foto HRS
ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
BELLINZONA
1 min
«Non è mai troppo tardi per sostenere il commercio locale»
Torna in occasione delle festività l’adesivo con l’hashtag #iosostengobellinzona.
LUGANO
2 ore
Tanti pacchetti per i bambini della casa Primavera
A consegnarli è stata l'associazione Life for Children
CANTONE
2 ore
Calano i fallimenti in Ticino
Sopra la media anche il numero di nuove aperture delle aziende nel nostro Cantone
LUGANO
3 ore
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE
4 ore
Giorgio Tuti eletto per un secondo mandato al vertice dei sindacati dei ferrovieri europei
I delegati della ETF si sono riuniti in modalità digitale questa mattina
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
6 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
FOTO
CANTONE
6 ore
Gobbi in Vallemaggia per discutere (anche) di aggregazioni
Il direttore del DI ha incontrato gli esecutivi di Cevio, Bosco Gurin, Campo Vallemaggia, Cerentino e Linescio.
CHIASSO
7 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
20 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LUGANO
27.10.2021 - 08:010
Aggiornamento : 13:26

Martin Kull, chi è l'imprenditore che costruirà (forse) lo stadio di Lugano

Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.

Martin Kull ha trasformato un'azienda familiare nel secondo colosso dell'edilizia elvetica. Sta investendo nella campagna per il "sì" e promette abitazioni «a prezzi moderati».

LUGANO - Se il 28 novembre passerà il "sì" alla votazione sul Polo sportivo di Lugano, a costruirlo sarà Martin Kull. Il nome dice poco ai ticinesi. Eppure il 62enne di Frauenfeld ha firmato alcuni dei più grandi cantieri degli ultimi anni in Svizzera - tra cui lo stadio di Bienne - trasformando la sua ditta familiare nel secondo colosso delle costruzioni del paese. Il suo segreto? «L'affidabilità, e metterci la faccia» dice. «Rimaniamo un'azienda gestita dai proprietari».  

Signor Kull, è vero che si è sposato in un cantiere?
«Verissimo. Mia moglie e io siamo soci in affari. Abbiamo scelto un luogo adatto». 

È cresciuto in una fattoria in Turgovia, in mezzo al verde. Ma non è molto amato dai Verdi, almeno a Lugano. È un nemico della natura?
«L'ecologia è fondamentale in ogni progetto immobiliare oggi. Ci impegniamo molto più di tante altre aziende nel costruire adottando le metodologie ecosostenibili più moderne. E questo è anche uno dei motivi per cui abbiamo successo». 

Cosa ne pensa della città di Lugano? Alcuni dicono che c'è troppo cemento. 
«Lugano è senza dubbio una delle città più affascinanti d'Europa. La posizione è straordinaria e l'atmosfera ticinese rende Lugano "the place to be"».

I toni della campagna referendaria si stanno scaldando. I contrari parlano di speculazione. 
«A mio avviso la campagna si sta svolgendo con la massima correttezza e ognuno espone i propri argomenti. Il progetto del Pse ha senso sotto tutti i punti di vista, ed è di fondamentale importanza per la popolazione luganese. Lugano è un'importante città svizzera e necessita finalmente di una valida infrastruttura sportiva». 
 
Per la Città il progetto non è realizzabile, senza coinvolgere i privati. Per voi lo Stadio non è un investimento interessante, senza la parte immobiliare?
«Dobbiamo essere consapevoli che grandi infrastrutture sportive possono essere costruite sostanzialmente solo attraverso un finanziamento misto, ad esempio una combinazione di abitazioni, uffici e strutture sportive, come a Lugano. In tal modo i costi sono sostenibili per tutte le parti coinvolte». 

Si teme che saranno abitazioni fuori mercato. Troppo costose.
«I prezzi saranno moderati e orientati al mercato»

Avete costruito stadi in altre città svizzere. Quello di Lugano è un osso particolarmente duro?
«Non direi. Siamo stati confrontati più volte con votazioni, l'ultima volta a Zurigo. Ritengo assolutamente sensato che simili progetti siano legittimati dal voto popolare. A Lugano la particolarità è che il committente non è un privato, ma la città stessa».  

Il cantiere avrà un indotto economico sul territorio?
«Ovviamente costruiamo, laddove ha senso, insieme a imprese locali. Conviene anche in termini economici. Ma non sono in grado di dire quante persone lavoreranno nel cantiere e dopo, negli uffici. Bisognerebbe chiederlo alla Città». 

La Hrs sta investendo nella campagna referendaria?
«I sostenitori hanno creato un fondo in cui versano ciascuno il proprio contributo, a eccezione della Città. Hrs vi prende parte, come tante altre organizzazioni partecipanti». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 17:09:54 | 91.208.130.89