TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
39 min
«È un caso isolato, il disagio sociale non c'entra»
Il capo dicastero sicurezza pubblica Samuel Maffi commenta i fatti accaduti venerdì notte nel parco di Villa Argentina.
CANTONE
39 min
«A noi giovani piace avere il destino nelle nostre mani»
Il movimento ticinese delle bocce è in fermento e la Federazione svizzera è alla ricerca di giovani leve
BELLINZONA
8 ore
«Inverno infinito, ma ci siamo sempre stati»
Alba Masullo, direttrice della Lega Ticinese Contro il Cancro, fa il suo bilancio dopo mesi e mesi di Covid.
FOTO
CANTONE
10 ore
Nuovi statuti e organi associativi per la Lega dei Ticinesi
Saranno un Consiglio esecutivo e un'Assemblea generale, con a capo un coordinatore, a guidare il Movimento
VIDEO
VERZASCA
11 ore
Auto contro il guardrail in Val Verzasca
C'è un ferito, le sue condizioni non sarebbero gravi
FOTO
LUGANO
13 ore
Benedizione delle barche sul Ceresio
La tradizionale cerimonia si è svolta oggi all'imbarcadero di Lugano.
LUGANO
18 ore
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
1 gior
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
1 gior
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
1 gior
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
2 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
2 gior
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
2 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
TENERO
2 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
TICINO/GRIGIONI
2 gior
Il Lucomagno si prepara all'esplosione
Ancora chiusa la strada del passo. Lavori in corso sulla parete che ha ceduto
CANTONE
23.02.2021 - 18:010
Aggiornamento : 18:29

I cittadini potranno votare sulle spese cantonali

Passa “per un pelo” in Gran Consiglio l'iniziativa popolare per il referendum finanziario obbligatorio

Il Parlamento ha votato il controprogetto, che gli assegna il compito di “filtrare” le spese da portare in votazione. Ora la palla passa ai cittadini.

MENDRISIO - Le grandi spese del Cantone, se il Parlamento lo riterrà opportuno, potrebbero prima dover passare dal voto dei cittadini. Il Gran consiglio ha approvato oggi con 42 voti favorevoli, 38 contrari e 0 astenuti il rapporto di maggioranza sull'iniziativa popolare “Basta tasse e basta spese”.

Referendum finanziario obbligatorio
Introdurre nella Costituzione cantonale il principio del referendum finanziario obbligatorio. È questo l’obiettivo dell'iniziativa popolare costituzionale generica che nel 2017 aveva raccolto 12’342 firme (dopo essere stata bocciata dal Parlamento nel 2015). Di cosa si tratta? Quando Governo e Parlamento approvano un investimento o un aumento di spesa sopra a una certa soglia di costo (per l'iniziativa spese uniche oltre i 20 milioni di franchi e annuali oltre i 5 milioni per almeno quattro anni), prima di poter spendere i soldi lo devono chiedere al popolo. «Il referendum finanziario obbligatorio costituisce certamente uno strumento utile ed efficace per calmare la crescita inarrestabile delle spese - ha spiegato al Gran Consiglio Sergio Morisoli (UDC), promotore dell’iniziativa -. Di fronte a certe spese elevate, è bene che non siano solo Governo e Parlamento a decidere, ma anche i cittadini che le sostengono con le imposte. Il popolo dovrebbe dire la sua quando si tratta di spendere i suoi soldi».

Il controprogetto della maggioranza
La maggioranza della Commissione Costituzione e leggi ha presentato un controprogetto (con Lara Filippini (UDC) come relatrice, approvato dal comitato promotore e sostenuto da UDC, parte del PPD e Lega), una sorta di “compromesso”, ritenendo che la competenza popolare dovrebbe essere riservata a casi veramente importanti, per non svilire la competenza del Gran Consiglio ed evitare di chiamare in causa il popolo “a ogni piè sospinto”. Da qui la proposta di istituire un referendum finanziario obbligatorio “filtrato” dal Gran Consiglio: il popolo sarebbe chiamato al voto se deciso da un terzo dei membri del Parlamento (minimo 25 deputati) per una spesa unica superiore a 30 milioni di franchi (o 6 milioni all’anno per almeno quattro anni).

