tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
Mendrisio
7 ore
Mendrisiotto contro Ustra, anche il Plr si schiera
Il partito dice no alla corsia per la sosta dei camion lungo l'autostrada A2. «I camion vanno dosati prima»
LUGANO
9 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
10 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
Politica
12 ore
Partito comunista, eletto un nuovo Comitato Centrale di venti persone
Riconfermata la fiducia a Massimiliano Ay, rieletto segretario politico
CANTONE
13 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Il cuoco Diego Della Schiava è un nuovo talento
È attivo al The View di Lugano. È invece di Vals (GR) Mitja Birlo, il cuoco dell'anno
CADENAZZO
15 ore
Cento candeline per Carlo Giovanora
Il neo centenario è stato festeggiato dai famigliari e da una delegazione del Municipio di Cadenazzo.
CANTONE
16 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
16 ore
Roberta Pantani Tettamanti nel CdA di AET
Prenderà il posto di Ronald Ogna, membro del Consiglio d'Amministrazione dal 2009.
CANTONE
16 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
FOTO
CANTONE
17 ore
Il Pandamobil arriva in Ticino
Il WWF propone alle scuole la mostra itinerante “Plic, ploc... il ghiacciaio si scioglie!”
CANTONE
18 ore
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
CANTONE
26.10.2021 - 06:000

Primavera infelice per gli apicoltori, latita il miele d'acacia

Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».

L'invito resta comunque a consumare miele locale: «Rispetto ai mieli d’importazione è certamente più "vivo"».

LUGANO - Il maltempo, quest'anno, ha tarpato le ali alle api che, non potendo raccogliere il nettare, non hanno potuto impollinare i fiori. Conseguenza? Quest'anno di miele, in Svizzera, se n'è raccolto poco. I dati forniti da apisuisse parlano chiaro: il raccolto medio primaverile è stato di 1,9 chili per colonia. Per fare un confronto, solitamente se ne raccolgono 11,2 chili. È andato leggermente meglio il raccolto estivo medio: 5,3 chili contro i 18,7 chili dell'anno precedente. 

Miele d'acacia: «poco e niente» - Il Ticino tutto sommato se l'è cavata, ma gli apicoltori della Svizzera italiana non possono comunque cantare vittoria. «Non siamo usciti con le ossa rotte, ma è stato comunque un anno negativo», ammette Davide Conconi, presidente della Società Ticinese Apicoltori (FTA).

Anche alle nostre latitudini, infatti, le arnie hanno subito le conseguenze delle gelate primaverili: «Il raccolto sulla robinia, che permette la produzione di quello che comunemente è chiamato miele di acacia, è stato praticamente inesistente. È venuto a mancare un miele importante dal punto di vista commerciale e fondamentale in quanto "calcio d'inizio" della stagione riproduttiva delle api».

L'handicap ha costretto gli apicoltori a correre ai ripari: «Hanno dovuto nutrire in modo intensivo le colonie per non rischiare di perderle». Questo succedaneo del cibo vero ha permesso a malapena il loro sostentamento: «Al posto dei melari, adibiti a raccogliere il miele, si vanno a inserire delle scodelline con all'interno dello sciroppo zuccherino. Ovviamente le api non possono vivere un anno intero a sciroppo di zucchero, che resta alimento povero di nutrienti». 

In estate bene, ma non benissimo - Contrariamente a quanto accaduto in svizzera interna, in Ticino la stagione estiva ha permesso di tamponare le perdite subite in partenza: «Durante la fioritura del tiglio o del castagno le condizioni meteo sono state più generose. Così si è salvato quello che è il raccolto principale del Ticino, anche se non è stato comunque eccellente. A nord delle Alpi, invece, le cose non sono andate altrettanto bene proprio perché questa grande fioritura di tigli e castagni non c'è».

Miele più caro - Tutto ciò, inevitabilmente, andrà ad incidere sul costo del miele: «Soprattutto presso la grande distribuzione, che ha contratti con grandi distributori e che registrerà un calo delle forniture - suppone il presidente di FTA -. Immagino che il piccolo produttore, che vende direttamente al privato, preferirà sobbarcarsi i costi mantenendo inalterato il prezzo del prodotto per mantenere inalterato il rapporto di fiducia e di amicizia con il proprio cliente». 

Per Conconi, il prodotto locale resta comunque da privilegiare: «Quando si trovano nei supermercati dei mieli a basso costo, si deve considerare che questi arrivano dall’estero e subiscono diverse lavorazioni prima di finire sugli scaffali. Il miele ticinese, ma anche quello svizzero - quindi con una filiera corta - è in sostanza un prodotto più "vivo", preferibile dal punto di vista organolettico». 

A fare la differenza del prezzo, poi, anche la qualità di miele prodotto: «Non sono tutti uguali. Penso al miele di rododendro, che si raccoglie in montagna, è raro e molto soggetto alle condizioni meteo. Ovviamente il suo costo non potrà essere lo stesso di un miele d’acacia o di castagno».

In tutto ciò, la protagonista resta l’ape, che non se la sta passando benissimo negli ultimi anni: «Si tratta di una specie che fatica ad adattarsi al cambiamento climatico, così come alla cementificazione e all’uso di pesticidi chimici. Una specie che, ma ormai lo sappiamo tutti, va tenuta in seria considerazione e va protetta».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lorenzo62 1 mese fa su tio
Che tristezza. Le api e il miele sono la cartina al tornasole della salubrità dell'ambiente.
Evry 1 mese fa su tio
si ma dovete SFRUTTARLE MENO !!!!!! certi apicoltori sono peggio che i Landvogti saccheggiatori ! speriamo in meglio, auguri
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 04:11:42 | 91.208.130.86