Ti Press
CANTONE
15.10.2021 - 09:580

«Diamo il certificato Covid anche a chi si testa in azienda»

A chiedere il cambiamento, con un'iniziativa parlamentare e con un voto d'urgenza, è l'UDC. Sostenuto da Massimo Suter.

BELLINZONA - Il passaggio di Massimo Suter dal PLR all'UDC è sfociato in una prima azione che mira a favorire (anche) la ristorazione. In collaborazione con il presidente di GastroTicino, il gruppo democentrista in Gran Consiglio ha infatti depositato un’iniziativa parlamentare (primo firmatario Paolo Pamini) per chiedere al Consiglio di Stato di emettere dei certificati Covid validi in caso di esito negativo nel quadro di test nelle aziende. «Già la settimana prossima il nostro gruppo chiederà il voto d’urgenza in aula e se almeno due terzi del parlamento dovesse sostenere la proposta, si potrebbe ottenere una veloce applicazione», spiega il partito.

Sull'esempio di quanto avviene da qualche giorno nei Grigioni, l’UDC e Suter ritengono che, per evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze autunnali, nonché durante la prossima stagione invernale, il Ticino dovrebbe rendere possibile il rilascio di certificati Covid nell’ambito dei test nelle aziende. «Visto il forte interesse e la particolare vocazione turistica del nostro cantone, dove sono presenti oltre 2’000 aziende attive nella ristorazione ed alberghiera con oltre 20'000 impiegati, riteniamo sia ora opportuno un rilascio del certificato Covid valido per 72 ore una volta stabilito l’esito negativo», viene sottolineato. La partecipazione a questo tipo di test aziendali dovrebbe rimanere comunque facoltativa per i dipendenti.

 



Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
..ma se si risulta negativi al test (valido 72 ore) sul lavoro, certamente come lo è nell'ambito del lavoro lo sarà anche per tutti gli altri luoghi al di fuori! quindi è giusto fornire un certificato, poi sembra che il virus si stia assopendo ...e dà speranza che si allontani per (quasi) sempre
M70 1 mese fa su tio
i vaccini non durano in eterno e non sono neanche sicuri che funzionino x le varianti..allora cosa cambia in vanninati si e non?
Duca72 1 mese fa su tio
Ma si dai facciamo di tutto perché la gente non si vaccini così andremo avanti ancora 3 anni con il COVID!
seo56 1 mese fa su tio
Assolutamente no
Yamaichi 1 mese fa su tio
GIusto! ... peccato che è proprio il principio del certificato COVID che va del tutto abolito. LIBERTA'
Moga 1 mese fa su tio
Incredibile che ci sia ancora gente che crede al test
cle72 1 mese fa su tio
@Moga Incredibile che ci sia ancora gente che crede a tutte le cose non dette...da esperti del settore... conseguenze gravi, persone intubate, morti dopo il vaccino. Ricordiamoci che stranamente non si eseguono autopsie per morte sospetta dopo i vaccini. Se solo potessero parlare i morti...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 14:26:11 | 91.208.130.86