PS e PLR dalla stessa parte
Per una minoranza della Commissione, invece, si moltiplicherebbero le votazioni su oggetti che non interessano particolarmente ai cittadini, causando più costi amministrativi, e si complicherebbero oltremisura la gestione finanziaria e le scelte politiche. Per questo aveva bocciato sia l’iniziativa, sia il controprogetto che - come spiegato oggi dal relatore Carlo Lepori (PS) - «non è più coerente con la richiesta degli iniziativisti di introdurre uno strumento di “controllo automatico” obbligatorio». Significative per capire il punto di vista del PLR, contrario all’iniziativa, sono state le domande poste dalla capogruppo Alessandra Gianella: «I cittadini ci chiedono più decisioni politiche rapide, o più votazioni? Invece di snellire e velocizzare i tempi della politica, vogliamo davvero rallentare i grossi investimenti e rendere tutto più macchinoso?». Mentre Boris Bignasca e Omar Balli (Lega) non hanno apprezzato che i cittadini vengano “sottovalutati”. «Qualcuno ha detto che i cittadini sono “malinformati e votano di pancia” - ha aggiunto il capogruppo -. Questi cittadini sono i contribuenti, che pagano le tasse, che ci eleggono, che mandano avanti il Paese nonostante la pandemia. E i soldi spesi sono i loro, non quelli dello Stato». 

Spetta al popolo decidere
Il dibattito in aula oggi è stato molto costruttivo e i toni sono rimasti pacati. Sul tema (trattandosi di una modifica alla Costituzione cantonale) si esprimeranno i cittadini. Non avendo Sergio Morisoli ritirato l’iniziativa, nonostante l’adesione del Gran Consiglio al controprogetto, al voto popolare saranno sottoposti testo conforme e controprogetto. Al popolo spetta l’ultima parola: introdurre il referendum finanziario obbligatorio, affidarsi “parzialmente” al Parlamento, o bocciare entrambe le proposte?

 

La reazione dell'UDC

Con grande soddisfazione l’UDCprende atto che i deputati ticinesi non hanno dato corda a quelle parti del Gran Consiglio (soprattutto PLR, PS) che «non intendono mollare il potere di spendere e spandere a piacimento i soldi dei cittadini senza dare loro la possibilità di esprimersi, definendolo “eccesso di democrazia”». 
La commsissione dopo lunghe trattative e «grazie a un lavoro incomiabile, di tenacia e di ressitenza di Lara Filippini», ha elaborato un controprogetto di maggioranza contenente alcuni importanti filtri allo scatto del referendum automatico.
Il referendum finanziario obbligatorio (RFO) esiste già in 18 Cantoni e serve a contenere la spesa pubblica. «Ciò che oggi si spende faccendo dei debiti, domani i nostri figli dovranno pagare! A chi ha paura che si moltiplicherebbero le votazioni rispondiamo: tranquilli,non sarà così. In base alla statistica degli ultimi 12 anni, saremmo chiamati a votare solo tre o al massimo quattro grosse spese all’anno su 15. Gli oggetti saranno inseriti nelle abituali tornate di votazioni federali e cantonali, e basta. Voteremo il necessario».
Il Gran Consiglio ha dato fiducia al lavoro della Commissione e così il popolo avrà la possibilità di votare o l’iniziativa o il controprogetto.
«Oggi in Gran Consiglio hanno vinto il Popolo, la democrazia diretta e il modello svizzero».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 3 mesi fa su tio
Più votazioni più spese .Domandiamoci cosa fanno i deputati in gran consiglio non sono più capaci di andar d'accordo e proporre soluzioni, anzi scaldano la sedia si prendono i gettoni di presenza per decidere di lasciar al popolo la decisone . VERGOGNA= date le dimissioni .
F/A-19 3 mesi fa su tio
E speriamo che cambi la legge dei concorsi pubblici dove succede che se vince l’amico dell’amico la fattura raddoppia e vengono fuori i sorpassi di spesa mentre se il lavoro lo vince chi non doveva nemmeno osare partecipare viene sistematicamente messo nel tritacarne. Meditate gente, meditate perché le cose funzionano così.
vulpus 3 mesi fa su tio
Bene , chissà che certi progetti faraonici abbiano a cessare.
Galium 3 mesi fa su tio
Il voto cantonale conta molto. Non bisogna tuttavia svalutarlo aumentando a dismisura il numero delle votazioni.
Volpino. 3 mesi fa su tio
Ancora più burocrazia e spese.
Nikko 3 mesi fa su tio
Prepariamoci a votare a scadenze più ravvicinate...
ciapp 3 mesi fa su tio
si si fatta la legge trovato linganno ! staremo a vedere , ultimamente mi sembra che il voto popolare conta poco !!
seo56 3 mesi fa su tio
@ciapp Esattamente!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 06:39:47 | 91.208.130.87