragazzi contro qualche poliziotto povero a bottigliate. Comunque sia con 900000 (900 mila) persone tutte assieme credo sia andata piuttosto bene. Mi spiace davvero che ora succedano anche queste porcherie. Ma c’era una vita prima del covid, ho perso delle persone care per il covid, purtroppo è così. Ora è pari all’influenza, e dobbiamo tornare a lasciar vivere un po’ i giovani. Io da ragazzo una preclusione come per il covid non l’ho subita. Ognuno di noi è diverso. C’è a chi piace stare solo e sta bene come io ora oppure ci sono persone che ancora a 70/80 vanno al bar e stanno in compagnia. A me piaceva da ragazzo ora adoro stare in famiglia e uscire con loro. Però capisco chi si vuole ancora unire e bisogna dare spazio anche a loro.
Milite Ignoto 1 mese fa su tio
Pensiero intelligente e altamente rispettabile
vulpus 1 mese fa su tio
Non è la prima volta che c'è questa manifestazione a Zurigo. Chi ci va è cosciente di cosa possa trovare come ammasso di gente, come potenzialità di incidente o malore. Chi oltre al caldo e alla massa, assume anche alcol e droga in quantità industriali poi arrischia grosso: non è evidente che l'ambulanza sia lì vicino a soccorrere. Per cui adulti, vaccinati e responsabili. A chi dà fastidio o non interessa ci sono un milione di altre cose possibili da fare per passare il tempo libero.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Minho non avrei saputo scrivere di meglio, condivido in toto.
Minho 1 mese fa su tio
Esatto.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@vulpus hai ragione, d'altronde è impensabile non avere problemi e/o imprevisti in manifestazioni piccole, figuriamoci nei pesi massimi come la Street Parade. Gli effetti dell'alcol e delle droghe (purtroppo vengono usate ed è difficile bloccarle tutte) sono materia per gli organizzatori e per la città di Zurigo, il rischio zero è impensabile, quindi non è utile da parte nostra far polemica, lasciamoli fare e vivere in pace. Hai pure ragione sugli infastiditi, in Italia c'è il mare, in Ticino è pieno di laghi, montagne, sentieri, grotti, biblioteche, piscine, ... pure i ''tranquilli'' possono trovare soluzioni per occupare il tempo libero senza dover per forza dar noia agli altri.
Minho 1 mese fa su tio
Grazie
Dave 1 mese fa su tio
cosa c entra? qua si parla di 900000 mila persone in strada ammassate come delle bestie. in un periodo pieno di virus e malattie e dove probabilmente a te 2 anni di COVID NON HANNO DETTO NIENTE O NON TI HANNO TOCCATO VISTO CHE PARLI COSI.DIVERTIRSI MI DIVERTO TUTTI I GIORNI CARO O CARA MILITE IGNOTO.R.i.p al tuo cervello
Milite Ignoto 1 mese fa su tio
Preso 3 volte nonostante ho fatto tutti i vaccini e richiami…. E dunque? Le malattie e i virus ci sono da quando c’è il mondo😂 il mio cervello ha un dottorato( che non significa aver studiato medicina, nel caso non conoscessi l etimologia)tu?
Mattiatr 1 mese fa su tio
Quindi il tuo metodo per divertirti (che so, un libro, film, camminata, corsetta o quel che sia) è giusto mentre chi apprezza musica e festa sbaglia e devono esser limitati se non addirittura soppressi? Tu fai bene, gli altri sbagliano, quindi bisogna proibire quello che ti infastidisce?
Dave 1 mese fa su tio
caro non dico questo. dico che dopo due anni di pandemia tra l altro con casi ancora registrati e con gente che morta assemblarsi 900000 mila persone così (in questo periodo)è da sciocchi e non dovrebbero permettere questa calca .tutto qui.io sono il primo a divertirmi e a quasi 50 anni e con dei figli ragiono più con la testa che con la pancia come qualcuno di altro che si diverte a fare il leone dietro la tastiera. buona serata
Dave 1 mese fa su tio
non dovrebbero nemmeno farle ste manifestazioni a parte quello che succede siringhe o altro EVVIVA IL COVID
Milite Ignoto 1 mese fa su tio
Dunque stai in casa tutto il giorno?
Nmemo 1 mese fa su tio
L’evento è diventato l’immagine della decadenza in atto. Per le molteplici trasgressioni di massa non è più giustificata l’autorizzazione a organizzare la manifestazione.
Tiago 1 mese fa su tio
Premesso che questa cosa delle siringate è una schifezza pazzesca, questo commento lascia il tempo che trova. Quando ci sono manifestazioni da un musone di persone, è impensabile pensare che fili tutto liscio. Purtroppo….
Vanessa3 1 mese fa su tio
Trovo davvero assurdo dover star a leggere dei commenti come: “nessuno è morto”; “regole più rigide”; “manifestazioni in periodo di Covid non ammesse”. Partiamo dal presupposto che quello che è successo alla Street parade a queste ragazze è una cosa indecente e inquietante, mi ritengo fortunata che sabato io non abbia assistito a nessuna rissa e a vicende del genere. Purtroppo il nostro dono più grande (cioè la possibilità di prendere le decisioni con la nostra testa) è altrettanto anche il difetto peggiore per alcuni. Fatti del genere, sottolineo purtroppo, possono capitare in qualsiasi momento. Non solo ad eventi come la Street. Non si possono gestire e in casi del genere non si possono neanche punire. Quindi al commento delle regole più rigide, mi vengono i brividi perché il passo successivo, per controllare questa cosa, sarebbe controllare e sorvegliare tutta la popolazione e come in circolo vizioso si arriverebbe alla dittatura. Non credo sia il caso di arrivare a ciò. Per il commento del:” nessuno è morto” mi viene da chiedermi “ allora solo quando muore qualcuno bisogna prendere in considerazione il caso?” Che giustificazione è questa? Se gli aghi fossero stati infetti e queste povere ragazze avessero contratto una malattia come l’AIDS, cosa avresti detto? “va beh non sei morta però dovrai solo vergognarti di avere dei rapporti con qualcuno per paura di dire che hai una malattia sessualmente trasmissibile” perché purtroppo per molte persone che hanno questa malattia, vengono paranoie e insicurezze del genere. E per la questione del covid. Non mi esprimo. Ognuno ha le proprie idee, se la confederazione ha permesso una manifestazione del genere è perché lo riteneva correttamente giusto a livello di salute per la popolazione. Un’unica cosa però mi viene da chiedere:” se ci sono pensieri del genere, dopo che il covid viene categorizzata come influenza normale, quando ritorneremo finalmente alla normalità della vita?”
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA