Immobili
Veicoli
foto HRS
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 ore
Ecco dove saranno posizionati i radar in Ticino
I controlli della velocità saranno sparpagliati in sei degli otto distretti cantonali.
FOTO
GAMBAROGNO
10 ore
I cantieri stradali alterano il traffico a Magadino
Durante i prossimi mesi la via Cantonale della frazione del Gambarogno sarà soggetta a importanti lavori di manutenzione
AIROLO
11 ore
Auto contro camion, San Gottardo riaperto
L'incidente, avvenuto in territorio urano attorno alle 14.15, ha provocato la chiusura della galleria per circa tre ore.
CONFINE
14 ore
Auto ticinese si schianta a Maccagno, gravissimo un 15enne
L'incidente è avvenuto ieri sulla strada statale del Lago, a non molti chilometri dalla dogana di Dirinella.
CANTONE
14 ore
Le polizie sensibilizzano i centauri sul passo del San Gottardo
Domani si svolgerà la Giornata intercantonale prevenzione moto con un controllo di veicoli ed equipaggiamento
BELLINZONA
15 ore
Nuove nomine ai vertici delle scuole elementari di Bellinzona
Il Municipio ha scelto una nuova direttrice e tre vicedirettori. La Zona Blu è l'unica ancora senza vicepreside.
LOCARNO
15 ore
Un'educazione a contatto con la natura
I Verdi di Locarno, tramite un'interpellanza al Municipio, vogliono sviluppare nuove attività didattiche all'aperto.
LOCARNO
15 ore
«Spero che la giustizia mi dica chi ha ucciso mio figlio»
Parla la mamma del ragazzo di 23 anni trovato morto nell'appartamento di via Muro della Rossa
CONFINE
16 ore
L'acqua bassa fa saltare alcuni attracchi nel lago Maggiore
La società di navigazione ha sospeso certi scali a causa della siccità di questi giorni.
CANTONE
17 ore
STEG chiude le sue filiali in Ticino
I negozi di Lugano e Giubiasco cesseranno l'attività dal prossimo 9 luglio
LUGANO
27.10.2021 - 08:010
Aggiornamento : 13:26

Martin Kull, chi è l'imprenditore che costruirà (forse) lo stadio di Lugano

Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.

Martin Kull ha trasformato un'azienda familiare nel secondo colosso dell'edilizia elvetica. Sta investendo nella campagna per il "sì" e promette abitazioni «a prezzi moderati».

LUGANO - Se il 28 novembre passerà il "sì" alla votazione sul Polo sportivo di Lugano, a costruirlo sarà Martin Kull. Il nome dice poco ai ticinesi. Eppure il 62enne di Frauenfeld ha firmato alcuni dei più grandi cantieri degli ultimi anni in Svizzera - tra cui lo stadio di Bienne - trasformando la sua ditta familiare nel secondo colosso delle costruzioni del paese. Il suo segreto? «L'affidabilità, e metterci la faccia» dice. «Rimaniamo un'azienda gestita dai proprietari».  

Signor Kull, è vero che si è sposato in un cantiere?
«Verissimo. Mia moglie e io siamo soci in affari. Abbiamo scelto un luogo adatto». 

È cresciuto in una fattoria in Turgovia, in mezzo al verde. Ma non è molto amato dai Verdi, almeno a Lugano. È un nemico della natura?
«L'ecologia è fondamentale in ogni progetto immobiliare oggi. Ci impegniamo molto più di tante altre aziende nel costruire adottando le metodologie ecosostenibili più moderne. E questo è anche uno dei motivi per cui abbiamo successo». 

Cosa ne pensa della città di Lugano? Alcuni dicono che c'è troppo cemento. 
«Lugano è senza dubbio una delle città più affascinanti d'Europa. La posizione è straordinaria e l'atmosfera ticinese rende Lugano "the place to be"».

I toni della campagna referendaria si stanno scaldando. I contrari parlano di speculazione. 
«A mio avviso la campagna si sta svolgendo con la massima correttezza e ognuno espone i propri argomenti. Il progetto del Pse ha senso sotto tutti i punti di vista, ed è di fondamentale importanza per la popolazione luganese. Lugano è un'importante città svizzera e necessita finalmente di una valida infrastruttura sportiva». 
 
Per la Città il progetto non è realizzabile, senza coinvolgere i privati. Per voi lo Stadio non è un investimento interessante, senza la parte immobiliare?
«Dobbiamo essere consapevoli che grandi infrastrutture sportive possono essere costruite sostanzialmente solo attraverso un finanziamento misto, ad esempio una combinazione di abitazioni, uffici e strutture sportive, come a Lugano. In tal modo i costi sono sostenibili per tutte le parti coinvolte». 

Si teme che saranno abitazioni fuori mercato. Troppo costose.
«I prezzi saranno moderati e orientati al mercato»

Avete costruito stadi in altre città svizzere. Quello di Lugano è un osso particolarmente duro?
«Non direi. Siamo stati confrontati più volte con votazioni, l'ultima volta a Zurigo. Ritengo assolutamente sensato che simili progetti siano legittimati dal voto popolare. A Lugano la particolarità è che il committente non è un privato, ma la città stessa».  

Il cantiere avrà un indotto economico sul territorio?
«Ovviamente costruiamo, laddove ha senso, insieme a imprese locali. Conviene anche in termini economici. Ma non sono in grado di dire quante persone lavoreranno nel cantiere e dopo, negli uffici. Bisognerebbe chiederlo alla Città». 

La Hrs sta investendo nella campagna referendaria?
«I sostenitori hanno creato un fondo in cui versano ciascuno il proprio contributo, a eccezione della Città. Hrs vi prende parte, come tante altre organizzazioni partecipanti». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 03:06:57 | 91.208.130.85