Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
5 ore
Cade da un muro e finisce all'ospedale
È accaduto a un operaio che stava lavorando in un giardino privato di Caviano.
CANTONE
6 ore
Sostegno alla cultura, accordi rinnovati tra Cantone e Comuni
Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale di 1'599'000 franchi all'anno.
CANTONE
7 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
LUGANO
7 ore
Domato l'incendio sul Monte Brè
Le fiamme erano partite nelle vicinanze del sentiero che dal paese di Brè porta ad Aldesago
CANTONE
7 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
BELLINZONA
8 ore
Natale in Città ha fatto il pieno di pattinatori
Il Comune stilla un bilancio positivo per la manifestazione che ha animato Piazza del Sole sotto le feste.
LUGANO
10 ore
Incendio boschivo sul Monte Brè
I pompieri di Lugano sono sul posto per le operazioni di spegnimento
CANTONE
11 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
11 ore
Anno nuovo, imposta di circolazione vecchia
La nuova formula di calcolo approvata nel 2019 dal Governo resta sempre arenata in Parlamento.
CANTONE
12 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
BELLINZONA
15.05.2020 - 11:540

Interpellanza bis sulla casa anziani di Sementina

L’MPS, dopo le prime venti domande, ne pone altre 14 al Consiglio di Stato

BELLINZONA - Un elevato numero di morti nelle case anziani. È uno dei dati che emerge dall'epidemia di coronavirus. Il “caso” di Sementina, in Ticino, è stato sollevato dal Movimento per il socialismo (MPS). «Dall’inizio della pandemia in questa casa anziani vi sono stati 30 decessi su 80 ospiti. Anche per quanto riguarda il personale si raggiungono cifre altissime di contagio (almeno il 60%).

Già il 26 aprile l’MPS aveva sollevato pubblicamente il caso, inoltrando pure un’interpellanza al Consiglio di Stato composta da 20 domande. Subito era arrivata la risposta della Città di Bellinzona, titolare della struttura, che sostiene di «avere gestito il focolaio d’intesa con l’Ufficio del medico cantonale». Giorgio Soldini, capo dicastero, ha spiegato che «quanto era necessario fare per isolare le strutture è stato fatto». Pur «non escludendo che a Sementina possa esserci stata una trasmissione interna favorita da più malati e dipendenti asintomatici entrati nella struttura prima delle misure restrittive emanate il 7 e 9 marzo», ha voluto «garantire che non sono stati messi insieme (nelle camere) ospiti positivi con ospiti negativi».

Il direttore Silvano Morisoli ha inoltre aggiunto che «dal 21 marzo, ovvero da quando sono stati accertati i primi casi di coronavirus all’interno della struttura, sono stati apportate ulteriori misure. Sono stati separati i pazienti con coronavirus dagli altri, i pasti non sono stati più distribuiti nel locale in comune».

Affermazioni che hanno fatto scattare l’interpellanza bis dell’MPS, composta da 14 domande.

I quesiti nel dettaglio:

1. A partire a quale data è sono state vietare le visite alla casa anziani di Sementina?
2. In quale data e come si è venuti a conoscenza del primo caso positivo?
3. Fino a quale data gli ospiti hanno consumato il pranzo tutti assieme?
4.Fino a quale data gli ospiti hanno consumato il pranzo in comune ai piani?
5.Da quale data gli ospiti consumano il pranzo individualmente?
6.Al momento della risposta della presente interpellanza (presumibilmente 25 maggio) quanti sono i decessi alla casa anziani di Sementina? Quanti sicuramente di COVID-19?
7.Si esclude che gli altri siano morti di COVID-19 perché appurate altre cause o semplicemente perché non erano stati sottoposti al test e quindi non risultavano positivi?
8. Per quale ragione si è imposto, fino al 18 aprile, il riutilizzo del materiale di protezione monouso?
9.Per quale ragione non si è provveduto a suddividere con tempestività gli ospiti tra positivi e negativi?
10.Quali sono i provvedimenti che il medico cantonale ha imposto alla casa anziani?
11.Presso le quattro case anziani della città di Bellinzona i processi e le direttive sanitarie adottate durante la pandemia sono state le stesse?
12.Al momento della risposta della presente interpellanza (presumibilmente 25 maggio) quanti sono i decessi nelle altre case per anziani del Comune? Quanti sicuramente di COVID-19?
13. Si esclude che gli altri siano morti di COVID-19 perché appurate altre cause o semplicemente perché non erano stati sottoposti al test e quindi non risultavano positivi?
14. Come spiega il Municipio eventuali differenze di numero di morti?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-17 22:52:40 | 91.208.130.89