Immobili
Veicoli
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOSONE
5 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
FOTO
LUGANO
8 ore
Come far convivere chi vuole divertirsi e chi vuole riposare
Rispetto e tolleranza sono i principi su cui si basa la campagna di sensibilizzazione della Polizia Città di Lugano.
CANTONE
8 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
9 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
11 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
CANTONE
11 ore
Due mesi di lavori notturni sulla A2 tra Melide e Gentilino
Sono da prevedersi chiusure di corsie e delle bretelle di ingresso e di uscita dello svincolo di Lugano Sud.
POSCHIAVO (GR)
12 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
14 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
15 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
CANTONE
15 ore
Weekend da 141 contagi e zero decessi in Ticino
C'è un paziente Covid in meno in ospedale.
LOCARNO
15 ore
Alla scoperta del cuore dell'autogestione in Ticino
Dopo 51 anni dalla prima edizione, torna "il Cantiere della gioventù" a Locarno, il primo centro autogestito del cantone
LOCARNO
16 ore
Riqualifica comparto Macello-Gas: «Molto soddisfatti»
La Città di Locarno si felicita del preavviso favorevole sul progetto ricevuto dal Cantone.
MENDRISIO
16 ore
Una giornata tra i fossili del Monte San Giorgio
È prevista il 4 giugno una giornata di porte aperte agli scavi, con diverse attività didattiche per i bambini
LUGANO
17 ore
Cede il letto a due profughe e ora dorme sul divano
Patrick Flachsmann, 48enne informatico di Besso, vive in un due locali e mezzo. Ora gli spazi si sono ridotti.
CANTONE
1 gior
Il Consiglio esecutivo della Lega dei Ticinesi è stato definito
I quattro rappresentanti regionali sono stati nominati all'unanimità
FOTO
LOCARNO
1 gior
Lo street food ha conquistato Locarno
Tanto caldo e tanto movimento al Festival del cibo di strada.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Le cantine hanno svelato i loro tesori
Si è tenuto il primo dei due weekend di Cantine Aperte, quello focalizzato sul Sottoceneri.
VIDEO
AROGNO
1 gior
Fienile completamente distrutto da un incendio
Intervento dei pompieri, questo pomeriggio, ad Arogno. La struttura annessa a una fattoria è stata ridotta in cenere.
CANTONE
21.01.2022 - 17:210

Cardiocentro nell'EOC: «È stato un primo anno positivo»

L'integrazione è pienamente riuscita e da quest'anno la cardiologia dell'Ente sarà gestita totalmente dal Cardiocentro.

Martinetti: «Abbiamo portato a compimento il progetto di Cardiologia cantonale. Il Cardiocentro sarà al vertice di una rete che copre l’intero territorio, garantendo un’ottimale, efficiente e qualificata presa in carico di tutti i pazienti con patologie cardiache»

BELLINZONA - Prima che il dilagare della pandemia costringesse tutti a un radicale cambio di prospettiva rispetto alle priorità e al concetto stesso di rischio riferito alla salute pubblica, il tema centrale della sanità ticinese era senza dubbio il passaggio del Cardiocentro sotto il controllo dell’Ente Ospedaliero Cantonale, passaggio che avrebbe avuto piena attuazione con l’inizio del 2021.

«Piena soddisfazione» - Di fronte alla preoccupazione diffusa legata a un presunto rischio di “statalizzazione” del Cardiocentro, condizione da alcuni ritenuta sinonimo e premessa di una sua perdita d'identità e l’inizio di un inevitabile declino, il Consiglio di Amministrazione e la Direzione Generale dell’EOC si assunsero l’impegno di promuovere momenti di confronto e di verifica, sia con il personale dell’istituto sia con la popolazione del Ticino, ribadendo la volontà di tutelare e valorizzare a tutti i livelli il Cardiocentro. A distanza di un anno, i vertici dell’EOC e dell’Istituto Cardiocentro Ticino esprimono «piena soddisfazione» per il lavoro svolto congiuntamente, fanno il punto sul processo d'integrazione ancora in corso e indicano gli obiettivi e i principali impegni per l’immediato futuro.

Pandemia come accelerante - «Certo è stato un anno difficile – esordisce Massimo Manserra, Direttore dell’Istituto Cardiocentro Ticino – ma paradossalmente la pandemia ha facilitato e accelerato il processo d'integrazione. Di fronte all’emergenza e alla necessità di fare fronte comune, ogni residuale diffidenza e incomprensione è stata subito spazzata via e una piena, fattiva collaborazione si è naturalmente imposta».

