Immobili
Veicoli

LOCARNODopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento

07.12.21 - 18:21
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
Tipress
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
Il capodicastero Sicurezza, Pierluigi Zanchi: «Non direi che Locarno è diventata pericolosa la notte. Il fenomeno si è semplicemente spostato da altri luoghi che sono stati chiusi o dove hanno preso misure»

LOCARNO - Dopo il pestaggio, di cui è rimasto vittima sabato notte un 18enne, il Municipio ha deciso da subito misure urgenti. Il tema è stato discusso durante la seduta di questo pomeriggio, come conferma il capodicastero Sicurezza, Pierluigi Zanchi. 

Una discussione che ha già portato a una prima decisione: «Si tratta di una misura d’urgenza. Verrà da subito rafforzato il pattugliamento, in particolare durante le notti del venerdì e del sabato, con agenti della polizia comunale e in accordo con la Cantonale».

Ci sono però altre misure, continua il municipale, «più incisive e coercitive che saranno valutate sulla base di un rapporto in arrivo, a breve, dalla polizia». Ma Locarno, che non vuole più vivere vecchi incubi, pianifica anche altro: «In terzo luogo, sul medio e lungo termine, si sta valutando su come venire incontro a tutta una serie di problematiche che hanno a che fare con il sociale. Il tema è anche quello delle famiglie, con difficoltà particolari. Con gli operatori di prossimità verrà inoltre stabilito il tipo di lavoro che dovrebbero iniziare entro l’anno prossimo».

Ma Locarno è diventata una città pericolosa di notte? «No, non direi - risponde Zanchi -. Semplicemente a livello cantonale si sono spostate delle situazioni, perché altri luoghi o sono stati chiusi o hanno preso altre misure». La percezione o meglio le informazioni in possesso del Municipio sono che «una metà delle situazioni problematiche arriva in città da persone che vivono in Comuni che sono Locarno. Il fenomeno si è spostato, ma finché non riusciremo a risolverlo alla radice rimarrà tale. Purtroppo per due o tre persone che non sanno comportarsi, gli altri ne fanno le spese».

NOTIZIE PIÙ LETTE