Immobili
Veicoli
«Io e i miei video spinti su OnlyFans, ma quanti pregiudizi»

LOCARNO«Io e i miei video spinti su OnlyFans, ma quanti pregiudizi»

03.10.22 - 09:00
Melba Monti, 23 anni, nata e cresciuta in Ticino diventa "attrice" hard da un giorno all'altro. Con quali conseguenze?
Foto di Davide Giordano
«Io e i miei video spinti su OnlyFans, ma quanti pregiudizi»
Melba Monti, 23 anni, nata e cresciuta in Ticino diventa "attrice" hard da un giorno all'altro. Con quali conseguenze?

LOCARNO - Si presenta in tuta azzurra. Le unghie sono curatissime, arancioni, con due orsetti "Haribo" sulle anulari. E poi ci sono i tatuaggi. Il suo corpo ne è pieno. Nonostante siano quasi le undici di mattina, le parte uno sbadiglio. «Scusate, di solito a quest'ora dormo e mi alzo verso le tre del pomeriggio. A volte lavoro fino all'alba». Melba Monti, 23enne di Locarno, fa un mestiere particolare. Fa video erotici sulla piattaforma di OnlyFans. Anche piuttosto spinti. «Quello dell'erotismo è un mondo che mi ha sempre affascinato, non mi vergogno a dirlo». 

Una scelta socialmente complicata – Melba si racconta in un'intervista video rilasciata a Tio/20Minuti. La prima domanda sorge spontanea. Cosa comporta socialmente una scelta del genere? «Ti viene messa un'etichetta addosso e poi te la devi tenere. Prima facevo la barista, ma col tempo mi sono resa conto che la ristorazione non faceva per me. Ho conosciuto un ragazzo già attivo su OnlyFans, è stato lui ad accendermi la lampadina suggerendomi di lanciarmi».

«Ricevo diverse critiche» – La decisione di Melba non è immediata. Anzi. «Ci ho messo due anni a decidermi, il passo l'ho fatto a luglio 2022 e ora ho circa 200 persone che richiedono i miei contenuti, in particolare dalla Svizzera interna, alcuni anche dall'America. Sapevo che avrei dovuto lottare contro i pregiudizi. Ancora oggi ricevo diverse critiche. C'è chi sostiene che io venda il mio corpo. In realtà vendo l'immagine del mio corpo. Non mi prostituirei mai. E non accetterei mai un invito dal vivo. Quanto guadagno? Diciamo che sto bene». 

Incollata alle tecnologie – Cellulare e soprattutto iPad sono i suoi strumenti di lavoro. La 23enne locarnese è immersa in una vita virtuale praticamente sette giorni su sette. «Mi è capitato di andare in vacanza con alcune amiche. Spesso mi dovevo appartare per esaudire le richieste di chi mi segue. C'è gente che mi paga per avere contenuti. E io non posso lasciarli senza. In un certo senso se fai un mestiere così non stacchi mai veramente». 

Il consenso dei genitori – Figlia unica, Melba ha trovato il consenso dei suoi genitori in questa sua scelta. «Mia madre mi ha sempre insegnato che è meglio fare le cose in maniera trasparente piuttosto che di nascosto. Anche mio padre non ha avuto da ridire. Non so come sarà la mia vita tra cinque o sei anni. Forse un giorno potrei pentirmi di avere fatto questo lavoro. Adesso però non mi pongo il problema. So che per molti questa mia attività è ritenuta discutibile. Mi becco anche insulti da persone che nemmeno conosco». 

Quando si esce di casa... – Ticinese, nata e cresciuta nel Locarnese. Improvvisamente diventa una specie di attrice hard sul web. Che succede però quando si esce di casa? «Non è evidente considerando che la nostra è una realtà un po' chiusa. A Milano, ad esempio, ci sono un sacco di ragazze che fanno queste cose e nessuno dice nulla. Nelle grandi città passi inosservata. Qui è diverso. Io non esco neanche più da queste parti. Perché rischi di incontrare qualcuno per strada che ti dice "Ciao OnlyFans". Per non parlare delle battutacce o degli sfoghi aggressivi. Il mio sogno sarebbe quello di trasferirmi in Spagna». 

NOTIZIE PIÙ LETTE