Immobili
Veicoli
Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
En attendant Contact Tracing: «Ormai guarito, mi dicono "isolati"»
La marea di contagi ha ingolfato il Contact Tracing, la testimonianza di chi è stato avvisato quando era ormai guarito
LUGANO
3 ore
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
14 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
15 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CAMPIONE D'ITALIA
18 ore
Il Casinò di Campione riapre tra una settimana
Ora è ufficiale: la casa da gioco dell'enclave tornerà ad accogliere i clienti da mercoledì 26 gennaio.
FOTO
CANTONE
18 ore
Il Console italiano incontra il Governo
Durante la riunione si è discusso delle relazioni economiche tra Italia e Svizzera e di temi a carattere locale.
CANTONE
23 ore
Più soldi con il sole
La tariffa per la rimunerazione dell'energia stabilita da AET sale da 5,146 a 11,03 centesimi per kWh.
CANTONE
23 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
23 ore
Giornata da 13 tonnellate di aiuti per Tavolino Magico
La colletta svoltasi in nove diverse fililali Coop lo scorso 11 dicembre è stata un successo.
CANTONE
1 gior
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
1 gior
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
1 gior
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
03.09.2021 - 11:110

Il 2020 del sostegno sociale

A dicembre in Ticino i nuclei familiari a beneficio delle prestazioni erano 5'184

BELLINZONA -  

A dicembre 2020 in Ticino le persone beneficiarie di prestazioni assistenziali costituivano il 2,2% della popolazione residente. È quanto fa sapere il Dipartimento della sanità e della socialità, pubblicando i dati sulle prestazioni relativi allo scorso anno.

I nuclei familiari a beneficio delle prestazioni erano 5'184, il 2,5% in meno rispetto allo stesso mese del 2019. Le persone beneficiarie, ovvero tutti i membri appartenenti al nucleo familiare (titolari del diritto, coniugi, conviventi o figli) erano in totale 7’863 (-2,3% rispetto al 2019). La marcata diminuzione delle prestazioni assistenziali erogate è principalmente spiegata con l’efficacia delle misure straordinarie istituite dalla Confederazione e dal Cantone per far fronte alle conseguenze economiche della pandemia.

Malgrado la situazione particolare, vi sono tuttavia un numero importante di dossier che sono stati chiusi: le chiusure avvenute nel corso del 2020 erano principalmente riconducibili a un'uscita verso il mondo del lavoro (27,5%) o a un'uscita verso rendite delle assicurazioni sociali AVS/AI (19,6%).

Per quanto concerne il settore dei richiedenti l’asilo e dei rifugiati, si è assistito a un’importante riduzione delle nuove domande d’asilo depositate in Svizzera nel 2020 (-22,6% rispetto al 2019), dovuta principalmente alle limitazioni alle frontiere. Si registra per contro un leggero aumento complessivo delle persone afferenti al fenomeno dell’asilo sul territorio cantonale (+2,8% rispetto al 2019).

Profilo dei beneficiari USSI a dicembre 2020 - La maggioranza dei nuclei familiari a beneficio di sostegno sociale era costituita da persone sole (72,8%), mentre quasi un quarto era composto da famiglie con figli (23,3%).

La maggior parte dei titolari del diritto era rappresentata da persone di nazionalità svizzera (62,2%). Lo stesso dato riferito al numero di persone evidenzia una riduzione degli stranieri provenienti dall’Europa UE 28 (-88; -6%).

Per quanto riguarda l’età, le persone tra i 36 e i 55 anni rappresentavano quasi la metà dei titolari del diritto (2’496, 48,1%). Rispetto a dicembre 2019, la diminuzione più marcata si è riscontrata tra i titolari di età compresa tra i 18 e i 25 anni (-97, -14,2%).

Considerando il livello di formazione, il 53,5% dei titolari del diritto era in possesso di una formazione post-obbligatoria, mentre il 40,9% aveva al più terminato l’obbligo scolastico.

Misure d’inserimento e d'integrazione - Per i beneficiari di sostegno sociale il Cantone è attivo con diverse misure d’inserimento e d'integrazione socio-professionale grazie a una strategia che prevede la collaborazione tra il Dipartimento della sanità e della socialità e il Dipartimento delle finanze e dell’economia per il percorso professionale e con il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport per le misure formative.

Misure d'inserimento - Per far fronte in modo sempre più efficace e mirato all’eterogeneità dei percorsi e delle caratteristiche dei beneficiari, da aprile 2018 è iniziato un progetto specifico per i giovani tra i 18 e i 25 anni, al quale è stato dedicato un capitolo di approfondimento.

A fine 2020 erano complessivamente 914 le persone con un contratto d'inserimento, di cui 755 in un percorso d’inserimento sociale o di formazione e 159 in uno professionale. I giovani 18-25 con contratto attivo erano invece 162, di cui 153 in un percorso d’inserimento sociale o di formazione e 9 in uno professionale. Nel 2020 62 giovani hanno chiuso il proprio dossier perché hanno trovato un lavoro.

Misure d'integrazione - Complessivamente, dal 1 maggio 2019 – data di entrata in vigore dell’Agenda Integrazione Svizzera – sono state seguite in accompagnamento individualizzato 275 persone, di cui 153 erano maggiori di 16 anni e 122 avevano meno di 16 anni. Per entrambe le fasce di età si tratta principalmente di rifugiati riconosciuti con permesso B. Per i giovani con età inferiore ai 16 anni è prioritario l’inserimento nella scuola dell’obbligo. Per coloro che hanno un’età superiore, l’apprendimento dell’italiano costituisce il primo importante passo per l’integrazione sul territorio e la frequenza di una misura di formazione o d'inserimento socio-professionale.

Report trimestrale aprile-giugno 2021 - La Sezione del sostegno sociale pubblica inoltre il report sul secondo trimestre 2021. Oltre all’aggiornamento dei dati generali sulle prestazioni assistenziali e sull’attività d'inserimento, il documento presenta un approfondimento statistico concernente i giovani tra i 18 e i 25 anni e uno tematico sul tema dell’indebitamento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 09:48:22 | 91.208.130.86