Immobili
Veicoli

CANTONECaso DPD: «Intervenire contro condizioni di lavoro indegne e illegali»

10.02.22 - 16:48
L'Mps chiede al Governo di chinarsi su quelli che definisce dei «licenziamenti antisindacali»
tipress
Caso DPD: «Intervenire contro condizioni di lavoro indegne e illegali»
L'Mps chiede al Governo di chinarsi su quelli che definisce dei «licenziamenti antisindacali»

LUGANO - Il caso DPD continua a tenere banco. Tanto che l'Mps, tramite un'interpellanza, ha chiesto ora al Governo cantonale di intervenire contro quelli che definisce dei «licenziamenti antisindacali».

«L’interesse pubblico - si legge nell'atto firmato da Matteo Pronzini (assieme alle colleghe Simona Arigoni e Angelica Lepori) - è dato dal fatto che questa vertenza collettiva è un esempio dei molti casi di precarizzazione delle condizioni di lavoro e salariali in atto in Ticino ed atteggiamenti abusi ed antisindacali». «L’urgenza è data - prosegue lo scritto - considerato che il tema della precarizzazione delle condizioni di lavoro e degli abusi è sull’agenda politica e pubblica visto anche la recente entrata in vigore della legge sul salario minimo».

Il caso è ormai noto ai più. Presso la DPD ed i suoi subappaltatori, sono stati segnalati casi di abusi che riferiscono di «giornate di lavoro interminabili, straordinari non pagati, indennità per le spese insufficienti, e stress enorme», come riassume l'Mps.

Una situazione che il personale, con il sostengo del sindacato UNIA, da oltre un anno va denunciando rivendicando trattative contrattuali.

«Ciò non di meno - sottolinea Pronzini -, a dimostrazione del disprezzo padronale per il diritto, quattro tra i lavoratori DPD più impegnati a difesa delle condizioni di lavoro collettive sono stati liquidati dall’azienda o meglio dalla sua subappaltatrice».

Da qui le seguenti domande al Governo:

    • I licenziamenti presso DPD sono una lesione di un diritto – quello di appartenenza e attività sindacale – riconosciuto costituzionalmente: non ritiene di dover intervenire per fare in modo che tale diritto – così come altri diritti fondamentali – venga rispettato?
    • Non ritiene di dover dare mandato all’ispettorato del lavoro di intervenire per verificare se tale diritto sia stato leso in qualche modo e se i licenziamenti sono di fatto abusivi?
    • Non ritiene necessario chiedere all’ispettorato del lavoro di verificare se le procedure relative alla rappresentanza dei lavoratori nell’azienda siano state rispettate (comitato di lavoratori e lavoratrici)?
    • Non ritiene necessario, vista la situazione, chiedere all’ispettorato del lavoro di verificare se le condizioni di lavoro esistenti in DPD in Ticino sono conformi alle disposizioni di legge?
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO