Immobili
Veicoli

CASLANOEcco perché si è fermato (per ora) il cantiere dei sogni

30.06.22 - 06:31
Solo 16 case su 82 terminate al Sun Lake City, a poche decine di metri dal lago. Cosa succede?
Fonte: SIT Immobiliare
Ecco perché si è fermato (per ora) il cantiere dei sogni
Solo 16 case su 82 terminate al Sun Lake City, a poche decine di metri dal lago. Cosa succede?
La scelta sarebbe legata a questioni strategiche. Anche se la pandemia avrebbe avuto il suo peso.

CASLANO - Ma che succede a quel villaggio da favola? In effetti il cantiere del Sun Lake City di Caslano, progetto che fa sognare a occhi aperti, sembra fermo da mesi. E la questione non è passata inosservata. Cosa sta accadendo attorno a quei 26.000 metri quadrati? Perché dopo la costruzione delle prime sedici casette, non si va avanti? Il complesso ne prevederebbe 82. Lella Angileri, consulente della Sit Immobiliare, agenzia che si occupa di piazzare le abitazioni, è chiara. «Gli investitori sono seri. Non sono di certo scappati. Si è deciso di vendere o affittare le prime sedici casette prima di proseguire». 

Le difficoltà – Secondo alcuni, tuttavia, la fase di vendita non sarebbe stata semplice. Anzi. Complici i problemi economici legati alla pandemia molti interessati hanno rinunciato, per ora, ad abitare nel Sun Lake City. «Eppure si tratta di abitazioni di qualità e davvero a buon mercato – precisa Angileri –. Da quando si è optato anche per l'affitto le cose vanno decisamente meglio. E pensare che abbiamo ricevuto centinaia di richieste dalla Svizzera interna, da parte di persone che volevano acquistare un edificio come casa secondaria. Purtroppo questa eventualità è stata da subito esclusa». 

Sotto terra 133 posteggi già pronti – A rappresentare la società che promuove il "villaggio" è Primo Bianchi. Lui vede il bicchiere mezzo pieno. «La costruzione del Sun Lake City è partita in piena pandemia. Non è stato facile. Ma siamo al punto in cui avremmo voluto essere. Sin da subito si era detto che il progetto, basato anche sull'ecosostenibilità, sarebbe stato articolato in quattro tappe. La prima è stata ultimata con successo. E l'impresa Garzoni, che ha ricevuto il mandato, ha già realizzato anche i 133 posti auto sotterranei. Questo significa che i promotori, acquirenti del terreno già negli anni '80, sono determinati e vogliono portare a termine il cantiere. Le tempistiche dipenderanno da vari fattori».

«Tante aspettative» – Dubbi fugati dunque. A sollevarli era stata la sensazione di abbandono che a un certo punto il cantiere lasciava trasparire. «Posso capire che esteticamente non era proprio una bella situazione – ammette Angileri –. Ma si è trattato di qualcosa durato per un breve periodo. Poi tutto è stato messo in ordine. Una fase di transizione, insomma, come accade per altri cantieri. Forse attorno al Sun Lake City, proprio per la sua bellezza, ci sono maggiori aspettative. Ma vi garantisco che è tutto in regola». 

NOTIZIE PIÙ LETTE