Immobili
Veicoli

CANTONECamping, ostelli e appartamenti: il Ticino brilla

16.05.22 - 12:04
L'estate del settore paralberghiero svizzero sarà infuocata. E il nostro cantone è la meta più scelta.
Tipress
Fonte Ats
Camping, ostelli e appartamenti: il Ticino brilla
L'estate del settore paralberghiero svizzero sarà infuocata. E il nostro cantone è la meta più scelta.

LUGANO - Per gli ostelli della gioventù, i campeggi e gli appartamenti per vacanze svizzeri si prospetta un'ottima estate. Lo dimostrano i dati relativi alle prenotazioni dei membri di Parahotellerie Svizzera. Il Ticino è la meta prediletta per chi sceglia una casa di vacanza.

Le prospettive per i prossimi mesi sono «estremamente positive» per quasi tutti i membri, ha annunciato oggi l'associazione che raggruppa BnB Svizzera, Interhome, Reka, gli ostelli della gioventù svizzeri e TCS Camping. Insieme i cinque generano ogni anno circa tre milioni di pernottamenti in Svizzera.

Il successo dei campeggi continua - Secondo il comunicato, i campeggi del TCS hanno registrato un aumento delle prenotazioni di circa il 240%, non rispetto al periodo della pandemia, ma all'estate pre-crisi del 2019. «La moda del campeggio, iniziata prima della pandemia e incentivata dalla crisi sanitaria, fortunatamente continua», afferma Oliver Grützner, responsabile del settore turismo e tempo libero del TCS. Molti ospiti temono già che i campeggi saranno pieni durante le vacanze estive e stanno prenotando con notevole anticipo, secondo il comunicato.

Appartamenti per vacanze molto apprezzati - Non sono solo i campeggi a essere pieni quest'estate, anche gli appartamenti per vacanze stanno registrando un aumento significativo delle prenotazioni. A Interhome le prenotazioni sono cresciute del 103% rispetto all'estate 2019. «Le prime tendenze mostrano che il 56% dei vacanzieri Interhome in Svizzera vuole trascorrere le proprie vacanze nel paese», afferma Roger Müller. Il Ticino è in testa alle preferenze, seguito dall'Oberland bernese e dal Vallese.

Reka ospita profughi ucraini - Le prospettive per l'estate nei villaggi turistici della Reka sono meno positive. Reka ha messo il villaggio turistico di Lenk a disposizione dei rifugiati provenienti dall'Ucraina. Inoltre, il nuovo villaggio di Lugano-Albonago aprirà con tre mesi di ritardo rispetto a quanto inizialmente previsto. La capacità delle strutture risulta quindi ridotta. Attualmente, l'occupazione è inferiore del 5% rispetto al 2019 e il fatturato è in calo del 4%.

Gli ostelli della gioventù svizzeri stanno andando bene, con un aumento del 7,7% delle prenotazioni. Stanno beneficiando anche del fatto che le restrizioni di viaggio sono ancora in vigore in diversi paesi, soprattutto in Asia. BnB Svizzera ha ampliato la propria offerta con camere e appartamenti per vacanze certificati dalla Federazione svizzera del turismo dalla fine del 2021. "Stiamo quindi registrando un forte incremento nella nostra gamma di alloggio", afferma Dorette Provoost.

NOTIZIE PIÙ LETTE