CANTONE / BERNA
05.12.2017 - 09:230

Controlli sui treni in entrata in Svizzera: «Porte aperte ai migranti?»

Le domande di Marco Romano al Consiglio federale

BELLINZONA / BERNA - I flussi migratori da qualche anno si concentrano sui treni (internazionali e regionali) in arrivo in Svizzera. «I migranti - sottolinea a tal proposito Marco Romano (PPD/TI) interrogando il Consiglio federale -, sia chi chiede asilo sia chi vuole transitare, vengono intercettati dalle Guardie di Confine e dalla Polizia ferroviaria sui treni in arrivo a Briga, Chiasso e in Romandia».

Il consigliere nazionale chiede quindi se il consiglio federale condivida che «ogni treno "non controllato" generi entrate illegali». Quindi domanda quale percentuale di treni in arrivo venga controllata attualmente dalle Guardie di confine e se il personale sia «sufficiente a garantire un'alta densità di controlli (nello specifico risulta una carenza di personale e quindi una ridotta capacità di controllare i treni».

Potrebbe interessarti anche
Tags
treni
controlli
arrivo
svizzera
consiglio federale
consiglio
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-21 00:21:38 | 91.208.130.86