Lo "stile Cardiocentro" - «Il personale del Cardiocentro – continua Manserra – ha vissuto positivamente il processo d'integrazione, cogliendo lo spirito costruttivo della nuova gestione, rispettosa della nostra identità e, mi si perdoni l’espressione forse un po’ azzardata in tempi di pandemia, anche ben contenta di lasciarsi contagiare dallo "stile Cardiocentro", quel dinamismo e quel senso di appartenenza che rappresentano il lascito più prezioso della nostra storia. L’integrazione procede insomma in un clima di piena collaborazione da parte di tutti, compresi ovviamente i diversi servizi EOC coinvolti, e questo ha consentito di completare con successo alcuni passaggi necessari e delicati. So che può sembrare semplice, ma anche solo l’integrazione della telefonia e della posta elettronica è una faccenda tutt’altro che banale, in una realtà ospedaliera: abbiamo cambiato numeri di telefono e indirizzi email senza creare disservizi e disagi ai pazienti, e lo considero un successo, il risultato – ma vale anche per le cartelle cliniche, le piattaforme informatiche e i sistemi gestionali – di un lavoro dietro le quinte svolto con grande professionalità ed efficienza».

Ampliamento - Anche sul fronte degli investimenti e della pianificazione strategica, dove i buoni propositi si misurano nel concreto dei fatti e dei numeri, il bilancio di questi 12 mesi d'Istituto Cardiocentro Ticino - EOC può dirsi del tutto soddisfacente. «Sullo sfondo – assicura il Direttore Generale dell’EOC Glauco Martinetti – c’è l’attuazione del progetto già approvato di sopraelevazione dell’edificio del Cardiocentro, un ampliamento necessario per consentire lo sviluppo del Cardio anche in funzione delle sue sempre più importanti responsabilità accademiche. Il cantiere partirà nel 2023, ma la macchina ha già acceso i motori e come Direzione Generale abbiamo confermato l’impegno per un investimento che sarà di circa 15-17 milioni di franchi. Abbiamo poi dato pieno sostegno ai programmi di aggiornamento tecnologico pianificati dalla direzione del Cardiocentro, con un investimento di circa 2,5 milioni di franchi per la nuova, modernissima sala operatoria ibrida, inaugurata lo scorso 11 novembre, e abbiamo a bilancio circa due milioni di franchi destinati al completo rinnovamento di due sale di cardiologia interventistica, in programma quest’anno».

Modernizzazione - Lavori in corso anche in una prospettiva di modernizzazione dell’offerta clinica, obiettivo della prossima riorganizzazione dei servizi ambulatoriali, per una migliore e più efficiente presa in carico del paziente ambulante in un rapporto di sempre migliore collaborazione con la medicina del territorio e con i medici di famiglia. Il Cardio dei prossimi anni offrirà dunque ancora più medicina ambulatoriale, a completa soddisfazione dei pazienti della Svizzera Italiana.

Il vertice di una rete cantonale - «La novità più importante in questo inizio 2022 – conclude Martinetti –, è però l’unificazione dei servizi di cardiologia di tutti gli ospedali dell’Ente, e dunque della Cardiologia del San Giovanni di Bellinzona, della Carità di Locarno, del Civico e dell’Italiano di Lugano e del Beata Vergine di Mendrisio, sotto la direzione e la responsabilità clinica diretta del Cardiocentro. Abbiamo portato a compimento, in tempi brevi e difficili per le ragioni che conosciamo, il progetto di Cardiologia cantonale, con il Cardiocentro al vertice di una rete che copre l’intero territorio garantendo un’ottimale, efficiente e qualificata presa in carico di tutti i pazienti con patologie cardiache».

Sanità ticinese in crescita - Insomma, nella sua nuova stagione e nella sua nuova identità pubblica il Cardiocentro integrato nell’EOC si è di fatto ingrandito, sfruttando al meglio le sinergie offerte dall’intero ventaglio delle specializzazioni dell’Ente e accorpandone alcuni servizi. Lavori in corso, ma l’obiettivo e l’impegno di tutti restano la valorizzazione e lo sviluppo del Cardiocentro in un quadro di crescita complessiva della sanità ticinese a vantaggio dei pazienti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 4 mesi fa su tio
Altri 15-17 milioni di franchi dei Ticinesi, che vanno a Lugano
Tato50 4 mesi fa su tio
@Gus Perché ? Dovrebbero andare a Faido ? Certo sarebbe meglio non doverci andare, ma almeno abbiamo una struttura e del personale all'altezza senza dover far capo a quelli d'oltre S. Gottardo ;-(( Mi risulta che non ci vanno solo i ticinesi ma anche molti a sud di Chiasso !! Però se ti capita di averne bisogno puoi sempre rinunciare ;-(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 01:55:51 | 91.208.130.87