SEGNALACI mobile report
focus
GAMES
09.12.2015 - 15:390

Xenoblade X: l’odissea nello spazio è made in Japan

Colossale e ambizioso, ecco il nuovo episodio della saga jrpg di Monolith Soft per Nintendo WiiU

 

TOKYO - Fra titoli blasonati e super-attesi in questa fine 2015 c’è anche spazio per un outsider di lusso sull’ammiraglia di casa Nintendo. “Xenoblade Chronicles X” per Wii U è una di quelle sorprese che non ti aspetti e che dimostra, sempre che ce ne fosse bisogno, che il Giappone non è mica una reliquia del passato ed è ancora in grado di dire la sua in maniera anche originale.

Una vita da colono - Ambientato sul pianeta alieno Mira in una «galassia lontana lontana» (cit.) vede la razza umana in un’abbastanza inedita posizione di outsider. La Terra, di fatto, è esplosa e quel poco di noi che resta è intento a colonizzare (o meglio, a non farsi divorare da) un nuovo astro. Mira, località poco amena, pullula di fauna e flora decisamente malmostosi e, sebbene custodisca risorse preziose, deve essere approcciato con tutti i crismi del caso.

L’arte di esplorare - E qui entra in gioco il nostro alter-ego che, alla guida di una pattuglia di fedelissimi (tutti azzeccati e degni di nota) avrà l’arduo compito di ritrovare tutti gli umani dispersi (ibernate in capsule d’emergenza) dribblando e ingaggiando bestie autoctone e aliene. Gran parte della sfida sarà nella nostra abilità nel navigare Mira, evitando la lotta con le bestie più forti per dirigerci ai nostri obiettivi. Basteranno poche ore con il super-pad di Nintendo fra le mani per capire che non tutto quello che incontreremo sul nostro percorso dovrà essere affrontato a testa bassa.

Grande come un pianeta - Impossibile nasconderlo “Xenoblade Chronicles X” è un bel pandoro decisamente complicatissimo zeppo di variabili, interminabili menu e che richiede una discreta quantità di ore di gioco per essere apprezzato. Se volete qualcosa di mordi-e-fuggi, lasciate perdere, il titolo di Monolith Soft si prende del (bel) tempo per introdurvi al suo mondo di gioco e ne ha ben donde: si tratta di una creazione enorme e complessa. Ciò che impressiona e che ne fa uno dei titoli fondamentali per ogni possessore di Wii U (nonché uno dei giochi più interessanti dell’anno) è la resa certosina e proprio bella dell’ecosistema di Mira: sterminato, variopinto e sempre ispirato. È un viaggio impegnativo, forse non per tutti, ma in grado di regalare grandi soddisfazioni.

Voto: 8/10

Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-22 09:22:31 | 91.208.130.86